Riserve Indiane

Riserve Indiane Miniguida

Sono Raffaella Milandri, viaggiatrice in solitaria e fotografa, e sento doveroso raccogliere alcuni consigli che sono orientati più al viaggiatore che al turista, a colui o colei che intende il viaggio come esperienza di vita e full immersion in una realtà molto diversa dalla nostra.
Una riserva indiana , pur se incastonata negli Stati Uniti, è un paese a sé stante, con tradizioni e cultura diverse, sopravvissute miracolosamente a uno sterminio premeditato e prolungato dall’uomo bianco per la conquista della grande America. Se in passato la riserva indiana era una sorta di “campo di deportazione” , di “rieducazione” e di isolamento per i nativi americani, oggi assume sempre più la fisionomia di un rifugio e di una protezione dalla globalizzazione . La perdita della propria identità è la paura maggiore dei nativi americani: dopo che nei secoli passati , pur lottando, sono stati forzati a cambiare nomi, lingua, e religione, la strenua resistenza in molte riserve è stata infine fiaccata da una pingue e irresistibile occidentalizzazione. Pur avendo conquistato molti diritti, i nativi americani ancora lottano contro razzismo e pregiudizi, e le riserve sono piagate da disoccupazione, alcolismo e suicidi. Le riserve indiane negli Stati Uniti sono diverse centinaia, e ve ne sono soprattutto all’ovest e al nord.

riserve-indiane2

L’appello a chi visita le riserve indiane negli States è il seguente: rispettate la cultura, l’identità, le tradizioni, soprattutto siate discreti e corretti. Nella riserva Hopi ad esempio, viene chiesto di non fare foto : adeguatevi e siatene fieri. Aiutate gli indiani d’America acquistando da loro monili e manufatti, sostenete le riserve premurandovi di spendere i vostri soldi presso attività gestite dai membri della tribù. Dentro e fuori dalle riserve brulicano molti negozi di souvenir e manufatti dei nativi gestiti da bianchi. Che, da testimonianze da me raccolte, acquistano dalle tribù per due soldi e rivendono a prezzi esosi. Presso i Visitor Center di ogni Stato o Contea, prendete informazioni adeguate e, se non bastano, chiedete al Visitor Center della riserva o ai membri della tribù dove acquistare direttamente per aiutare la comunità.
Ecco la mia miniguida divisa per argomenti:

In quasi tutti gli Stati americani ci sono riserve indiane, basta informarsi.
Consiglio questo link http://www.nps.gov/nagpra/DOCUMENTS/ResMap.htm
ad una mappa del sito del National Park Service. Durante tutto l’anno vi sono “pow wow” , feste delle tribù in costume: bellissimi eventi a cui assistere. Qui il link al sito dove si può consultare il calendario http://www.powwows.com . La scelta della tribù è poi una decisione individuale, in base a gusti e cultura personale. Da visitare sempre con estremo rispetto e discrezione.
Per spostarsi in libertà, è assolutamente necessario noleggiare una vettura: negli Stati Uniti i costi sono limitati e viaggiare in macchina permette di scegliere cambi di programma e di itinerario sulla base di informazioni raccolte sul posto.

DOVE DORMIRE

Non in tutte le riserve ci sono alberghi o bed & breakfast. In ogni caso, le varie catene di Motel 6, Super 8 etc etc hanno camere pulite ad economiche , il check in è permesso ad ogni ora e sono molto diffusi sul territorio.

DOVE E COSA MANGIARE

Ovunque e qualsiasi cosa. Dalle grandi catene di fast food al cibo comprato al supermercato, è facile mantenere un budget di spesa ridotto. Ma se capitate in Texas aprite il portafogli e non perdetevi un megagalattico filetto di carne alla brace (i più grandi e succulenti del mondo!) . In Louisiana gustate le delicatezze cajun. La cucina messicana, cinese, tailandese sono diffuse dovunque. E’ invece talvolta difficile assaggiare la cucina tipica e originale di una tribù: sono perlopiù piatti preparati in occasioni speciali, a base di zuppe , carne e vegetali.

riserve-indiane

ABBIGLIAMENTO

Assolutamente pratico, signorine per favore niente tacchi alti e minigonne . L’America è il paese del non-conformismo (tranne a Miami, Malibu e nelle grandi città) e vestire con jeans e maglietta vi farà sentire più in sintonia con tutti. Io sono stata ricevuta anche in uffici di Governatori vestita in modo semplice e giuro non ne ho perso di credibilità. Nelle riserve è consigliato quindi abbigliamento sportivo e poco appariscente.

VACCINI E MEDICINE

E’ fondamentale una buona assicurazione sanitaria. Gli Stati Uniti sono tristemente famosi per conti di medici e ospedali veramente salati. Non serve nessun vaccino, ma una buona farmacia da viaggio (antibiotico, antipiretico, antidiarroico, sali minerali, etc) è fortemente raccomandata. In ogni riserva c’è sempre un ospedale.
SOLDI : carta di credito indispensabile (anche per noleggiare l’auto) , il bancomat (ATM) può essere utile ma non funziona dappertutto per banche internazionali. Portare sempre una buona scorta di dollari cash (contanti) adeguatamente riposta e suddivisa tra tasche, zaino etc . Soprattutto per acquistare manufatti direttamente da membri della tribù può essere utile il cash.

GUIDE

Nelle riserve indiane avere una guida del posto è una esperienza unica e preziosa. Assaporate la spiritualità di queste antiche tribù attraverso i loro discendenti , che vi possono raccontare storie mai scritte e portare in luoghi fuori dalla massa.

FOTO: Chiedete SEMPRE il permesso prima di fare una foto , e rispettate la dignità delle persone.
Moltissimi turisti fanno foto nelle riserve indiane e poi le pubblicano su internet o addirittura le vendono senza scrupoli. Ma siamo nel 2012, internet è dappertutto e un domani qualcuno potrebbe rivendicare i diritti sulle vostre foto.

LINGUA: L’inglese è indispensabile per muoversi al di fuori di tour organizzati e per avere un rapporto diretto con i nativi americani. In molte riserve esistono scuole dove viene insegnata la lingua nativa , prima che venga dispersa e perduta per sempre. Ma tutti parlano inglese.

CLIMA: Informatevi bene prima di scegliere il periodo del viaggio e la zona da visitare.
TELEFONO E INTERNET: Se la permanenza è lunga, conviene fare un contratto con un operatore locale , oppure munitevi di carte internazionali prepagate (acquistabili in molte stazioni di servizio ). Internet è ovunque, rete wireless in alberghi e internet point per ogni cittadina.

DONNE SOLE: sia nella riserva Navajo, che in centro a Milano, una donna sola deve mantenere alto il buonsenso. Tutto il mondo è paese: non accettate bevande alcoliche o sostanze di dubbia provenienza e dai possibili effetti indesiderati.
Nota: è in preparazione il mio nuovo libro , sulla tribù dei Crow, in Montana. In uscita a primavera 2013.

Mini Guida di Raffaella Milandri