Viaggi a Mauritius

Racconti di viaggio nelle Mauritius

di anselmi@unisi.it

Ciao a tutti!
Siamo Barbara, Laura, Patrizia e vogliamo raccontare il nostro viaggio a Mauritius, fatto lo scorso anno dal 29 Aprile al 13 Maggio 2004. E’ passato un bel po’ di tempo ma finalmente ci siamo decise a pubblicare il diario accuratamente scritto durante la nostra vacanza.
Abbiamo organizzato il viaggio in modo autonomo, ci siamo rivolte all’ Agenzia di Viaggi solo per prenotare il volo (Air France in collaborazione con Air Mauritius, circa € 780,00). Per tutte le altre informazioni abbiamo trovato il materiale su Internet e sulla guida EDT.


In particolare ci sono state preziose le indicazioni trovate sul sito www.mauritiusonline.it di Eugenio Rambaldi (che ringraziamo). Il sito è molto preciso, ben curato, pieno di consigli utili. Grazie a tantissime indicazioni abbiamo deciso di prenotare un appartamento in modo da non essere legate ad orari. Tramite e-mail ci siamo messe in contatto con una signora del posto, Georgette Stenghel, che ci ha risposto subito fornendoci una serie di offerte di appartamenti situati a Gran Baie, Perèybére e Mont Choisy. Abbiamo contattato Georgette anche telefonicamente (parla molto bene l’italiano) e ci siamo messe d’accordo per l’appartamento, l’orario di arrivo e per il tassista che ci sarebbe venuto a prendere all’aeroporto. Inizialmente avevamo scelto un appartamento a Perèybére, ma arrivate a Mauritius, Georgette ci ha consigliato di andare a vederne un altro a Gran Baie. Così abbiamo scelto quest’ultimo, molto più carino e comodo perché vicino a tutti i negozi, banche e supermercati. L’appartamento, situato in Royal Road, ci è costato € 106,00 a testa per tutto il periodo di vacanza.

Ed ora passiamo al vero e proprio diario di viaggio!

GIOVEDÌ 29 APRILE
La partenza è prevista da Firenze con Air France alle ore 13.05 con destinazione l’aeroporto Charles de Gaulle di Parigi per poi prendere la coincidenza per Mauritius. L’aereo ha appena acceso i motori quando all’improvviso si rompe il generatore di corrente, quindi attesa per il ripristino. L’aereo si avvia verso la pista per il decollo, ma fa inversione e ritorna al punto di partenza: c’era un portellone che non si era chiuso….Finalmente alle 13,30 riusciamo a decollare! L’atterraggio a Parigi è molto buono, trasferimento di corsa ad un altro terminal per la coincidenza dell’Air France per Mauritius; l’aereo è molto bello e comodo. Decolliamo puntuali alle ore 16,15 ora italiana. Viaggio molto tranquillo.

VENERDÌ 30 APRILE
Siamo atterrati a Mauritius alle ore 5,00 ora locale (con l’ora legale, 2 ore in più rispetto all’Italia), dove ci aspettava il taxi fissato dall’Italia. Mustakim, il nostro tassista, ci ha portato a vedere i due appartamenti, scegliendo, come già detto, quello a Gran Baie. I proprietari dell’appartamento, France e Noella, abitano al piano sottostante, sono molto ospitali, ci hanno preparato il caffè, forse perché hanno notato che eravamo molto provate e stravolte dal viaggio; ci hanno offerto anche pane, burro e banane come colazione improvvisata. Inoltre hanno detto che avrebbero pensato loro alla cena! L’appartamento si trova lungo la via principale che costeggia la baia, è molto carino e spazioso. Preso possesso dell’appartamento abbiamo fatto una doccia fredda “rigenerante” (l’acqua calda c’è solo con il sole!). Siamo uscite per andare alla ricerca del supermercato “Super U” per la spesa (fornitissimo, si trova di tutto), indicato dalla guida Lonely Planet. Siamo uscite di nuovo per andare in spiaggia che è pubblica, come tutte le spiagge di Mauritius, cominciando a prendere confidenza con il luogo. Dobbiamo dire che eravamo molto frastornate! La spiaggia a Gran Baie non è male, solo c’è un rumore infernale proveniente dalla strada trafficatissima!! Abbiamo aspettato il tramonto sulla baia facendo un giretto sul lungomare. La cena è stata servita alle 19,30: tonno alla creola, molto buono, accompagnato dal riso (messo precedentemente a cuocere nell’apposita risiera), patate fritte, insalata e condimento con cipolla; siamo riuscite a mangiarne solo una parte, il resto in frigo per il giorno dopo.
Siamo andate a dormire distrutte! Ah! Dimenticavamo di dire che ci siamo date appuntamento per domattina con France e Noella per andare insieme a Pamplemousses. Domani è il 1° Maggio ed è festa anche a Mauritius.

