Dal Madagascar alla nebbia.

Racconto di viaggio in Madagascar

02/11/03
Dopo molti mesi di preparativi, di ricerche su internet, di richieste di informazioni su IHV, è finalmente arrivato il giorno della nostra partenza per il Madagascar.
Prima di qualsiasi racconto sul paese vogliamo ringraziare tutti coloro che ci hanno aiutato nell’organizzazione del viaggio, fornendoci informazioni utili per pianificarlo e precisamente:
Maurizio Navarra (Er Principe), Stefania, Seshe e Marcaval dal cui sito abbiamo raccolte molte notizie, Gianluca il contatto a Nosy Be, e Mahery l’autista.
Anche quest’anno la partenza sarà dall’aeroporto di Bologna alle ore 07,30 con un volo Air France che via Parigi raggiungerà alle 23,00 l’aeroporto di Antananarivo, la capitale.
Partiamo da casa alle 04,00 e dopo aver parcheggiato l’auto al nostro “solito” parcheggio abusivo, cioè alla mensa dell’aeroporto, abbiamo fatto la stessa cosa per il viaggio in Guatemala e Belize evitando così di pagare 100 euri di parcheggio, ci imbarchiamo sul volo diretto a Parigi alle ore 07,00.
Arriviamo all’aeroporto di Parigi alle 09,15 ci spostiamo al Terminal “C” da dove partono i voli internazionali. I posti che ci sono stati assegnati non sono dei migliori: ultima fila sulla coda di un Boing 747, ma le 10 ore di volo passano senza problemi, tra la visione di film e solitari, intramezzati da qualche ora di sonno, scomoda, visto che le poltrone non si reclinano.
Arriviamo all’aeroporto di Tanà in perfetto orario: 23,00.

La serata è abbastanza calda, circa 18 gradi anche se un po’ umida, infatti la pista è bagnata: deve aver piovuto da poco.
Ci dirigiamo verso la sala arrivi dove dovremo espletare le rituali formalità per il visto di ingresso,
ci troviamo in un salone privo di luci a fare la coda per acquistare il bollo da mettere sul passaporto, ci accorgiamo subito che i due addetti parlano solo uno stentatissimo francese e naturalmente il malgascio, quindi esitando, il nostro francese è praticamente nullo, ci avviciniamo al banco, ma ci rendiamo subito conto che non dovremmo improvvisare nulla, infatti fanno tutto gli addetti senza rivolgerci parola a parte la richiesta di soldi.
Ora non ci resta che ritirare i bagagli, passare la dogana e andare ad incontrare Mahery, che sarà il nostro autista per i prossimi nove giorni.
È un ragazzo di 35 anni con macchina Pegeout 405 e, come da accordi presi via e-mail, ci accompagna all’ Hotel Sakamanga, che dista 15 Km dall’aeroporto.
Sarà una nostra costante, ma anche l’automobile di Mahery, come quella che abbiamo avuto in Tanzania, è praticamente senza luci …le luci anabbaglianti della macchina sono come le luci di posizione di un’auto nuova. Percorriamo i 15Km praticamente al buio e arriviamo all’Hotel dopo 30 minuti, abbiamo parzialmente attraversato la città: il primo impatto con Tanà ci ricorda molto Città del Guatemala, strade buie, poca gente in giro e secondo Mahery, non molto raccomandabile.
La nostra stanza è molto carina e pulita, e ciò non guasta visto che ormai sono circa 24 ore che giriamo e la stanchezza comincia a farsi sentire, così dopo una doccia, una telefonata a casa piombiamo in un sonno profondo.

03/11/03
Sveglia alle 07,30 e prima di andare a far colazione decidiamo di dare un’occhiatina alla zona davanti l’hotel, la strada è trafficata, quasi tutte scassate R4, i marciapiedi sono pieni di gente, c’è chi sta lì a non far nulla, chi improvvisa delle “bancarelle” dove poter vendere qualunque tipo di oggetto, chi ci si offre come guida per un tour della città, ma è
già ora di rientrare in albergo dove abbiamo appuntamento con Mahery.
Puntualissimo Mahery si presenta al ristorante, lo facciamo accomodare al nostro tavolo e mentre facciamo colazione insieme, definiamo il contratto per il tour, ci costerà 500 euro, durerà nove giorni e percorreremo circa 2000km.
Mentre noi carichiamo gli zaini in macchina, Mahery ci va a cambiare 200 euro da un suo amico che si rivelerà molto più conveniente, infatti mentre i cambi ufficiali e le banche valutano 1€ 6600-6700 FMG lui spunta un cambio a 7100FMG, così ci ritroviamo con una sbalza di soldi che a stento entra nel portafogli.
Prima di uscire da Tanà abbiamo ancora due cose da sbrigare e cioè, dobbiamo prenotare una camera per il giorno della nostra partenza per Nosy Be e, dal momento che l’Hotel Sakamanga è già al completo, su consiglio di Mahery prenotiamo allo Shangai Hotel nella zona vicino all’ambasciata americana, poi dobbiamo andare all’ufficio della Relais de la Reine per confermare la prenotazione che abbiamo fatto dall’Italia via e-mail, alleggerendoci così di 180 euri.
Espletate queste due formalità, siamo pronti per dirigerci verso la nostra prima tappa: il Parco Nazionale di Andisabe-Mantadia.
Per uscire da Tanà passiamo per il centro, è abbastanza caotico, ma rispetto la sera prima ci fa una buona impressione, anzi probabilmente avendo a disposizione qualche giorno in più meriterebbe un giro più approfondito.
Rimaniamo colpiti da diverse cose: la quantità di gente in giro per le strade che cerca di vendere quello che può, la confusione che c’è nei mercati con migliaia di bancarelle che ammassate una sull’altra vendono di tutto, dalla frutta ai pneumatici, dalla carne appesa sui banchi circondata da miriadi di mosce al legname, dai mobili a fantomatiche farmacie…, infine ci rimane impresso l’odore acre del fumo che si alza da centinaia di fuochi accesi per bruciare i rifiuti o per cucinare, visto che non c’è il gas qualsiasi cibo viene cotto con il carbone.
Usciamo dalla città in un’ora circa, siamo diretti verso est e cominciamo a vedere le prime risaie che si trovano nei dintorni di Tanà. La prima sosta è in una riserva privata dove possiamo vedere camaleonti, rane, insetti, serpenti, farfalle, gechi e coccodrilli.
Le due ore che trascorriamo passano rapidamente, ci fa da cicerone Riccardo che è il gestore della riserva, ad ogni gabbia o voliera che passiamo ci mostra gli animali che sono all’interno e alcuni ce li fa prendere in mano… io mi faccio addirittura fotografare con dei camaleonti che mi si arrampicano addosso, cosa da non credere visto la mia riluttanza verso i rettili, ma ancor più incredibile è Annalisa che riesce ad entrare in una voliera piena di farfalle, lei ha la “fobia” di questo splendido animale.

È gia ora di ripartire, continuiamo il viaggio verso il Perinet attraversando altre risaie, foreste di eucalipti e villaggi costruiti con mattoni di terra rossa. Per strada ogni tanto incrociamo qualche carro dipinto trainato da zebù (vengono utilizzati per il trasporto delle merci) e qualche camion ma di macchine veramente poche.
Alle 16,00 arriviamo ad Andisabe, dove si trova l’hotel che ci ospiterà per i prossimi due giorni, Feon ny Ala(canto della foresta), ci fa subito una buona impressione, i bungalows sono singoli disposti su terrazze di fronte ad un fiume, sono spartani costruiti in legno con il tetto di foglie dell’albero del Madagascar ma soprattutto in una posizione dalla quale si riescono a sentire i richiami dei lemuri che abitano nella vicina foresta.
Ci rendiamo conto di non aver mangiato ancora nulla da questa mattina, quindi prima di partire per l’escursione notturna alla scoperta dei lemuri, decidiamo di mettere qualcosa nello stomaco: riso e patatine fritte annaffiate da birra locale: la Three Horses.
Alle 17,45 mentre ci prepariamo per partire inizia a fare qualche goccia di pioggia, in questa regione è la stagione delle piogge, ci sembra cosa da poco, decidiamo comunque di prendere parte al giro, muniti di Kway.
Insieme a Mahery andiamo a prendere Etienne che sarà la nostra guida.
La prima parte del giro è una perlustrazione dei bordi della strada principale, dove c’è una fitta vegetazione e si possono vedere alcune rane Tomato ( perché completamente rosse) e alcuni gechi.
Non vediamo altro per ½ ora fino a quando Etienne prende un sentiero secondario che porta all’interno della foresta e qui finalmente incontriamo qualcosa di molto interessante, dapprima un camaleonte della specie più piccola che esiste, è adagiato su un ramo, credo solo la vista allenata di una guida potesse notarlo, poi finalmente un lemure Microcebi, che da dietro un albero ci fa una veloce apparizione, non riusciamo a vederlo molto bene perchè è abbastanza piccolo, più o meno come un criceto, ma i sui occhi sbarrati sembra che ci stiano fissando.
Mentre procediamo, sotto una pioggia che si è fatta sempre più insistente, Etienne punta il fascio di luce su un grande albero e riusciamo a intravedere anche un lemure Gray notturno, a dir la verità noi vediamo solo delle foglie che si muovono sull’albero ma Etienne ci assicura che li c’è un lemure.
Soddisfatti ma completamente bagnati torniamo in albergo per la cena, che si rivelerà una piacevolissima sorpresa, prendiamo zuppa vegetale e bistecca di zebù con riso bianco.
Tutto è buonissimo, soprattutto le bistecche che non hanno nulla a che vedere con quelle di gnù, tipo suole delle scarpe che avevamo mangiato in Tanzania, ma sono tenere, molto saporite e cotte al punto giusto.
Rientriamo in bungalow alle 21,30 è presto ma siamo molto stanchi e anche questa sera cadiamo in catalessi.

04/11/03
La sveglia è alle 6,30, ha piovuto per tutta la notte, ma ora il tempo è notevolmente migliorato e un pallido sole è già alto in cielo, questo ci rende allegri e più dinamici per affrontare la giornata: andremo alla Riserva speciale di Analamazao prima e poi a quella di Mantadia alla scoperta dei lemuri.
L’ingresso ai parchi costa 50000 FMG a testa e a guidarci nei giri c’è di nuovo Etienne, che pochi minuti dopo l’ingresso al primo parco avvista per primo una famiglia di Lemuri Indri: sono bellissimi e i più grandi di tutto il Madagascar, le dimensioni vanno da 60-a 75 cm compresa la piccola coda e pesano dai 6 agli 8 Kg, nonostante la loro mole si aggrappano verticalmente ai tronchi, e saltano con le loro potenti zampe fino a 10Mt per volta.
Si riconoscono facilmente in mezzo alle foglie perché sono di colore bianco e nero, hanno delle orecchie grandi e tondeggianti che li fanno apparire come degli “orsacchiotti”, ed emettono delle inconfondibili grida, udibili fino a tre km di distanza, differenti tra loro se indicano richiamo, pericolo o corteggiamento.

Dopo averli osservati per mezza ora ci mettiamo alla ricerca di qualche altra specie, non ci vorrà molto infatti poco dopo avvistiamo dei Lemuri più piccoli e veloci, di colore marrone.
Mentre procediamo siamo molto attenti ad ogni piccolo rumore e a qualsiasi movimento, però è sempre Etienne che riesce ad avvistare qualche animale, più avanti ci fa notare delle piccolissime rane, poi dei gechi completamente mimetizzati con la corteccia dell’albero dove sono appoggiati: sono dovuto arrivare a mezzo cm dal tronco per distinguere il geco dal resto, dulcis in fundo un boa che sta dormendo quindi possiamo “accarezzarlo” senza correre alcun pericolo.

