Zambia: da Livingstone in poi

Donnavventura in Africa

Livingstone. Finalmente adrenalina. Il fiume Zambesi e le Victoria Falls sono fonte di richiamo per il loro fascino e sono mete imperdibili per tutti gli amanti delle attività estreme. Io per prima volevo fare tutto quello che c’era da fare e la parola d’ordine era sempre la stessa: jump! C’è un ponte sullo Zambesi che permette un salto di 111 m, uno dei più alti al mondo, farlo è stato strepitoso!, Mi hanno legata ai piedi, mi sono sporta da un gradino e ho aspettato: 3, 2, 1 . Jump.

Guardando sotto non mi sono concessa pensieri per evitare ripensamenti, ho allargato le braccia e mi sono lanciata verso l’alto, senza chiudere gli occhi neanche per un secondo. La sensazione iniziale è stata quella di un pugno nello stomaco, quando ti manca il respiro.

Non è piacevole, perché non è facile gestire una sensazione così forte e mai provata prima. Tutto accade in una manciata di secondi, ti senti strattonare quando la corda finisce e poi sali e scendi per non so quante volte e contro quanto tutti dicono mi è piaciuto tantissimo stare a testa in giù, a guardare tutto al contrario, con la testa che ti pesa fino a stordirti. Le percezioni sono dilatate e senti ogni fruscio, vedi tutto come in un film a rallentatore. Poi ho saltato di nuovo da un dirupo, questa volta legata alla schiena, mi dovevo rannicchiare per evitare contraccolpi al collo e alla colonna e..jump!

Mi sono lanciata all’indietro, giù come un sasso, con la faccia rivolta alla montagna.che figata!! Ancora teleferica tra due montagne e senza prendere fiato un volo d’angelo che mi ha lasciato sospesa sul dirupo..insomma un’emozione dopo l’altra! Siamo andate anche da un leggendario “domatore” di coccodrilli, il più pesante pesava mille chili, il più cattivo aveva sulla coscienza decine di persone e noi eravamo a pochissimi centimetri da loro!.

Dopo qualche ora eravamo circondate dai serpenti più pericolosi dell’Africa! Il giorno seguente abbiamo percorso in canoa 12 Km tra le acque dello Zambesi infestato da coccodrilli e ippopotami! Per non parlare del rafting e del ribaltamento! E’ stata la settimana più eccitante del viaggio e lo Zambia mi rimarrà nel cuore per la sua bellezza: per Kota kota, le cascate, il fiume e le sue leggende. Un brivido percorrerà la mia pelle ogni volta che ricorderò Livingstone e le giornate spese tra risa, pianti e adrenalina.

Chicca

Keitumetsi – Okavango Delta, Botswana

 

Racconto di Francesca Minieri