SABATO 1 MAGGIO
Sveglia alle ore 7,00, colazione e poi con i nostri padroni di casa siamo andate a visitare il Giardino Botanico di Pamplemousses in autobus, il biglietto è di 17 Rp a testa (circa € 0,52). Il giardino è fantastico con una grandissima varietà di piante e fiori. L’ingresso è libero, all’interno si possono trovare delle guide che illustrano tutto il parco, ma noi le avevamo già!! La temperatura era molto gradevole, con qualche “spruzzo” di pioggia impercettibile. Il giardino è attraversato da sentieri asfaltati che scorrono in mezzo a questa vegetazione rigogliosa, con laghetti sparsi qua e là pieni di pesci. Ma quello che ci ha colpito di più è stata l’enorme vasca completamente ricoperta dalle ninfee giganti dell’Amazzonia (Victoria Regia), veramente spettacolari! Talmente grandi che veniva voglia di salirvi sopra! C’è anche un recinto con le tartarughe giganti provenienti dalle Seychelles, una delle quali ha più di 110 anni. Sono veramente esagerate!! In un altro recinto si possono vedere un gruppo di cervi di Giava.
Siamo rientrate a casa per il pranzo; il menù di oggi prevedeva riso freddo della cena di ieri, paté di fois gras e il marlin affumicato (buonissimo!). Dopo pranzo siamo andate di nuovo in spiaggia a Grand Baie, sempre di fronte alla via principale, per fare un pisolino, ma il tempo incerto ci ha fatto rivestire in fretta e rientrare dopo piccoli acquisti.
Alle 19,00 avevamo appuntamento con Nico, una guida del posto: tipico indiano con pelle scurissima, italiano di adozione nel vero senso della parola. Un tipo molto coinvolgente che ci ha proposto delle escursioni a prezzi veramente interessanti. Niente uscita serale, troppo stanche, stiamo scrivendo il diario con gli occhi chiusi!
Tira un vento fortissimo!!!
Buonanotte!

DOMENICA 2 MAGGIO
Sveglia alle 7,00 circa, colazione e alle 8,45 appuntamento con Nico per andare ad un negozio di Ralph Laurent ad Arsenal. Prima siamo passati a prendere 3 persone, decisamente antipatiche, al Trou Aux Biches Hotel. Abbiamo fatto qualche acquisto anche se poco conveniente. Tra l’altro le commesse ci hanno detto che sono tutte imitazioni. Piove a dirotto, quindi niente mare come avevamo deciso. Ma dov’è il sole dei Tropici? Abbiamo approfittato della cortesia dell’autista del pulmino e ci siamo fatte accompagnare al supermercato. Arrivate in casa siamo uscite immediatamente perché France e Noella stavano facendo le pulizie. Quindi, sotto l’acqua, solito giro per i negozi e ancora acquisti. Purtroppo abbiamo passato il pomeriggio a casa poiché fuori c’era il diluvio universale. L’acqua è entrata addirittura dentro casa! Non sapevamo proprio come ingannare il tempo, e meno male che non eravamo in una soffocante stanza di albergo!!! Verso le 18,00 siamo finalmente uscite, un giretto sulla strada principale di Gran Baie e poi sosta in un bar per una pausa dissetante. Siamo rientrate verso le 19,00 e mezz’ora dopo, puntualissimi, sono saliti France e Noella accompagnati dal figlio, a portarci la cena. Noella non ha potuto cucinare i crostacei come ci aveva promesso perché a causa del maltempo i pescatori non erano usciti in mare, ma ci ha portato un buonissimo risotto alla creola con frutti di mare, funghi, mais, e tanti altri ingredienti.
Anche stasera dopo cena non siamo uscite, tanto non c’è nessuno in giro! E’ domenica!! Bah…