Anche per quanto riguarda la flora Etienne ci dispensa molte utili informazioni su piante medicinali, orchidee, agave, felci etc …
Usciamo dalla riserva quando è ora di pranzo, mangiamo velocemente qualcosa al ristorante del nostro hotel, poi ci dirigiamo verso il Parco Mantadia.
Prima decidiamo di fare un giro a piedi nel villaggio di Andisabe infatti si trova si trova sulla strada che ci porterà al parco e può essere un buon posto per vedere un po’ di vita locale.
Lo si raggiunge attraversando una vecchia stazione, ora in disuso perché non ci sono treni, proseguendo lungo un sentiero sterrato si arriva sulla strada principale: c’è un emporio, il mercato sui cui banchi sono stati disposti ordinatamente pochissimi ortaggi, qualche bancarella di abiti usati, bambini svestiti che rincorrono un gruppo di papere starnazzanti, salendo ancora più in alto arriviamo in un piazzale con un’enorme antenna parabolica dove si affacciano la scuola, la chiesa e un oratorio dove scorgiamo un gruppo di bambini incollati davanti ad un vecchio televisore in bianco e nero, guardano una telenovela. Guardando verso la vallata scopriamo un campo di pallone dove altri bambini stanno giocando una partita, credo siano venti contro venti e giocano a piedi nudi con più di un pallone alla volta, poi, sulla destra, i tetti di lamiera arrugginita delle abitazioni del villaggio.
Le condizioni di vita sono veramente molto dure: non c’è acqua potabile, non c’è un sistema di fognature e non c’è corrente elettrica se non in pochissimi casi, ma alle persone che abbiamo incontrato sembra proprio non mancare niente o sono solo rassegnate?
Arriviamo al parco nel primo pomeriggio, qui la vegetazione è diversa ci troviamo infatti in una foresta primaria con degli alberi altissimi e secolari.
Nel percorso che durerà 3 ore circa incontriamo il Sifaki Lemuri Coronato dal Diadema, abbastanza simile all’Indri, compresa la coda è il più grande della foresta pluviale infatti raggiunge i 100cm ma con la coda che va dai 40 a 50 cm.
Questa specie secondo me la più bella che ho potuto vedere, è completamente di colore scuro, ha il muso nudo privo di peli, gli occhi arancione- rossi, una fascia colorata di bianco crema all’estremità posteriore dei fianchi che si accentua di colore rosso-scuro bruni fino a confluire nella pelliccia scura.
Anche questo vive sugli alberi in gruppi da tre a nove individui e come molte altre specie di lemuri la femmina è dominante, si nutrono di una grande varietà di foglie, frutti, e fiori.
Incontriamo anche il Lemure rosa con gli occhiali, la caratteristica di questa specie è che sono di colore marrone tendente al rosa e che il maschio ha intorno agli occhi del pelo bianco tanto da far sembrare che porti gli occhiali.
Vediamo inoltre l’apalemure grigio o Lemure del bambù, che, come dice il soprannome, vive prevalentemente sui bambù di cui si nutre, selezionando i germogli, la base delle foglie e la parte dello stelo, questo tra i lemuri diurni è il più piccolo.

Riusciamo a vedere anche un camaleonte, delle piccole rane colorate di un verde intensissimo e zampe nere, degli insetti molto simili a rami secchi, un serpente, l’uccello del paradiso, dei pappagalli, diverse lucertole e tanti tipi di piante.
Sono circa le 17,30 quando usciamo dal parco, e riprendiamo la strada verso l’Hotel.
Anche questa giornata è passata molto velocemente, ma le otto ore di cammino all’interno dei parchi si fanno sentire, quindi, dopo l’ottima cena, rientriamo nel bungalow, Annalisa si addormenta come un sasso e io decido di leggere qualcosa prima di dormire.

05/11/03
Oggi non abbiamo delle escursioni da fare, ma anche questa mattina la sveglia è alle 06,30, perché dovremo percorrere 300km di strada, la distanza che c’è tra Antsirabe e Andisabe , e anche se la strada è asfaltata, paragonabile ad una strada provinciale italiana, la velocità di crociera sarà di circa 50 Km/h, per cui se non ci saranno inconvenienti impiegheremo 7-8 ore compreso pranzo e soste varie.
Lungo la strada ci fermiamo ogni volta che vediamo degli scorci panoramici che sono, le ormai consuete risaie, dove le persone dei villaggi lavorano ininterrottamente per 12 ore al giorno, aiutate dagli zebù che vengono utilizzati per muovere il terreno prima della semina e i villaggi fatti di case di terra rossa e tetto di paglia, con delle finestre chiuse da persiane generalmente colorate dell’azzurro del cielo, i bordi delle stesse sono anneriti perché non essendoci il camino all’interno della casa, il fumo prodotto dal carbone utilizzato per cucinare esce dalle finestre che vengono lasciate appositamente aperte.
Questo paesaggio appare ai nostri occhi come una tela dipinta: un cielo azzurro dove si stagliano colline dalle mille sfumature di verde con qualche macchia nera, gli zebù, e delle piccole case di terra rossa con le finestre azzurre come il cielo.

Per diverso tempo lungo la strada rimaniamo in silenzio ad osservare questo spettacolo per noi inusuale.
Attraversiamo Tanà e una serie di villaggi, dove a causa delle prossime elezioni si svolgono comizi politici con tanto di oratore, striscioni, magliette con impresso il viso del candidato e slogan, canti e balli, cose d’altri tempi per noi: sarebbe curioso sapere cosa viene promesso a questa povera gente, anche se con mezzi diversi, credo le solite promesse che possiamo sentire nelle nostre campagne elettorali, promesse che poi non saranno mantenute…
Ci fermiamo in un ristorante che secondo Mahery è molto chic, infatti è frequentato da uomini malgasci facoltosi e da turisti, molti dei quali accompagnati da fanciulle del posto, nonostante ovunque ci siano cartelli che “vietano” il turismo a sfondo sessuale che in questi ultimi anni, causa la crisi economica e la guerra civile, sta prendendo campo.
Il cibo che mangiamo non è un gran che, a me portano dei gamberi di fiume con una salsa che sembra una colla, tipo”Vinavil”, ed ad Anna un pezzo di pollo con delle patatine fritte che non hanno per nulla un bell’aspetto, ma per non deludere Mahery, che ci ha consigliato i piatti e inoltre mangia tutto con una voracità incredibile, ingoiamo a fatica e diciamo che tutto è abbastanza buono.
Ci stiamo avvicinando ad Antsirabe, nel tragitto ci fermiamo a comperare un ananas, una borsetta di rafia, e a vedere delle miniature coloratissime di camion fatte in legno sulle bancarelle che di tanto in tanto ci sono ai bordi della strada.
Arriviamo come preventivato alle 15,00 e ci facciamo portare in hotel per poter scaricare i bagagli per poi far un giro della città. L’hotel è Villa Salemako è una villa d’epoca i cui padroni sono ebrei che sono diventati ricchi alcune generazioni fà ed hanno fatto costruire questa stupenda villa il cui nome significa “PACE”.
Dopo aver sistemato i bagagli ed esserci rinfrescati, Mahery ci porta a fare il giro turistico delle città che si conclude in un laboratorio dove possiamo assistere alla costruzione di biciclette in miniatura tutte fatte rigorosamente in scala con materiali riciclati, tipo lattine di coca cola, filo di ferro o di rame o fili per canne da pesca, infine per costruire i copertoni delle ruote usano i tubicini delle flebo ormai scaduti.
Anstirabe è una delle città malgasce più ricche e grandi del Madagascar, infatti ci sono diverse scuole, l’università, la fabbrica delle birra Three Horses, l’unica birra locale, banche, agenzie turistiche, ufficio postale, la fabbrica del latte Tiko, anche in questo caso l’unico produttore di latte locale, negozi di pietre dure e preziose, strade relativamente pulite…, ma la caratteristica principale che la distingue dalle altre città sono i pousse-pousse, una specie di taxi trainato da uomini a piedi nudi, che percorrono la città in lungo e largo per pochi FMG. Ce ne sono di tutti i colori e si distinguono uno dall’altro per la targa e per i disegni che sono sul retro della carrozzina dove sono raffigurati i posti turistici più famosi.
Come in tutte le città malgascie anche qui il centro della vita sociale è il mercato e noi decidiamo di farci un giro, non prima di aver ascoltato il consiglio di Mahery che ci dice di stare attenti perché ci possono essere dei borseggiatori.
Qui si può trovare veramente di tutto, dai mobili alle piante medicinali, dai vestiti al pesce fresco, dai barbieri ai sarti e come molto spesso accade noi siamo gli unici Vazaha (turisti, uomini bianchi) in giro.
Per cena Mahery ci consiglia un ristorante in centro, il Razafimamonjy, dove poter gustare la zuppa Silamangany, una zuppa vegetale con in mezzo carne di zebù che ci viene servita in quantità industriale, pensavamo ad una ciotola invece è arrivato un piatto tipo vasca da bagno, pensare che non sapendolo abbiamo ordinato anche una bistecca al pepe verde e uno spiedino di zebù: un affronto alla povera gente che c’è fuori.

06/11/03
La mattina seguente Mahery ci raggiunge con un certo anticipo rispetto l’orario prestabilito, e ci accorgiamo subito che in lui c’è qualcosa che non va.
Infatti, ha un dito con una strana fasciatura: un piccolo straccio annerito, che lui usa normalmente per pulire la macchina tenuto con del nastro adesivo.
Gli chiediamo subito che cosa è successo, lui ci dice che va tutto bene e che ha solo un piccolo taglio che si è fatto lavando la macchina, già dimenticavo lui tutte le mattine si sveglia alle 05,30 per pulire e lavare la sua auto di cui è molto orgoglioso e la vuole presentare nelle condizioni migliori possibili.
Rimaniamo un po’ perplessi e vedendo la “fasciatura” intrisa di sangue lo costringiamo a lasciarsi disinfettare la ferita, Annalisa nel beauty che porta generalmente nei viaggi, ha di tutto modello pronto soccorso in miniatura, ci accorgiamo che non si tratta di un piccolo taglio come diceva lui, ma di una lesione che avrebbe certamente bisogno di qualche punto di sutura.
Mahery non ne vuole proprio sapere di andare al pronto soccorso della città e continua a dire che va tutto bene, intuendo che non sarà facile convincerlo, lo assecondiamo e cerchiamo di disinfettare la ferita nel miglior modo possibile con i mezzi a nostra disposizione.
Rinfrancati comunque dal lavoro fatto dopo aver verificato che il cerotto che gli abbiamo fornito non si è immediatamente inzuppato di sangue, decidiamo di partire diretti verso il Lac Tritriva, che si trova a 40 km di strada, di cui 20 sterrati, dal centro della città.
Prima di uscire dalla città visitiamo una gioielleria, Antsirabe è famosa per la lavorazione delle pietre, e qui compriamo un gioco, è un solitario, costituito da una base di legno di palissandro e da 37 biglie di diversi minerali.
Lo scopo del gioco è, una volta tolta una biglia a proprio piacimento, mangiare le altre con movimenti orizzontali o diagonali, tipo dama, e cercare di finire con una sola biglia all’interno della base.
Visto il successo che ha avuto con amici e parenti al nostro ritorno in Italia, ci siamo pentiti di averne comperato uno solo, potevamo iniziare un business.
Ritorniamo comunque al viaggio: lungo la strada che ci porta verso Lac Tritriva , attraversiamo un altro lago Lac Andraikiba (mano sul ventre) famoso per una storia che racconta del Re dei Merina (la popolazione della regione) che aveva due amanti, una delle quali era incinta e, durante una gara a nuoto per raggiungere il Re sull’altra sponda del lago, morì annegata, ma prima di morire posò la sua mano sul ventre e disse al suo bambino che lui era figlio del Re, da qui il nome del lago.
Continuiamo altri 20 km di strada sterrata, fino ad arrivare ad un piazzale dove scendiamo dall’ auto ora per arrivare al lago siamo obbligati a percorrere una lunga scalinata che, vista l’altezza, siamo infatti a circa 1800 mt livello del mare, ci fa subito venire il fiatone.
Appena scesi dalla macchina siamo accerchiati da un gruppo di bambini che vogliono venderci uova di pietre dure o borsette di rafia, ma desistiamo, tra tutti però, uno attira immediatamente la nostra attenzione, è vestito di stracci come gli altri ma è quello più loquace e spigliato, ed è quello che accenna anche uno stentatissimo italiano.
Giunti in cima alla scalinata possiamo vedere perfettamente il colore verde smeraldo delle acque del lago e la sua forma che, se rovesciata, sembra raffigurare il Madagascar, il tutto all’interno di un cratere con delle pareti ricoperte da pini verdissimi.
Una guida ci spiega che per i malgasci il lago è considerato sacro e ci parla della storia di due amanti, Romeo e Giulietta, che per stare insieme nonostante il parere sfavorevole delle rispettive famiglie, decidono di morire insieme gettandosi nel lago, ed ora il loro amore rivivrebbe nei due alberi che dominano una sponda del lago, con i rami che si intrecciano.
Questa storia ha portato alla nascita di un fady, (tabù) tanto che ora è vietato fare il bagno nel lago e un turista Cinese, sprezzante del fady, nel tentativo di attraversare il lago a nuoto, morì annegato, rafforzando nei locali la convinzione che si tratta di una cosa da NON FARE.
La giornata è splendida con un cielo terso di colore azzurro intenso e la temperatura, vista l’altitudine, è ideale per fare un’ escursione, così ci incamminiamo sul sentiero che percorre il perimetro del lago.

