Isole Vergini Spagnole

Vieques e Culebra

Escursioni da Puertorico

A circa 10 chilometri dell’isola principale di Puertorico, le Isole Vergini spagnole offrono uno scenario ed un paradiso incredibile. Sono tanti i locali che frequentano il fine settimana queste isole, così come i turisti, anche se per la maggior parte dei casi si tratta di gite di un solo giorno. Le isole in questione sono Vieques e Culebra.
La prima per 2/3 è occupata dall’esercito americano ed è raggiungibile in poco più di una ora di traghetto dal porto di Fajardo, misura 30 chilometri per 7 ed è abitata da 10.000 abitanti, la maggior parte dei quali abita nel quartiere di Isabella. Questa isola è una delle più belle del Puertorico ed ha un piccolo particolare caratteristico. La spiaggia di Mosquito Bay ha una forte concentrazione di microorganismi bioluminescenti, questi organismi permettono di fare il bagno a mezzanotte in queste acque che magicamente diventano fosforescenti, cosi come il corpo dei bagnanti, un’esperienza unica ed imperdibile che si può provare solo in queste acque.

puertorico

Sempre verso nord e sempre raggiungibile con un ora di traghetto dal porto di Fajardo si trova l’isola paradiso di Puertorico, Culebra. L’isola è a forma di granchio e si estende per 10 chilometri di lunghezza e per 6 di larghezza. Conta soltanto 2000 abitanti, dislocati tutti nel villaggio di Dewey. Per anni rifugio di pirati è da più di 100 anni che l’isola è classificata come Riserva Naturale. Se ci fossero dubbi a proposito, basterà fare una gita a Playa Flamenco, dichiarata una delle dieci spiagge più belle del Mondo. Le sue acque incredibilmente turchesi e brillanti, la sabbia color borotalco e la baia semi, circolare ricca di vegetazione, sono la cornice migliore per le immersioni tra mante, barracuda, pesci tropicali e tartarughe giganti, che hanno scelto di nidificare ogni anno proprio su questo piccolo pezzo di paradiso.

Scarica gratis la Mini Guida di Puertorico in formato Pdf

Posted by on 28 aprile 2012. Filed under Centro America. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>