LUNEDÌ 3 MAGGIO
Giornata bruttissima, anche oggi pioveva a dirotto! Alle ore 9,00 partenza per l’escursione verso sud (Rp 400 a testa, circa € 12,00). Siamo passati di nuovo dal Trou Aux Biches Hotel a prendere due persone, Giovanni e Silvia, un coppia di italiani in viaggio di nozze, con i quali ci siamo trovate veramente molto bene. Sono socievoli, simpatici e alla mano: Silvia ha un bellissimo pancione, è incinta di 5 mesi! Siamo passati da Port Louis, la capitale e ci siamo diretti verso Floreal, la prima tappa. E’ una cittadina famosa per la lavorazione dei diamanti importati dal Sudafrica, e per la lavorazione del cashmire. Visitata al volo una fabbrica per la lavorazione dei diamanti, siamo saliti fino al cratere di Trou aux Cherfs sempre costantemente sotto la pioggia. Il posto è bellissimo, l’interno del cratere è completamente ricoperto da una fitta vegetazione, peccato esserci capitate in una giornata di acqua, vento e nebbia!… La sosta successiva è stata al Lago sacro Gran Bassin, per la visita del Tempio Indù con relativa benedizione del santone con l’acqua che si dice provenga dal fiume Gange. Poi alle cascate Black River Gorges dove ci siamo fermate solo per una breve sosta perché ovviamente come siamo scesi dal pulmino si è scatenato di tutto. Il panorama sarebbe splendido….ma in una giornata di sole! Siamo riuscite comunque a vedere due scimmiette! Vicino Chamarel ci siamo fermati per il pranzo in un piccolo ristorante creolo lungo la strada. Abbiamo mangiato molto bene! Dopo pranzo visita alle cascate di Chamarel. Uno spettacolo: vegetazione rigogliosa e verdissima. Fortunatamente ha smesso di piovere. Ultima tappa le terre colorate di Chamarel. Verso le 16,30 abbiamo preso la via del ritorno, costeggiando la parte ovest dell’isola. Durante il tragitto abbiamo visto dei bellissimi panorami, sia dell’interno con la fittissima vegetazione, sia della costa. Sempre a causa del bruttissimo tempo dopo cena non siamo uscite: acqua e vento a volontà!

MARTEDÌ 4 MAGGIO
Finalmente c’è il sole! Colazione e poi a prendere l’autobus per il Trou Aux Biches Hotel dai nostri amici Giovanni e Silvia. Con Nico (il nostro amico indiano) e il fratello siamo andati con la barca dal fondo di vetro a fare snorkeling sul reef. Per circa un’ora abbiamo spinnettato in mezzo ad una miriade di pesci bellissimi di tante varietà: pappagallo, sergente, farfalla, imperatore, angelo, trombetta, ecc…..abbiamo visto persino il pesce pietra! Pranzo con ananas e poi i soliti acquisti dai venditori della spiaggia: perle, borse e tovagliette! Abbiamo fatto anche uno spuntino al bar tipico sulla strada con polpettine indiane. Ripreso l’autobus siamo tornate a casa. Naturalmente si è scatenato il diluvio e come al solito abbiamo passato un altro dopo cena chiuse in casa.