Scendiamo da soli ma ben presto il ragazzo di cui ho scritto sopra ci raggiunge e ci accompagna durante tutto il percorso, alla fine visti i suoi sforzi per comunicare con noi in italiano decidiamo di fargli un regalo, gli diamo il nostro dizionario Francese-Italiano e lui in cambio ci regala un uovo di pietra:credo che neanche 100.000 FMG lo avrebbero reso più felice, infatti per tutto il resto del percorso lo ha tenuto stretto e quando ha rivisto i suoi amici lo ha mostrato orgogliosamente.
E’ ora di ripartire ma prima di salire in macchina lasciamo qualcosa anche agli altri bambini, quaderni, penne e colori, questa volta in cambio otteniamo un bel sorriso da immortalare con una foto di gruppo.
Per pranzo ci fermiamo a fare un pic-nic in una piazzola della RN7, quella che collega Tanà a Tuelar, menù a base di ananas e bananite, appoggiati sopra un tronco di albero di eucalipto, di fronte a noi il solito spettacolo di vita quotidiana nelle risaie.
Ci rimettiamo per strada diretti ad Ambositra, dove soggiorneremo all’Hotel Mania che si trova in centro. Dal di fuori non sembra un granché ma ci dobbiamo ricredere quando entriamo nel cortile privato e quando vediamo la nostra stanza, il rapporto qualità prezzo è ottimo spendiamo infatti soli 98.000FMG a notte.
Mentre facciamo un giro nella parte più turistica della città, “turistica” per modo di dire… infatti abbiamo visto solo altri due vazaha in giro, alla ricerca di statuette di legno (possibilmente di ebano o palissandro) rappresentanti una coppia di etnia locale, ne facciamo la collezione, arriviamo alla chiesa evangelica dove si sta celebrando un matrimonio, siamo tentati ad entrare ma ci sembra di rubare qualcosa alle tradizioni locali…di non portare rispetto…, così rimaniamo fuori e ci posizioniamo in posto dove possiamo vedere la sfilata degli invitati e da dove possiamo udire i canti cerimoniali.
Il tempo ci scorre velocemente, rapiti dall’evento che stiamo osservando, ed è già ora che di tornare da Mahery, siamo d’accordo per andare a visitare un villaggio Zafimaniry, quindi saliamo in macchina e ci dirigiamo verso la meta, ma neanche dopo 5 km inizia a piovere, per cui essendo buona parte del percorso in strada sterrata, decidiamo di rinunciare all’escursione, ci andremo il giorno dopo.
Mahery, che si sta dimostrando più che un autista una vera guida turistica, ha subito un’alternativa pronta per chiudere il pomeriggio, infatti ci accompagna in un punto panoramico, da dove possiamo vedere la città e i suoi dintorni, comprese le colline completamente coltivate a risaie, disposte a terrazze: un lavoro durissimo per la gente del posto visto che non dispongono di nessuna macchina per lavorare la terra se non gli zebù.
Torno indietro con la memoria, ripercorro la strada che abbiamo macinato da Tanà a qui e rivedo scorrere nella mia mente le immagini dei centinaia di incendi, che vengono appiccati nelle foreste di tutto il Madagascar, con una tecnica chiamata Tavy, grazie alla quale i contadini della zona disboscano, per poi poter destinare la terra alla coltivazione o al pascolo, in questo caso alla coltivazione del riso, e mi immagino le stesse colline verdissime ricoperte da eucalipti e pini, e spero che questa tradizione, ormai troppo radicata in queste zone possa cessare al più presto, magari con l’aiuto di organizzazioni internazionali che promuovano presso gli agricoltori nuovi metodi di coltivazione e di allevamento, meno dannosi per la flora e la fauna locale.
In cima alla collina c’è anche la casa dell’ex Re dei Merina, la popolazione della zona, oggi è stata ricostruita e adibita a museo.
È ormai ora di cena e Mahery ci consiglia di andare al ristorante Oasis poco distante dal nostro hotel, è una vera bettola con tanto di gatto che caccia un topo sotto i tavoli, ma lo zebù che ci servono è buono come al solito e la spesa è irrisoria: per due bistecche e una birra spendiamo 30000FMG l’equivalente di 4 euro circa.

07/11/03
La mattina seguente ci spetta il giro ai villaggi Zafimaniry, che non abbiamo più fatto ieri pomeriggio, per cui anche questa volta la sveglia è molto presto.
Pochi km fuori dalla città, attraversiamo un villaggio famoso per la quantità dei zebù che vengono pascolati, in corrispondenza dell’incrocio principale lasciamo la RN7 per prendere la strada sterrata che ci porterà ai villaggi, dobbiamo percorrere altri 25 km.

Mentre percorriamo la strada che divide in due una vallata, dai campi coltivati si alzano le grida dei bambini che alla nostra vista ci gridano”vazaha cadeaux” e noi dalla macchina,visto che non procediamo ad una velocità maggiore di 20 km/h con un cenno della testa facciamo capire che non abbiamo nulla, quindi loro ci salutano e ci sorridono un po’ delusi e ci osservano mentre ci allontaniamo.
Dopo aver percorso circa 20 km ci fermiamo a lato di alcune capanne, da una di queste esce un bambino dallo sguardo malinconico, vestito di stracci, Mahery gli offre subito due panini con la marmellata, che avevamo preparato la mattina durante la colazione, lui li prende di buon grado saluta ci ringrazia e ritorna alla sua casa.
Credo, visto che non glielo abbiamo chiesto noi, che Mahery normalmente quando fa questo giro si fermi in questo punto per regalare qualcosa.
Andiamo avanti e Mahery ci avverte che ancor prima di arrivare al villaggio Antoetra saremo “assaliti” dai soliti bambini, ma che questa volta saranno molto più insistenti.
Arriviamo in un piazzale alle pendici del villaggio dove c’è un ufficio dove vengono registrati i turisti e ci fanno pagare una quota che servirà a soddisfare qualche loro necessità, l’ufficio adesso è stracolmo di gente che con la consueta calma, mora mora,che distingue i malgasci, prepararano le schede elettorali per il giorno successivo, quando si svolgeranno le elezioni, per cui noi veniamo presi in considerazione solo in un secondo momento.
Espletati i nostri obblighi, come da copione, circondati da un numero indefinito di bambini, che ci vogliono vendere le loro opere in legno, ci dirigiamo verso il centro del villaggio, ed è qui che entriamo in contatto, probabilmente, con la gente più povera che ci è capitato di incontrare.
Mentre cammino osservo le condizioni di vita di questa povera gente e immagino quelle dell’altro villaggio che dista da qui 2 ore di cammino a piedi e durante i periodi di pioggia non è raggiungibile, quindi penso che se la questa gente non ha nulla, le condizioni di vita degli altri saranno anche peggiori… tutto ciò riempie il mio cuore di una tristezza immensa che si attenua poco dopo… quando il capo villaggio ci fa entrare nella sua casa, ci accomodare su dei sgabelli di legno e ci racconta un po’ della loro semplice vita… tutto è tranquillo il suo viso è sereno e rilassato la sua parlata è calma e tranquilla, e questo ci fa sentire a nostro agio anche in una situazione così estrema.
La casa è fatta di legno con il tetto di paglia non è più grande di 20mq e ci vivono in 7, lui la moglie e i suoi 5 figli, in un ambiente suddiviso in due piani, quello inferiore dove c’e il letto dei genitori un focolare per far da mangiare, e quello superiore, raggiungibile con una scala di legno il reparto dormitorio per i bambini.
Chiaramente non c’è acqua potabile, il pavimento è la terra che c’è fuori, e le finestre più che per far passare la luce hanno il compito di far fuoriuscire il fumo che si produce per riscaldare e per far da mangiare.
Quando usciamo ci accompagnano a vedere il loro laboratorio dove lavorano il legno, i Zafimaniry sono dei maestri intagliatori, e anche se quello che vorremmo comperare non possiamo prenderlo perché è troppo ingombrante, si tratta di uno sgabello tutto lavorato, decidiamo di comperare comunque qualcosa.
Prima di andar via definitivamente dal villaggio abbiamo promesso a “Marco”, uno dei bambini che ci ha sempre seguito nel giro, il suo nome è chiaramente inventato, ma una volta che hanno capito che siamo italiani tutti si sono dati dei nomignoli italiani, di comperargli un suo souvenir e cosi facciamo.
Siamo di nuovo in macchina con Mahery diretti verso il Parco Nazionale di Ranomafana.
Durante il tragitto ci fermiamo a pranzo in un “hotely” l’equivalente di un nostro fast-food versione malgascio , infatti è frequentato da gente locale e ci lasciamo suggerire da Mahery cosa prendere.
Scopriamo che questa cucina espressa è molto buona e molto conveniente, per tre persone spendiamo l’equivalente di tre euro, mangiando tre piatti di riso bianco da condire con piselli cotti con grasso di zebù oppure con delle verdure miste a carne di maiale (questo piatto molto buono si chiama in malgascio Anamany), una bottiglia di coca cola.
Ripartiamo subito dopo pranzo e arriviamo al nostro albergo alle quattro, dopo aver visto il passaggio graduale, dalla terra brulla, riarsa dalla pratica dei frequentissimi tavy, ad una vegetazione verde fittissima del parco pluviale, appena in tempo per prepararci per l’escursione notturna al parco che inizia alle cinque.
Non si tratta di una vera e propria escursione notturna infatti si parte che è ancora giorno e si tornerà quando ancora non sarà proprio buio, il che ci insospettisce non poco.
I dubbi si materializzano con il proseguo dell’esplorazione, infatti si cammina per un sentiero all’interno del parco, fino a raggiungere una zona chiamata… , dove si trovano tre lemuri della specie gray, probabilmente messi lì ad hoc, sembra che aspettano i turisti per ricevere da loro delle banane, assurdo anche qui, in un parco nazionale, pur di attirare turisti si violenta la natura, in questo tutto mondo è paese.
Siamo in una foresta pluviale in una zona dove piove molto e anche questa volta ci inzuppiamo per bene, quindi ritorniamo al bungalow per asciugarci, dopo aver fatto la doccia ci accorgiamo che nonostante tutte le precauzioni prese si sono attaccate delle sanguisughe alla nostra pelle, una nella caviglia di Annalisa e una dietro il mio orecchio destro.
Il bungalow è sospeso sugli alberi, un torrente scorre sotto e tutto intorno una vegetazione tropicale fittissima, nel bungalow non c’è la luce e alle finestre non ci sono zanzariere, dobbiamo tenere accesi dei zampironi dall’odore insostenibile, tutto ciò non ci tranquillizza molto ma rende l’esperienza molto avventurosa e suggestiva.
La cena è ottima anche stavolta, e la nottata trascorre sotto una pioggia fittissima che la mattina seguente ci accompagnerà di nuovo.

08/11/03
Abbiamo in programma un nuovo giro all’interno del parco, questa volta sarà molto più lungo, durerà tre o quattro ore, nel giro riusciamo ad avvistare alcune specie di camaleonti alcune specie di uccelli e due specie di lemuri, una dei quali è il lemuri del bambù, vediamo due esemplari a non più di un metro di distanza, mentre sono indaffarati a succhiare il nettare del bambù.
Il giro anche che questa volta lo percorriamo sotto una pioggia fittissima, fortunatamente una volta uscita dal parco abbiamo il bungalow a nostra disposizione, non ci lasciamo sfuggire l’opportunità di usarlo visto che siamo bagnati fradici in qualsiasi parte del corpo e abbiamo modo di vedere se anche oggi siamo stati attaccati dalle sanguisuga.
Una volta asciugati e cambiati, partiamo in direzione Fianarantsoa dove arriviamo verso l’ora di pranzo.
Ci fermiamo in un hotely per mangiare qualcosa, si trova in centro in una via laterale di una piazza dove si sta svolgendo un comizio, questa volta l’hotely scelto e veramente malandato, dentro ci sono dei ragazzi ubriachi, hanno ingerito di prima mattina una quantità industriale di birra, sono in tre e nel loro tavolo conto almeno 12-15 bottiglie da ¾ di THB, ci guardano non ci rivolgono parola ma poco dopo si alzano e prima di andarsene ci rivolgono un timido sorriso, riusciamo così a mangiare un po’ più tranquilli.
Per arrivare al prossimo hotel, Tsara Guest house, attraversiamo la città, a prima vista ci sembra tranquilla, ma la sorpresa più grande viene dall’hotel stesso infatti scopriamo che si tratta di una chicca, è rinnovato, pulitissimo e in posizione tranquilla e panoramica per giunta con annesso ristorante che sembra eccellente.
Dopo aver preso possesso della camera, esserci riposati un po’, usciamo con Maehry per fare un giro più approfondito della città.
Iniziamo con visitare il laboratorio fotografico di Pierrot-Man un fotografo con origini metà francesi e metà malgascie, che ora vive definitivamente a Fianar ed ha fatto la sua fortuna fotografando paesaggi e momenti di vita malgasci.
Ha una esposizione molto nutrita, anche se un po’ disordinata, le foto che riusciamo a vedere sono veramente bellissime e una appassionata di foto come Annalisa impazzisce nel guardarle.
Continuiamo il giro della città a piedi visitando la parte alta della stessa da dove possiamo godere di una splendida panorama e dove Mahery ci fa notare che in alcuni punti strategici della stessa sono state installate delle fontane, ci dice orgoglioso che sono qui da poco tempo e sono opera del nuovo governo il quale per far arrivare l’acqua fino a quel punto ha compiuto un lavoro molto grande, ma ora la popolazione della città è molto contenta.
Si sta facendo buio e decidiamo di tornare in albergo per la cena, ho in testa l’idea che sarà sicuramente ottima non può essere altrimenti visto il locale e l’albergo.
In realtà è proprio cosi, mangiamo squisiti piatti misto francese-malgascio sono preparati e presentati con cura, li annaffiamo con del vino locale, “Coté de Fianar”, abbiamo deciso di provare il vino di questa zona perché i Bestleo, la popolazione della regione dovrebbero essere dei buoni produttori di vino, ma a dir la verità quello che beviamo non ha nulla a che vedere con il vino italiano, ma quello lo beviamo in Italia e qui a 10000Km di distanza non possiamo pretendere di più, tanto che la bottiglia da ¾ la scoliamo.
Decidiamo inoltre di provare un po’ del Rhum locale, lo Dzama Rhum, che ci viene servito accompagnato con delle stecche di cannella, è ottimo.
Probabilmente dopo 10 giorni di astinenza da alcol, a parte un po’ di birra, quando ci alziamo dal tavolo capiamo di aver esagerato, tutto quell’ alcol ci ha dato alla testa, raggiungiamo la nostra camera con difficoltà e appena sdraiati sul letto ci addormentiamo di sasso.

09/11/03
Il risveglio è abbastanza duro, gli effetti post sbronza si fanno sentire, decido di prendere subito un Moment per attenuare un po’ il mal di testa.
Dopo colazione la situazione inizia a migliorare e ci mettiamo in viaggio diretti verso il Parco dell’Isalo, la strada che percorriamo è sempre sull’ ormai mitica RN7.
Il viaggio è molto lungo, dovremo percorrere circa 400 km, ma grazie alla bellezza e alla varietà dei paesaggi che attraversiamo il tragitto ci passa velocemente.
Superiamo subito dopo Fianar la zona degli altopiani, ci lasciamo alle spalle tutti territori coltivati a riso, man mano che scendiamo il cielo che prima era grigio plumbeo ora inizia a diventare turchese, le nuvole grigie che prima compattavano un cielo monocromatico adesso iniziano a prendere forma e spessore e disegnano in cielo svariate forme che fanno da sfondo ad un paesaggio che via via si fà sempre più arido e la terra diventa sempre più color rosso aranciato…. sembra un dipinto in cui l’autore ha utilizzato tutti le tonalità di colore dal bianco ghiaccio al blu intenso.
Continuiamo, superiamo il parco Nazionale de L’Andringita, più avanti sullo sfondo si delineano massicci montuosi le cui forme ricordano cose o figure reali: il profilo di uno somiglia a un Cappello del Cardinale, e l’altro alla sagoma distesa di una donna incinta.
Più avanti altri due massicci che per la loro uguaglianza sono stati chiamati “le due gemelle”.
Questo definizione e la struttura dei massicci, mi porta con la mente a casa… in Italia, più precisamente nella zona dove viviamo, Ancona, specificatamente nella zona del Parco del Conero, dove c’è una spiaggia chiamata “le due sorelle” , qui la somiglianza dei due massi immersi nell’acqua limpida, ha dato il nome alla spiaggia stessa.
A questo punto della zona degli altopiani non c’è più nessun segno, attraversiamo una città, dove ci fermiamo per prendere qualcosa da mangiare, Ioshy, il clima ora si è fatto torrido, non piove quasi mai in questa zona, siamo entrati nella regione dei Bara.
I Bara sono un gruppo tribale seminomade, che pratica la poligamia, la loro cultura e incentrata quasi esclusivamente sui zebù, nelle loro scala di importanza sono più rilevanti delle donne, sono inoltre il simbolo di ricchezza, oltre a tutto la loro tradizione prevede che i giovani a un certo punto della loro vita, per diventare uomini, debbano mettersi alla prova rubando zebù ad altre famiglie.

Adesso il paesaggio diventa una sconfinata pianura di terra rossa, non c’è altro per km, la strada non è più asfaltata ma è una pista nella savana che spesso da rossa diventa nera di cenere in quanto anche in questa regione i pastori sono soliti praticare il tavy: in questo caso secondo i Bara bruciare l’erba secca fa ricrescere quella nuova in maggior quantità e quindi per i loro zebù c’è più foraggio non tenendo conto però che cosi facendo la terra diventa sempre più arida, quindi meno produttiva, e l’erba nuova perde gran parte del suo nutrimento.
Ci fermiamo per pranzo lungo la Trepidation Road, cosi Mahery chiama la pista che stiamo attraversando, sotto uno dei pochi alberi che troviamo lungo la pista, subito ci si avvicina un ragazzo Bara che stava facendo pascolare i suoi zebù, si mette a parlare con il nostro autista che poi ci dirà che il ragazzo gli ha chiesto se conosceva qualche ragazza perché alla sua età è ora di mettere su famiglia.
Passano altre due ore di viaggio quando arriviamo al nostro hotel che per le prossime due notti sarà Le Relais de la Reine.
Si trova immerso nel parco dell’Isalo: è un massiccio di 80000 ettari di roccia arenaria la cui età è da far risalire all’epoca giurassica ed è quindi profondamente segnato dall’ erosione, i panorami che ci regala, ce lo fanno accostare a dei paesaggi che abbiamo visto in Cappadocia nel lontano 1994.
Subito dopo aver preso possesso della camera, che è immensa, non poteva essere altrimenti visto quello che abbiamo pagato, andiamo a fare un giro a piedi intorno all’albergo.
È caldissimo e ci siamo svestiti troppo, non pensavamo ci fossero tanti insetti che ora stanno banchettando su di noi, cosi anche se un po’ indispettiti non ci resta che tornare in camera e rilassarci.
Quello che la natura ci offrirà tra poco è un regalo inaspettato, assistiamo infatti ad uno dei tramonti più belli che mai ci sia capitato di vedere, questo grazie ad un temporale infatti
ora il cielo è diventato parzialmente grigio, dietro il massiccio si è aperto un arcobaleno che divide il cielo da nord a sud in due, dalla parte opposta dove sta tramontando il sole il cielo è diventato completamente arancione intensissimo, in alcune zone del cielo si possono ancora vedere dei fulmini, per giunta i pinnacoli erosi che si stagliano dal massiccio hanno preso un colore più rosso che mai.

Credo che uno spettacolo del genere sia difficilmente ripetibile… e rimaniamo incantati per un’ora con lo sguardo perso nel vuoto.
A cena siamo nel ristorante dell’albergo, non c’e nulla a meno di 20 km, i camerieri parlano poco l’inglese, quindi non riescono a spiegarci bene le pietanze, cosi a caso scegliamo una zuppa del pollo al carry e per Annalisa banana split, per me una torta alla pesca.
A fine cena, quando la cameriera ci porta due banana split, per farle capire che avrebbe dovuto sostituirla con la torta, Annalisa le ha fatto lo spelling in italiano, anzi in dialetto anconetano, lei ci ha guardato stupita, ma dopo essersi fatta una risata ha capito e ci ha cambiato la torta che avevamo chiesto.