Dobbiamo dire che quasi tutte le sere della nostra vacanza, più o meno dalle 20,00, iniziava a piovere e tirare vento, per cui siamo rimaste sempre rintanate in casa. L’abbiamo presa con filosofia, per lo meno ci siamo riposate e rilassate!

MERCOLEDÌ 5 MAGGIO
Tempo bruttissimo. Nico ci ha informato che non possiamo fare l’escursione alle isole del Nord, l’Ile Plate e l’Ilot Gabriel e allora che facciamo? Shopping a Port Louis, tanto per non perdere il vizio dello spendere! Partenza da Gran Baie con “l’Express”, l’autobus supermoderno per lo standard del luogo, con aria condizionata a palla. Non abbiamo ancora detto di quanto sono particolari gli autobus locali! Vecchissimi, cadono a pezzi, con l’autista che guida come un pazzo…..però permettono di girare l’isola a dei prezzi veramente bassi! Arrivate a Port Louis, congestionata dal traffico, la nostra prima tappa è stata il mercato locale. Ci abbiamo messo un bel po’ a trovarlo dopo aver fatto vari giri a vuoto sotto l’acqua! Le bancarelle sono piuttosto care e quindi non abbiamo comprato niente. Ci siamo dirette verso il Museo di Storia Naturale per andare a vedere il famoso “Dodo”. A parte il Dodo, il museo è abbastanza squallido, tenuto male e con molta polvere; ottime invece le briosches che abbiamo comprato in una bancarella lungo la strada. Dopo esserci rifocillate ci siamo dirette verso il centro Commerciale “Le Caudan Waterfront” per dare inizio al nostro sport preferito: spendere! Non ci siamo perse neppure un negozio e salvo la pausa pranzo, abbiamo girato come trottole fino verso le 16.30, quando ormai esauste siamo andate a prendere l’autobus per il Trou Aux Biches Hotel, da Giovanni e Silvia, per assistere allo spettacolo di Segà, il ballo tipico Mauriziano, che tutti i mercoledì viene fatto sulla spiaggia di fronte all’Hotel. La spiaggia al tramonto è bellissima. Finito lo spettacolo abbiamo ripreso l’autobus per tornare a casa.
Finalmente siamo riuscite a fare la nostra prima uscita notturna!

GIOVEDÌ 6 MAGGIO
Oggi il tempo sembra clemente e partiamo in escursione per l’Isola dei Cervi (Ile aux Cherfs, Rp 800 a testa,circa 24 euro). Appuntamento alle 9,00 con Nico e una famiglia di Bergamo. Dobbiamo attraversare tutta l’isola e recarci nella parte Est. Durante il tragitto abbiamo modo di vedere, oltre alle immancabili distese di canna da zucchero, paesaggi ricchi di vegetazione, campi coltivati. Dopo circa un’ora di viaggio arriviamo a Trou d’Eau Douce per imbarcarci su un motoscafo e in 2 minuti (più o meno, forse anche meno) siamo arrivati a destinazione. Sistemati gli asciugamani siamo entrate subito in acqua. Alle 12,00 siamo salite di nuovo sul motoscafo per andare a vedere le cascate di Grand Rivière, dove le acque del fiume si gettano direttamente in mare e che in questo periodo hanno una grande portata d’acqua. Dalle cascate ci siamo trasferiti in un’altra isola per il pranzo. Una meraviglia! Ristorante arrangiato su questo minuscolo isolotto, abbiamo mangiato sotto ad una tenda in mezzo alle piante di casuarina, sui tavoli al posto delle tovaglie c’erano i parei colorati e con un menù così composto: pesce capitano alla griglia con contorno di insalata, pollo alla griglia con insalata e poi….aragosta!!!!! Naturalmente fresca! Infine come dessert banana flambé e ananas fresco! Dopo pranzo siamo ritornati sull’Isola dei Cervi fino alle 16,30 e poi siamo tornati a Trou d’aux Douce, dove in attesa del nostro pulmino abbiamo “esplorato” il negozio sulla strada! Di nuovo un’ora di tragitto per arrivare a Gran Baie. Stanche della giornata dopo cena siamo rimaste in casa in totale relax.
L’isola dei Cervi è veramente molto frequentata, ma sicuramente merita una visita, qui il mare ha dei colori bellissimi.