10/11/03
L’indomani la sveglia è come sempre alle 06.30 per poter, partire alle 07.30.
In perfetto orario ci dirigiamo verso il paese, Ranohira, non c’è nulla e solo il punto di partenza per la escursioni al parco, qui presso “l’ufficio”, più che ufficio c’è un bancone sotto un porticato, ANGAP (associazione ufficiale delle guide) ingaggiamo una guida free lance, si chiama Dollar, parla discretamente l’italiano ed è un rasta.
La prima tappa sarà il Canyon des Singes, Canyon delle scimmie, con l’auto arriviamo fino ad un certo punto poi siamo costretti a proseguire a piedi per circa 3 Km, tra risaie incolte (qui la stagione è secca) e campi pieni di insetti e cavallette, superiamo anche un piccolissimo villaggio di 3 o 4 capanne, con un piazzale nel mezzo, dove le donne anziane e bambini ci guardano e ci rivolgono il solito saluto : Vazaha Salama.
È un caldo allucinante, sono le 9, stiamo camminando sotto un sole che già è cocente, comunque il tragitto passa velocemente, con Dollar abbiamo instaurato subito un buon rapporto, lui si sforza molto di parlare italiano, vuole perfezionare il suo linguaggio.
Riusciamo a parlare di tutto, dalle elezioni che si sono svolte il giorno prima, ci dice che il partito per cui ha votato ha avuto la maggioranza, gli parliamo della politica italiana e dei sogni che ci vengono propinati dai nostri politici, gli chiediamo cosa pensa dei Tavy e concorda che sono un sistema assolutamente sbagliato, gli parliamo dei posti del Madagascar che fino adesso abbiamo visto, fino a quando lui inizia un monologo e ci descrive la sua vita attuale.
Ci dice di avere dei problemi in famiglia, che la sera stessa andrà a parlare con il Sindaco del paese e con la donna più anziana del villaggio, perché il suo matrimonio è in crisi, sua moglie si ubriaca spesso e questo non va assolutamente bene soprattutto verso le sue due bambine, quindi vorrebbe divorziare e tornare a Fort Dauphin da dove viene.
Credo che la facilità di comunicazione che si riesce ad avere con questa gente, sia una delle cose che più è rimasta impressa, loro riescono a comunicare in maniera semplice ed alquanto coinvolgente non preoccupandosi se ti conoscono da un minuto o da un anno, se sei bianco o nero, ti possono raccontare cose che noi probabilmente noi non racconteremo neanche al nostro amico più intimo, hanno rapporti sociali che noi nella cultura ultra tecnologica e veloce abbiamo ormai perso.
Dopo un’ ora di cammino circa arriviamo all’ingresso del canyon che si apre davanti a noi in tutta la sua bellezza, è una vallata che fa da ingresso a quello che ci aspetta più avanti, la vegetazione è tipicamente tropicale e lussureggiante, il fiume che scorre è calmo e la sua acqua è pulita e cristallina tanto che Dollar ne beve diversi sorsi.
In questa zona riusciamo ad avvistare anche una famiglia di lemuri Sifaka, ora dopo altra ½ di cammino siamo praticamente all’inizio vero e proprio del canyon, lo spettacolo che ci circonda è di bellezza estrema, siamo di fronte a due pareti di roccia rossa che si alzano verticalmente per 200mt, distanziate tra loro di non più di 20mt, il tutto per una lunghezza di 6 Km, con il fiume, che scorre nel mezzo della valle.

Risaliamo il canyon per circa la metà della sua lunghezza, poi visto che si sta facendo troppo tardi, nel pomeriggio effettueremo un’altra escursione, decidiamo di tornare alla macchina.
Sulla via del ritorno incontriamo delle ragazze con una maschera di argilla gialla essiccata spalmata sul viso, Dollar ci spiega che è un composto di terra e acqua che deve esser tenuto per qualche giorno, una volta tolto la loro pelle risulterà più liscia e più chiara.

Per pranzo acquistiamo un po’ di frutta e dei biscotti, che mangeremo all’ingresso della Piscina Naturelle, vediamo che Dollar per lui prende solo del pane e gli chiediamo per quale motivo: ci dice che non ci vuole far spendere troppo… la carne il riso e le verdure da mettere nel suo panino siamo costretti ad insistere per fargliele comperare, non ne voleva sapere (spenderà poco più di 50 centesimi!!!).
Al parcheggio della Piscina Naturelle dividiamo il pranzo con Mahery , Dollar e un ragazzo, che di lavoro fa il portantino per i turisti che campeggiano all’interno del parco, è sfinito ed è uscito dal parco da appena pochi minuti.
Ci mettiamo in cammino subito dopo il frugale basto consumato, per raggiungere la meta dobbiamo camminare per un’ora e mezzo, non sappiamo dove guardare e quali scorci fotografare, siamo nel mezzo di un paesaggio lunare, con le rocce che formano le figure più strane, la maggior parte somigliano a quelle che abbiamo già visto in Cappadocia, i “camini delle fate”, chiamati cosi per la loro forma a camino con un cappello di roccia appoggiato sulla sommità.

Dollar ci fa notare che in alcuni buchi delle rocce ci sono delle tombe Bara, loro hanno l’usanza di riesumare i cadaveri dopo ¾ anni, dalla sepoltura, durante il rito della riesumazione si fa una vera e propria festa, si uccide uno zebù, si beve il Rum, si balla per almeno due giorni consecutivi, si lavano le ossa del morto, che poi vengono riposte in una cassetta più piccola, dopo esser state ingrassate con grasso di zebù, poi verranno nuovamente tumulate, in un altro posto e questa volta maniera definitiva.
Arriviamo finalmente alla meta agognata, non possiamo chiedere di meglio, una piscina naturale, in mezzo alla vegetazione tropicale, con fiume che forma una cascata di 3 mt, un laghetto profondo due metri con acqua tiepida e nessuna altra persona in zona.
Non resistiamo alla tentazione di tuffarci… cosi facendo ci togliamo di dosso, tutta la polvere che abbiamo raccolto, durante la giornata.

Rimaniamo a bagno per diverso tempo, fino a quando dobbiamo tornare indietro per andare a goderci il tramonto alla Finestre de L’Isalo.
Sfiniti, dopo aver salutato Dollar e aver fatto la fotoni gruppo, io Anna e Mahery alla Finestra dell’Isalo, con immancabile acquazzone in lontananza, rientriamo in albergo, dove almeno questa sera non commettiamo alcuna gaf.

11/11/03
Oggi, purtroppo, è il giorno in cui ci dovremo dividere dal nostro ormai amico di viaggio, infatti nel primo pomeriggio alle 15 abbiamo il volo dell’Air Mad che da Tuelar ci porterà a Tanà, dove domani mattina prenderemo il volo che ci porterà al mare a Nosy Be.
Il nostro umore è abbastanza triste, percorriamo i 250Km che dividono il parco dell’Isalo a Tuelar, praticamente in silenzio, attraversiamo un paesaggio che ora è diventato ancora più aspro, stà prendendo le sembianze di un deserto, in questa zona la percentuale di pioggia annua è praticamente nulla, di tanto in tanto si innalzano baobab che spezzano la linea perfetta dell’orizzonte, più avanti verso Tuelar attraversiamo molti villaggi le cui capanne sono fatte di terra cotta, infatti la stessa mantiene una temperatura leggermente più fresca rispetto al legno, e tetto di paglia.
Appena fuori i villaggi ci sono delle tombe, sono ornate con teschi di zebù, sacrificati alla morte del defunto, e dipinte con raffigurazioni di vita quotidiana, siamo entrati nella regione dove vive il popolo Mahafaly famoso proprio per l’arte funeraria.
Raggiungiamo Tuelar alle 11 e decidiamo di fare un giro nel centro della città, tanto mancano quattro ore alla partenza per Tanà.
La città si presenta alquanto caotica, di nuovo vediamo una notevole quantità di pousse-pousse, questa volta non sono belli e curati come quelli che abbiamo visto ad Antsirabe, il traffico è infernale e si dipana attraverso strade sterrate dalle quali si alza una coltre di polvere che rende l’aria quasi irrespirabile.
Comunque il nostro scopo è difare uno spuntino e bere qualcosa di fresco prima di andare in aeroporto… questa scelta si avvererà sbagliata, infatti mentre noi ci mangiamo un pacco di Tuc-Tuc e beviamo una Coca fresca seduti in un bar fatiscente ai bordi della strada principale, all’aeroporto i funzionari dell’Air Mad stanno vendendo direttamente ad un gruppo di 20 persone altrettanti biglietti, creando cosi un over-booking sul nostro volo.
Ci presentiamo in aeroporto alle 12,15 per fare il check-in, i funzionari dell’Air Mad ci dicono, con nostra grande sorpresa, che il volo è pieno e che anche se abbiamo confermato il volo 4 giorni prima non è possibile fare nulla e dovremo restare a Tuelar una notte e prendere il volo il domani insieme alle altre 20 persone che sono inaspettatamente rimaste a terra.
Non ci scoraggiamo e insieme a Mahery, anzi soprattutto grazie a lui che ci fa da intermediario e traduttore, cerchiamo di intavolare una trattativa ma il risultato è pessimo… il boss dell’Air Mad di Tuelar, un tipo alto e magrolino, che a me ricorda Morgan Freeman tra poche parole dette sottovoce e bisbigli vari ci dice che è dispiaciuto dell’accaduto e non c’è altra soluzione se non dormire una notte a Tuelar , al Melody Beach, ovviamente a loro spese, partire il giorno seguente soggiornare e pernottare a Tanà all’hotel du France, pasti e trasferimenti a loro carico e ripartire la mattina successiva per nosy Be.
Non c’è nulla da fare, da una finestrella dell’ufficio vediamo l’aero che avremmo dovuto prendere decollare: “DOBBIAMO RESTYARE LI”.
Viste le nostre precedenti esperienze un viaggio senza un contrattempo, non è pensabile… questo in fin dei conti è il male minore che ci potesse capitare, per cui rassegnati all’idea di perdere un giorno e mezzo dei già pochi che avevamo dedicato per il mare, partiamo dall’aeroporto con Mahery, rimarrà con noi infatti è riuscito a farsi dare una congrua quantità di FMG dall’Air Mad, diretti al Melody Beach.
L’albergo non è male, è sulla spiaggia, ma vediamo subito che non è possibile fare il bagno, l’acqua non è bella per cui trascorriamo il pomeriggio al bar insieme al nostro amico a farci una chiacchierata, sorseggiando diverse bottiglie di birra fredda.
Questa volta parliamo soprattutto di calcio e calciatori, lui dice di essere un esperto e da bambino di aver giocato, io gli racconto la mia passione per il Milan, dice di conoscere calciatori come Altobelli a Van Basten a Maradona o Del Piero ma li colloca come se tutti avessero giocato nello stesso periodo… ha un po’ di confusione ma non avendo la televisione a casa è perdonabile.
Passiamo cosi tutto il pomeriggio, al banco del bar, c’e solo una ragazza non si muove mai da li, la vedo ascoltare attenta i nostri discorsi, alla fine ci dice che le piaceva sentirci parlare in quel misto di inglese e italiano che utilizziamo per colloquiare con Mahery, così che lei mentalmente poteva ripassarsi le poche parole di italiano che conosce.
Insieme ad Annalisa decidiamo di scrivere delle pagine di quaderno, con le frasi più comuni tradotte dall’ italiano all’inglese e di lasciarglielo come regalo.
Stesso discorso fatto relativo al ragazzino al Lac Tritava: non potevamo farla maggiormente felice neanche regalandole soldi.
La sera per cena siamo di nuovo al bar ristorante dell’albergo, siamo soli, preparano solo per noi una cena abbondantissima e squisita, zuppa di pesce, riso in bianco e un patto di gamberetti piccanti, un altro di con salsa al cocco.

È la prima sera che sentiamo veramente caldo, ci saranno circa 28-30° con un tasso di umidità molto alto, passiamo una nottata un po’ agitata sia per il molto caldo che per l’ansia che ci al pensiero che potremmo avere di nuovo problemi con il volo.

12/11/03
Ci svegliamo molto presto, il sole è spuntato da poco, non sapendo come passare il tempo fino alla colazione decidiamo di fare una passeggiata lungo mare, ieri avevamo visto che a circa un paio di Km dall’albergo c’era un villaggio, di cui ignoriamo il nome, per cui pensiamo di raggiungerlo passando per la spiaggia.
È mattina prestissimo e già lungo la spiaggia la vita è cominciata… incontriamo molta gente, c’e chi lavora le reti da pesca per ripararle eventuali buchi, chi si adopera per allestire una piccola bancarella, pescatori che stanno preparando le loro imbarcazioni per andare in mare, donne che con ceste grandissime sulla testa si incamminano per andare a comperare o barattare qualcosa in centro, bambini che già giocano sulla spiaggia… tra tutta questa gente vediamo uscire da una casa sulla spiaggia, un signore con in testa degli occhialini da nuotatore, larghi come più o meno come un oblò stile maschera anni ‘70, lo osserviamo con attenzione, vediamo che lui ci guarda, ci dice qualcosa: “ i remembar yuo, yesterday in airport…see you later”, poi ci saluta ci sorride indossa gli occhialini, si tuffa in acqua e scompare tra le mangrovie, noi rimaniamo stralunati riconosciamo che è uno dei due funzionari che ieri erano all’aeroporto, lo salutiamo, ma lui è gia a largo a godersi il suo bel bagno mattutino.
Rientriamo verso le 8 per fare colazione dopodiché decidiamo di andare di nuovo a Tuelar, questa volta all’ufficio dell’Air Mad, per verificare se con il volo è tutto a posto.
Nuova sorpresa… il volo della mattina seguente che da Tanà ci deve portare a Nosy Be è pieno, per cui ci prenotano sul volo per il pomeriggio succesivo alle 18,30.
Questa volta siamo visibilmente scocciati, ci rivolgiamo a “Morgan Freman” in modo infastidito, gli diciamo che ci stanno rovinando la parte finale del viaggio, che devono trovare una soluzione diversa da quella che ci hanno prospettato.
Lui, per nulla agitato ci dice di stare tranquilli, troverà un rimedio che ci illustrerà in aeroporto.
Un po’ rinfrancati usciamo dall’ufficio e ci dirigiamo, dopo esser passati in un internet caffè da dove inviamo due e-mail, all’aeroporto.
Questa volta arriviamo con molto anticipo, il nostro volo parte tra quattro ore, siamo i primi passeggeri arrivati, tutti gli inservienti sono vestiti con un grembiule verde smeraldo, quasi fosforescente, che indossavano anche il giorno precedente, grembiule che risalta sulla loro pelle color cioccolato e che fa spiccare ancor di più loro timido sorriso sdentato… sorriso che ci viene ironicamente rivolto quando ci sediamo in sala ad attendere il volo che ci porterà a Tanà.
Noi dobbiamo cercare di ingannare il tempo, Annalisa legge, io osservo meglio quello che c’è intorno a me:il tabellone delle partenze e arrivi non è altro che una lavagna di due metri con gli orari e le destinazioni scritte a gesso, la bilancia per pesare i bagagli è una di ferro grigia, gigantesca con una lancetta enorme tipo le bilance della pesa pubblica, la porta da cui ci si imbarca è una vetrata con in mezzo inciso il nome dell’aeroporto, tenuta da un telaio di legno, ingrigito e quasi bruciacchiato dal sole e dalle calde temperature, niente assolutamente niente che sia uno strumento elettronico a parte il telefono.
Riesco a comprendere il problema del giorno prima.
Comunque un’ora prima della partenza, quando ormai l’aeroporto è pieno di passeggeri e noi ci sentiamo scoraggiati, il boss “Morgan Freeman” ci fa chiamare nel suo ufficio e ci illustra la soluzione che ha trovato per accontentarci: ci dice che il volo di oggi partirà alle 13.30 sarà a Tanà alle 15,00 circa, alle 15 da Tanà c’e un volo per Nosy Be che aspetterà noi per la coincidenza.
Non avremo neanche un secondo da perdere…non so come sarà possibile prendere due aerei uno che arriva e uno che parte allo stesso orario però l’idea ci pare una buona e accettiamo la proposta.
Salutiamo Mahery, non è un addio perché ci ha detto che l’ultima sera a Tanà, visto che avremo molte ore da aspettare per la coincidenza internazionale, ci verrà a prendere per andare a cena insieme, dopodiché ci imbarchiamo sull’aereo.
Durante il volo gli stuart ci fanno sistemare in prima fila perché dovremmo essere i primi a scendere dall’aeromobile.. così sarà… appena atterrati a Tanà vediamo sulla pista di fianco a noi, pronto per partire, un altro aereo e un’hostess che correndo sulla pista ci viene incontro, ci fa attraversare la pista di corsa salire sull’aereo che effettivamente ci ha aspettato…
INCREDIBILE siamo a bordo pronti per partire!!! anche questo è Madagascar.
All’ aeroporto di Nosy Be contrariamente a quanto pensavamo, troviamo anche i bagagli, che sinceramente avevamo dati per persi, avremmo scommesso 1 contro 100 la perdita degli zaini.
Contattiamo uno dei tassisti che si trovano fuori dall’ aeroporto, trattiamo il prezzo e ci facciamo accompagnare all’Orangea Village, che è l’albergo che abbiamo prenotato dall’Italia per i prossimi giorni.
Per arrivare dobbiamo percorrere gran parte del perimetro dell’isola, riusciamo cosi, a bordo di una scassata R4 a dare una sbirciata generale all’isola, a prima vista ci sembra molto bella.
Arriviamo intorno alle 18, proprio nel mezzo di un tramonto mozzafiato, ci accoglie Dany, che è la direttrice della struttura: siamo in riva al mare, bungalows abbastanza spaziosi, puliti e ben curati, immersi in un bel giardino tropicale.
Ci piace.
Inoltre il ristorante e posto vicino la piscina, di fianco al bar, costruito su una struttura di legno di palissandro e tetto di paglia che fornisce al tutto un tocco di classe, per non parlare dei buonissimi piatti che ci verranno serviti le sere successive, cucinati come al Tsara Guest House in un ottimo misto franco malgascio, d’altronde Gianluca, il nostro gancio a Nosy Be ce ne aveva parlato ottimamente.
Gianluca è un ragazzo nato a Rimini, che per qualche anno è vissuto a Milano, ora, causa o grazie alla sua passione subacquea si è trasferito quaggiù dove, insieme ad altri ragazzi italiani, ha fondato un Dive Club “Manta Dive Club”, si è sposato con una ragazza del posto e diventerà papà molto presto.
Per cena rimaniamo all’Orangea e proviamo qualche piatto di questa cucina che tanto ci è stata decantata, mangiamo un antipasto e un secondo di pesce, sono effettivamente squisiti, rimaniamo poi a far due chiacchiere con Dany e suo marito Ivan ai quali raccontiamo in un misto di lingue franco malgascio e inglese italiano le nostre ultime peripezie.

13/11/03
La mattina seguente, dopo aver fatto la solita abbondante colazione abbiamo il nostro primo appuntamento con Gianluca, al Manta Dive club, da dove dovremo partire con i loro motoscafi alla volta di Nosy Tanikely, per una giornata dedicata allo snorkel.
Alle 7.30 ci viene a prendere il tassista del Manta Dive, è un ragazzo malgascio di nome Angelo, parla discretamente la nostra lingua, ci dice che ha due sorelle una delle quali vive in Italia, a Rimini, ed è sposata con un italiano, inoltre ha degli amici sardi che tutti gli anni lo vanno a trovare, beati loro.
Dopo mezzora di strada arriviamo all’appuntamento con Gianluca, ci stava aspettando, dopo le presentazioni di rito ci imbarchiamo su un motoscafo diretti all’isola Nosy Tanikely.
I nostri compagni di avventura sono italiani, i primi che incontriamo in questo viaggio, 3 ragazzi di Padova, che conoscono uno dei soci del club e sono da queste parti per fare immersioni, un ragazzo di Bologna e una ragazza di Venezia di nome Eva.
Arriviamo all’isola dopo mezzora di navigazione, è molto piccola ed ha una spiaggia di sabbia bianca ed è famosa perché nei suoi fondali normalmente è possibile avvistare le tartarughe marine.
Durante le due immersioni, immersioni si fa per dire… maschera pinne e boccaglio, che facciamo intorno all’isola vediamo molte specie di corallo variopinto di discrete dimensioni e in condizioni buone, la barriera corallina qui è ancora abbastanza integra, vediamo molte specie di pesci multicolori, ma di tartarughe neanche l’ombra.
Probabilmente l’arrivo di alcune barche, piene di turisti le hanno spaventate e sono andate in luoghi per loro più tranquilli.
Rientriamo dal giro per l’ora di pranzo, decidiamo di andare ad Ambatoloaka, il centro della vita dell’isola.
Non ci sembra un gran che, la spiaggia è bella, ma è piena di barche dei vari dive club, la via principale è squallida, piena di polvere, con molti locali come agenzie di viaggio, ristoranti, pub, frequentati da turisti europei, per la maggior parte francesi, alla ricerca di qualche ragazza del posto che pur di sopravvivere si vende a chiunque lo richieda.
Quello che vediamo non ci piace, molti bianchi tra i 50-60 anni in giro con ragazzine che in molti casi non ne hanno più di 20 .
È la prima volta che vediamo così diffuso questo fenomeno: le ragazze le capiamo, cercano l’europeo “ricco”, da spennare, da carpirgli più soldi possibile e trascorrere con lui più giornate possibili e nel modo più agiato possibile, ma i turisti, quelli ci fanno veramente pena, gente che normalmente è avanti con gli anni, che si fa 10000 km per venire a sfogare, a pagamento, i propri istinti sessuali, probabilmente nei loro paesi non hanno la possibilità o il coraggio di far nulla e arrivano in capo al mondo per sfruttare cosi ragazzine più o meno consenzienti in modo da rimanere nell’anonimato.….. vedere un posto cosi bello e incontaminato essere sfruttato per scopi discutibili ci fa una tristezza e una rabbia infinita.
Siamo contenti di aver scelto come hotel uno fuori dal centro, ma dobbiamo ancora pranzare e decidiamo di andare dove ci ha consigliato Gianluca cioè da “Papà Bebeto”, qui prendiamo un piatto di calamari e uno di gamberetti alla griglia accompagnati dalla solita birra, veramente notevoli per una spesa complessiva di 8 euro.
Torniamo all’Orangea con un taxi e ci fermiamo in piscina per rilassarci un po’, il discorso finisce nuovamente su quello che abbiamo visto ad Ambatoloaka , questa pratica insieme ai Tavy, sono due piaghe che il governo locale dovrebbe combattere al più presto, per preservare la bellezza del paese.
Comunque, lasciando per ora i discorsi moralistici da parte, dopo un bagno e la doccia, siamo di nuovo al ristorante per la cena che sarà anche stasera ottima.
Ci servono delle aragoste preparate da un turista francese, secondo me buonissime, ma ad Annalisa non piacciono molto infatti sono condite da una buona quantità di zenzero che a lei non piace.
Durante la cena inizia a piovere, con il passare dei minuti la pioggia aumenta sempre di intensità fino a diventare un vero e proprio diluvio, a Diego Suarez, la più grande città del nord Madagascar, i giorni scorsi c’è stato un tifone, queste piogge dovrebbero essere la coda del ciclone… pioverà per tutta la notte… tanto di giorno, secondo un detto dei locali nell’isola non piove mai.

14/11/03
Infatti la mattina successiva all’alba smette di piovere e la giornata anche se nuvolosa si ristabilisce un po’.
Decidiamo di non fare l’escursione prefissata, cioè il giro di Nosy Sakatia piccola isola poco distante da dove ci troviamo noi, i sentieri potrebbero essere molto fangosi e il mare agitato ha reso la visibilità in acqua non ottimale, per cui dedicheremo almeno la mattinata, ad un giro nella capitale, Helle Ville, per vedere un po’ di vita locale e fare delle compere.
A dany chiediamo se ci può chiamare un taxi, ma le linee telefoniche, con la pioggia della notte scorsa hanno collassato e ora non funzionano… noi non ci scoraggiamo e ci incamminiamo comunque alla volta di Helle Ville, andando sulla strada principale per fare autostop.
Attraversiamo il campo che separa l’Orangea dalla strada, è completamente infangato e quando arriviamo lungo la strada siamo già completamente sporchi dalle ginocchia in giù.
Ci puliamo alla meno peggio con l’erba che troviamo ai bordi della strada e iniziamo a dirigerci verso la capitale, cercando di fare autostop appena passa qualche macchina o camion.
L’attesa non è lunga, dopo due o tre macchine i cui piloti ci guardano dubbiosi e continuano per la loro strada, si ferma un ragazzo che con un fuori strada ci accompagna fino in centro.
Probabilmente è francese visti i lineamenti e la musica che ascolta in macchina, ma credo anche che si è stabilito nell’isola da molto tempo dato il colore scuro della pelle.
Una volta in centro andiamo un po’ a spasso senza meta precisa, attraversiamo il solito mercato all’aperto e entriamo in qualche negozietto per acquistare souvenir, ci rechiamo in un Internet cafè, da dove inviamo una mail di saluto a casa e poco distante da lì entriamo in un hotely dove mangiamo qualcosa velocemente.
Nel frattempo la giornata si è rimessa per il bello cosi dopo aver chiesto informazioni su quale è la spiaggia più bella dell’isola andiamo prendiamo un taxi e ci facciamo portare ad Andilana, è la spiaggia più a nord e qui è stato costruito il villaggio dei Viaggi del Ventaglio.
La spiaggia è veramente molto bella, è in una baia lunga 200-300 mt, la sabbia è finissima di colore giallo, perde un po’ di fascino rispetto a quelle che abbiamo visto anno scorso Zanzibar bianchissime, ma complessivamente è sicuramente la spiaggia più bella che abbiamo visto sull’isola, inoltre l’acqua e cristallina e la spiaggia circondata da palme.
Annalisa si intrattiene per mezzora in una estenuante trattativa con delle venditrici di tovaglie ricamate, l’isola è famosa per la qualità dei ricami, prima di comperarne paio… d’altronde a lei contrattare le piace molto… ma che p….

Continuiamo il giro e arriviamo nella zona dove e stato costruito il Venta club, è una struttura molto grande dotata di tutti i confort possibili e immaginabile, con tanto di tartarughe all’ingresso, ma come potete aver capito questo tipo di strutture non ci piacciono e decidiamo di tornare indietro e riposarci un po’ all’ombra di una palma.

Per tornare all’Orangea torniamo sulla strada principale e fermiamo un Taxi: è la R4 più scassata che mai abbia potuto vedere, credo cammini per “spirito divino”, il serbatoio è una tanica di plastica da 5lt che si trova nell’abitacolo, al posto del passeggero ed è collegato al motore tramite una calza, tipo quelle che da noi si usano per annaffiare.
Durante il tragitto il tassista nei pressi di un villaggio si ferma lungo la strada, si avvicina alla macchina una giovane ragazza, porta all’autista una bottiglia di vetro da 1 lt con dentro un liquido trasparente, lui la prende annusa il contenuta e lo svuota nella tanica che gli sta a fianco, paga qualche FMG riavvia la macchina e riparte.
Benzina è stata fatta!!!… tutto è a posto, il tassista riprende la guida alla volta dell’albergo, dove arriviamo poco dopo.
Chiediamo informazioni su questa strana pratica: lui ci dice che l’auto non è sua ma la prende a noleggio in centro e il giorno dopo non e detto che riprenderà la stessa auto, per cui prassi comune tra tutti i tassisti di Nosy che noleggiano l’auto è di riportarle in deposito con benzina possibile. Tutto chiaro!!!
Solita doccia prima di cena, raggiungiamo l’ormai solito ristorante dell’albergo, mi rendo conto che questa sera non mi sento benissimo, forse gli effetti collaterali del Lariam, forse la Capirinha bevuta a stomaco vuoto prima di cena, forse l’accumulo di un po’ di stress e stanchezza, forse l’aver mangiato poco a pranzo e bevuto un paio di birre fredde, sta di fatto che a un certo punto durante la cena mi sento svenire… o meglio sono proprio svenuto… sul tavolo… di fronte ad Annalisa… mi hanno risvegliato a suon di schiaffi e acqua in faccia, con grande spavento da parte di tutti coloro che erano a cena, poi Patricio, il cameriere con il quale abbiamo instaurato un ottimo feeling e di Annalisa mi hanno accompagnato in camera, dove mi sono abbandonato ad un sonno profondo dalle 21,00 fino all’alba del giorno dopo.

15/11/03
Ad Annalisa invece la notte non passa mai… rimane a vegliarmi per tutto il tempo e quando la mattina suona la sveglia dice di sentirsi sollevata, perché ho dormito in modo profondo e tranquillo, ma è anche preoccupata, infatti è il giorno dell’escursione a Nosy Iranja e dobbiamo fare 3 ore di barca per andare e tre ore per tornare e se dovessi sentirmi male di nuovo? In barca? O peggio in acqua? Saremo fuori dal mondo!!!
La rassicuro, mi sento bene e non voglio perdere per nessun motivo l’escursione alla quale più tengo, gli dico che faremo colazione vediamo come reagisco e se tutto è a posto partiamo!
Infatti cosi facciamo. Anche oggi c’è Angelo che ci aspetta per portarci all’appuntamento con Gianluca, durante il tragitto ci racconta della giornata che ha trascorso ieri con Eva, insieme hanno fatto il giro dell’isola, sono stati a vedere cascate, alberi strani, piantagioni di Ylang-Ylang ecc…, i suoi racconti ci entusiasmano e ci facciamo prenotare lo stesso giro per la mattina successiva.
Arriviamo all’appuntamento in orario perfetto, questa volta le barche oltre ai ragazzi che erano con noi a Tanikely, sono piene di viveri per il barbecue che faremo per pranzo.
Ci accomodiamo nel modo più comodo possibile consapevoli che per le prossime 3 ore dovremo sopportare lo sbattimento della barca sulle onde dell’Oceano Indiano.
Dopo circa due ore di navigazione riusciamo ad intravedere la forma dell’isola: ci appare come due punti, leggermente distanziati uno dall’altro, verdi, immersi nella profondità del blu del cielo tropicale e dell’azzurro intenso delle acque dell’oceano.
Ad ogni minuto che passa avvicinandoci all’isola la stessa inizia a prendere forma fino a quando a poche miglia di distanza riusciamo a distinguere la sua composizione: due isolotti verdissimi, uno attaccato all’altro, quando c’e bassa marea, da un istmo di sabbia bianco accecante, lungo 2km, il tutto circondato da acque trasparenti di color turchese. STUPENDA!!!.
Le due isole sono di dimensioni diverse, una la più grande si chiama Nosy Iranja Be ed è di 200 ettari all’interno della quale sorge un villaggio di pescatori Sakalava, l’altra più piccola, Nosy Iranja Kely è di 13 ettari e qui e stato costruito un resort.
La più piccola, mi fa tornare in mente un’altra isola splendida che abbiamo avuto la fortuna di vedere in un altro viaggio, Tabacco Caye ad aprile del 2001 nell’arcipelago del Belize.
Anche questa era grande più o meno come un campo da calcio, si trovava a ridosso della splendida e rinomata barriera corallina del Belize, completamente ricoperta da palme da cocco, sabbia bianca, con al massimo 20 turisti… il ricordo mi fa accapponare la pelle…
Scendiamo dalle barche, io e Annalisa siamo liberi di girare per l’isola, gli altri ragazzi italiani insieme a Gianluca vanno a fare un’immersione, gli altri del Manta Dive iniziano a preparare per il pranzo.
Siamo sbarcati a Nosy Iranja Be, quella più grande, visto che non ci interessa vedere il villaggio turistico nell’isola più piccola, iniziamo a girare per il villaggio di pescatori Sakalava, dove possiamo osservare da vicini un po’ della loro vita.

Le considerazioni che facciamo sono queste: vivono su un isola stupenda, su delle case fatte di legno e palme da cocco, molto spartane ma dignitose, hanno il pesce che vogliono sempre fresco e di ottima qualità, la carne non gli manca, tengono oltre che galline, maiali e anche zebù, hanno fiori, alberi, verde dappertutto, soprattutto guardandoli vediamo che hanno una grande dignità qualsiasi cosa stiano facendo, sembra proprio non mancare nulla, certo sono isolati e non hanno le comodità a cui siamo abituati, ma a noi un pizzico di invidia per quella vita cosi “vera” viene.
Giriamo senza meta per un’ora all’interno del villaggio, quando una coppia di signori di Varese arrivati con un altro gruppo, ci dice che in una spiaggia dietro il villaggio ci dovrebbero essere delle tartarughe.
La spiaggia è semplicemente fantastica, sabbia bianchissima, quasi abbagliante, fina da sembrare borotalco, circondata da sassi neri, tipo quelli che ho visto su delle foto delle Seychelles, immancabili palme da cocco, il mare che con la spiaggia forma una baia le cui sfumature di colore vanno dal celeste chiaro al blu intenso.
Siamo solo in quattro noi e la coppia di Varese, facciamo un altro bagno, anche stavolta di tartarughe neanche l’ombra… siamo “sfortunati”.

Sono già passate due ore e vediamo che Gianluca e gli altri ragazzi stanno tornando dall’immersione, per cui ci affrettiamo a tornare, nel frattempo i “cuochi marinai” hanno già preparato tutto si sono piazzati su un tavolo di legno sotto alcune palme, ora non ci resta che iniziare.
Mangiamo spiedini di gamberi, o di zebù (tanto lo mettono da qualsiasi parte), un’insalata di riso con pesce lesso e verdure, una zuppa di granchio con pomodoro e spezie varie, tranci di barracuda arrosto cotti al carbone, solita birra o coca-cola, ananas e mango a stufo…
Cosa chiedere di meglio?
Dopo pranzo mentre i sub stanchi decidono di riposarsi, io ed Annalisa visto che c’è bassa marea, facciamo un giro sull’istmo, con l’impegno di tornare per le tre e mezzo perché dobbiamo rientrare prima dell’arrivo del buio.
Perdiamo un po’ la misura spazio temporale, a malincuore ci accorgiamo che dobbiamo tornare indietro anche se siamo solo a metà del percorso che divide le due isole, infatti quando arriviamo una barca era già partita, l’altra ci stava venendo incontro.
Il tragitto di ritorno ci riserva due belle e inaspettate sorprese, dopo un’ora di navigazione proprio davanti alla nostra barca vediamo una balena che a 100mt da noi esce dall’acqua per prendere un po’ d’aria, poi probabilmente incuriosita sfila di fianco alla barca non più di 10 mt di distanza, subito dopo scompare inabissandosi…poco dopo a pochi metri di distanza dalla prua della barca vediamo due pinne dorsali, io profano pensavo fossero due squali, ma tutti gli altri in coro gridano “squalo balena” che è un mammifero docilissimo con cui si può fare il bagno insieme, ma proprio mentre tutti ci stavamo spogliando per entrare in acqua, si è immerso e non si è più visto.
Arriviamo alla spiaggia di Mandirokely pochi minuti dopo il tramonto, già Angelo è sulla spiaggia che ci aspetta, gli chiediamo se ci può portare da Gianluca, vogliamo salutarlo e ringraziarlo per la sua cortesia e disponibilità.
Siamo veramente sfiniti, solita routine doccia, aperitivo, cena, rhum Dzama Cart Rouque, un discreto rhum locale e a letto presto.

16/11/03
Alle 8 Angelo è già al parcheggio che ci aspetta, saliamo nella Pegeout 405 pulitissima, sicuramente l’auto in condizioni migliori che ho visto in questo viaggio, i primi due posti che vedremo sono due luoghi sacri.
Una cascata , immersa in una fitta boscaglia, per raggiungerla abbiamo camminato mezzora tra campi irrigati, le acque della cascata sono di color marrone causa la molta pioggia caduta i giorni precedenti, niente di particolare, invece la seconda escursione è molto più interessante, andiamo a vedere un albero di una specie rarissima, Angelo ci dice che forse un altro esemplare si dovrebbe trovare in Malesia.
Tutti i turisti che ha accompagnato in questo posto hanno detto di non aver mai visto un albero simile a quello.
Se è un esemplare unico o meno questo non lo so, però quello che vediamo e veramente spettacolare….un albero che non ha un tronco principale unico, le radici si mescolano con i rami, è alto circa 10 mt largo ad ha una base quadrata di 20mt circa, mai visto cosa simile, la gente del posto lo chiama l’Arbre Sacrè.
Rimaniamo a contemplare questo spettacolo della natura per alcuni minuti, poi di nuovo in auto, prima ci fermiamo a Helle-Ville, dobbiamo telefonare a Mahery per confermargli l’orario di incontro per il giorno seguente a Tanà, poi ci dirigiamo verso una piantagione di Ylang-Ylang.
Nosy Be è famosa per questo albero che fa dei fiori odorosi verdi o gialli, dai quali si ricava l’omonima profumata essenza.
I rami dell’albero vengono tenuti appositamente bassi, tipo quelli delle viti, per facilitare il raccolto, infatti i fiori che vengono prodotti durante tutto l’anno vengono raccolti giornalmente.
Da un quintale di fiori si ricava circa 3 kg di essenza che verrà poi trattato ed esportato nei paesi occidentali dove viene utilizzato nell’industria dei profumi.
In questa grande piantagione, finalmente, vedo per la prima volta l’albero di un frutto buonissimo che personalmente non conoscevo, il Lietchi, è molto grande, tipo una quercia e produce dei frutti a grappolo di colore rosso, simili ai graspi di uva, il frutto una volta tolta la ruvida pelle rossa è polposo e somiglia ad un gigantesco chicco di uva.

Ne facciamo scorta, compriamo circa 2Kg di questo frutto squisito, un po’ per Angelo, dell’altro per Patricio, infine un po’ ne porteremo a Tanà per regalarlo a Mahery che nei giorni scorsi ce l’aveva tanto decantato.
Ora visto che abbiamo alcune ore da dedicare alla tintarella e dobbiamo ancora mangiare ci facciamo accompagnare alla spiaggia Andilana, qui lungo la strada, proprio davanti la spiaggia Angelo ci dice che c’è il posto migliore di tutta Nosy Be dove poter mangiare aragosta, il nome del ristorante è “Il re dell’aragosta”.
Abbiamo mangiato due aragoste sicuramente le più buone che abbia mai assaggiato, freschissime di 3 kg l’una, un antipasto a testa, un piatto di verdura ciascuno, due piatti di frutta, il tutto per 180.000FMG, corrispondenti a 35 euri, con l’immancabile birra ad annaffiare il tutto.
Sazi andiamo in spiaggia, nei pressi di un noto albergo vediamo ancora il solito via vai di uomini bianchi e ragazze del posto, ci spostiamo più verso il villaggio di pescatori, facciamo un bagno e ci addormentiamo all’ombra di una palma per un paio di ore.
Alle 16,30 Angelo ci viene a recuperare, dobbiamo andare sul Mount Passot, il punto più alto dell’isola a 330mt, per vedere il tramonto.
Durante il tragitto Angelo ci racconta un po’ della sua vita e dice cosa pensa della situazione delle prostituzione sull’isola, più o meno ha la stessa nostra idea, dice che le capisce le ragazze, infatti quasi tutte quelle che si prostituiscono sono poverissime, dice di disprezzare i bianchi che fanno turismo sessuale perché secondo lui approfittano della situazione di povertà che c’è nell’isola, dice di avere due bambine, di non essere sposato, che si sposerà quando la sua compagna avrà 40 anni, così si potrà sentire sicuro che lei non lo mollerà per scappare con qualche “europèano” ricco, le sue parole sono di una durezza estrema e non fanno altro che rafforzare le nostre idee in merito al turismo sessuale.
Arriviamo sul monte in tempo per il tramonto, la vista è veramente bella il sole sta tramontando davanti a noi, sul mare, i colori del cielo stanno diventando rosso infuocato, riusciamo a vedere in lontananza la sagoma di Nosy Iranja, sotto di noi ci sona le più belle spiagge di Nosy Be, Mandirokely e Adilana, possiamo vedere tutte le verdi colline che formano l’isola e alcuni dei 12 laghi presenti nella stessa.
Immancabile la foto di rito con il sole al tramonto alle nostre spalle.
Finito lo “spettacolo” ci facciamo riportare all’Orangea, ci accordiamo per il giorno successivo quando dovrà venire a prenderci per portarci all’aeroporto alle 13.
Siamo di nuovo a cena al ristorante dell’albergo, stasera salutiamo tutti, ma in modo particolare Patricio, il cameriere che mi ha riaccompagnato in camera la sera che sono svenuto.

17/11/03
E’ l’ultima mattina in Madagascar, almeno per questo viaggio, mi sveglio con la solita aria malinconica che mi prende tutte le volte che sta per finire un’esperienza come questa, però abbiamo ancora una giornata davanti a noi inoltre dovremmo rincontrare Mahery e questo già mi risolleva il morale.
Dopo colazione facciamo un giro per le spiagge intorno all’Orangea, non sono un gran che, quindi decidiamo di trascorrere quello che resta prima di partire in piscina.
Andiamo a casa di Dany, lei vive con Ivan e il figlio di 12 anni all’interno dell’Orangea in una dependance molto bella con la sala aperta sul giardino tropicale dell’hotel, saldiamo il conto, un caloroso abbraccio con la speranza di rivederci presto.
C’è già Angelo con la sua pulitissima auto che ci aspetta, ci accompagna in aeroporto, siamo notevolmente in anticipo, ma con Air Mad non si può mai stare tranquilli, così nella sala che pian piano si riempie di turisti, aspettiamo pazientemente l’ora del check-in.
Mentre scambiamo qualche chiacchiera con i signori di Varese, quelli di Nosy Iranja , arriva Gianluca che è venuto ad accompagnare una sua cliente, gli chiediamo come è andata l’uscita che avrebbe dovuto fare qualche giorno prima con Pellizzari, il recordman di immersione, era lì per girare con i ragazzi del Manta Dive un documentario per Mediaset sulla flora e fauna marina della zona.
Ci racconta che causa maltempo la troupe è arrivata con due giorni di ritardo, sono rimasti sull’isola praticamente una sola notte, perché avevano già prenotato il volo per il rientro, così sono stati costretti ad uscire in notturna, con la pioggia, ma la fortuna li ha assistiti infatti sono riusciti a fare una bellissima immersione con delle fantastiche riprese, l’acqua nonostante il maltempo era limpida e la fortuna ha voluto che in acqua hanno incontrato anche uno squalo balena con il quale hanno giocato per molto tempo.
Saluti e baci, ci prepariamo per il check-in, quando ci accorgiamo che sul pavimento dove prima c’era un ammasso di valige ora ci sono solo le nostre, perché, presi dal racconto di Gianluca tutti gli altri passeggeri ci sono passati avanti ….
L’aereo parte con ½ ora di ritardo, inoltre prima di giungere a Tanà farà uno scalo, quindi non arriveremo mai all’ora che avevamo prestabilito.
Non avevamo dubbi sul fatto che Mahery ci avrebbe aspettato, infatti ci viene incontro all’uscita dell’aeroporto (con il suo infantile sorriso sdentato), ci salutiamo, carichiamo i bagagli, saliamo in macchina e partiamo.
Durante il tragitto, come si fa di solito tra vecchi amici ci scambiamo delle battute lui mi ha affibbiato due soprannomi, “uomo della pioggia”, perché dove vado io arriva la pioggia, oppure “cover man” per la sbadataggine che ho con il tappo dell’obiettivo della macchina fotografica, noi invece lo prendiamo in giro facendogli pesare il fatto di non aver un fisico proprio asciutto, gli dicevamo sempre che lui non lavora ma è costantemente in vacanza e che dovrebbe migliorare la situazione facendo attività fisica e non rifiutandosi di fare le escursioni a piedi come ha fatto con noi.
Ci dice che avrebbe piacere se andassimo a casa sua invece di andare al ristorante, ha fatto preparare la cena dalla moglie, noi accettiamo molto volentieri l’invito, però non ci va di presentarci a mani vuote così ci facciamo fermare in un negozio dove compriamo da bere e della cioccolata per la sua bambina.
Ci dice che non ci dobbiamo aspettare una grande casa o comunque niente di simile ad una di stile europeo, quasi volesse scusarsi per non poterci offrire le comodità a cui siamo abituati.
Arriviamo che è buio, lui vive in un quartiere periferico, lungo la via dove si trova la casa a non c’è illuminazione, una luce fioca si intravede dalle finestre, a darci il benvenuto è Malala, la moglie, purtroppo parla solo in francese ma con il suo sorriso ci fa subito sentire a nostro agio.
La casa è composta da tre stanze: la sala da pranzo, con annesso salotto, la camera dove sul lettone c’è Estelle, la figlia di tre anni che guarda i cartoni animati alla TV, non ha mai visto dei Vazaha e anche se le abbiamo portato della cioccolata rimane timidamente in disparte, l’altra stanza è la cucina.
Mentre Mahery va a parcheggiare la macchina Malala ci serve un po’ di salatini, noccioline e coca cola, ci fa accomodare in salotto, Annalisa con il suo elementare francese le dice che Mahery ci ha parlato molto della sua famiglia, che lei è una brava cuoca, le dice che ci ha parlato di Estelle che va a scuola dalle suore, lei invece ci dice che anche Mahery ha parlato di noi, di dove siamo stati, del nostro progetto di avere un figlio, così pian piano l’imbarazzo iniziale lascia il posto ad una piacevole sensazione di sentirsi in un ambiente familiare.
Quando arriva Mahery ci sediamo a tavola e prima di iniziare la cena ci fa raccogliere in preghiera: ringrazia Dio per la giornata passata, per il cibo a tavola, dopodiché lo invoca affinché noi possiamo realizzare i nostri progetti futuri, anche questa per noi che non siamo propriamente dei cattolici praticanti, è un’esperienza nuova..
Il menù prevede Silamangany suop con carne di zebù, riso con piselli, Anamamy e maiale, per finire ananas.
Tutti i piatti preparati da Malala sono cose che avevamo apprezzato durante il tour, quindi lo zampino di Mahery è chiaro, questo ci emoziona e lo rende sempre più speciale…un ragazzo adorabile e buono nonché un’ottima guida.
Dopo aver concluso, ci spostiamo di nuovo sul salotto dove ci fanno vedere delle loro fotografie, per lo più riguardano il loro matrimonio o le loro famiglie, di tutte ci descrivono i luoghi e i personaggi, tutte sono di qualità scadente paragonabile a quelle fatte negli anni settanta, la nostra infanzia, ma non è questo quello che conta, bensì il loro gesto semplice e genuino, il loro sforzo di farci sentire come a casa nostra.
È già ora di ripartire, dobbiamo tornare all’aeroporto per il volo che ci riporterà a casa, salutiamo Malala, mandiamo un bacio ad Estelle che nel frattempo si è addormentata, saliamo in macchina e partiamo.
Mahery aspetta fino quando non facciamo il check-in, solo in quel momento alle 23 circa ci salutiamo.
Questa volta Annalisa, riesce a non far vedere a Mahery, anche lui visibilmente emozionato, le lacrime che le stanno gonfiando gli occhi…
Dobbiamo aspettare ancora un’ora prima di imbarcarci sul volo Air France diretto a Parigi, dove arriveremo dopo 10 ore di volo e da dove, dopo altre quattro ore di attesa, ci sarà il volo che ci porterà a Bologna.

…Appena sbarcati a Bologna, scesi dal volo che ci ha riportato a casa, recuperiamo la macchina che avevamo lasciato al parcheggio del ristorante e da lì piombiamo in mezzo al caos della tangenziale, ci aspettano 2 ore di autostrada prima di arrivare a casa, Ancona.
Siamo già presi dalla nostalgia per quello che abbiamo lasciato, quando la nebbia della pianura padana ci avvolge, percorriamo il viaggio verso casa in silenzio, immaginando di nuovo le strade, i paesaggi, gli odori, i colori, i sapori, la gente del paese che ci ha ospitato per gli ultimi 17 giorni.
Arriviamo a casa, dove ci aspettano i nostri genitori e il nostro gatto, ringraziando la nebbia per questo sogno ad occhi aperti che ci ha fatto rivivere……