VENERDÌ 7 MAGGIO
Solita sveglia verso le 7,00 – 7,30, colazione e poi abbiamo deciso di andare a Peréybère…a piedi…E’ stata una bella passeggiata di circa 3 Km! La spiaggia di Peréybère non è particolarmente grande ma anche qui il mare ha un colore molto bello. Il sole stenta ad uscire e qualche goccia di pioggia ci ha convinte a pranzare in un ristorantino vicino alla spiaggia. Ci siamo fatte prendere per la gola e quindi: insalata di polpo (buonissima, la consigliamo a tutti: polpo lessato, molta cipolla a fettine, qualche foglia di insalata, olive nere, peperoni verdi a listarelle, pomodoro a pezzetti piccoli, molta scorza di limone tagliata a dadini piccolissimi e succo di limone) e gateau di calamari e gamberi! Spesa totale per i pranzo Rp 1100 (circa € 11,00 a testa). Poi di nuovo in spiaggia fino verso le 16,00 e sulla via del ritorno (sempre a piedi) abbiamo fatto qualche acquisto nei negozietti del posto. Purtroppo è iniziato a piovere per cui alla prima fermata di autobus abbiamo aspettato che ne passasse uno per Gran Baie. Arrivate a casa, giusto il tempo di lasciare gli acquisti, che siamo uscite di nuovo per andare al supermercato. Dopo cena ancora una volta la pioggia ci ha costretto a rimanere a casa!

SABATO 8 MAGGIO
La giornata inizia con il solito brutto tempo! Speravamo di andare a Moka ma il nostro amico Nico ci ha tirato un bidone, così ce ne siamo andate in giro per Gran Baie. Abbiamo fatto una buonissima colazione con le polpettine indiane acquistate in un banchetto sulla strada: molto particolari, quelle al peperoncino sono piccantissime!!!! Fuoco puro! Eventualmente mangiatele per ultime altrimenti non sentirete più nessun sapore! Andando in giro per negozi abbiamo scoperto il Bazar di Gran Baie, dove abbiamo passato tutta la mattina. Tanto il tempo era pessimo! Uscite dal Bazar ci siamo fermate nel ristorante che si trova davanti e pranzato con un ottimo piatto di gamberoni con contorno di insalata e patatine fritte! Eravamo così soddisfatte che la proprietaria ci ha offerto il digestivo! Dopo pranzo ancora una puntatina per bancarelle (non ci stanchiamo mai) e siamo tornate a casa. La Sig.ra Noella ci ha portato al molo a vedere i pescherecci che rientravano dalla pesca, e poi alla bancarella lungo la strada a comperare il pesce che ci avrebbe cucinato per cena. A malincuore abbiamo scelto una bellissima cernia rossa. Dopo cena, come sempre, non siamo uscite perché fuori c’era il diluvio universale. Ma non smette mai?

DOMENICA 9 MAGGIO
Oggi è stata una giornata decisamente tranquilla! Ci siamo svegliate con il sole, colazione e poi subito a prendere l’autobus per andare dai nostri amici al Trou Aux Biches Hotel. A pranzo siamo andati al solito bar all’angolo della strada, frequentato soprattutto dalla gente del luogo. Siamo andati a fare snorkeling sulla barriera corallina con la barca dell’Hotel. Nel pomeriggio, rientrando, Giovanni e Silvia sono venuti con noi a Gran Baie e ci siamo presi un aperitivo al Bar Mai Tai. Dopo cena siamo andata al Banana Café ed abbiamo bevuto una buonissima Piña Colada!!!

LUNEDÌ 10 MAGGIO
Oggi escursione nel Sud di Mauritius fino alla spiaggia di Le Morne. Abbiamo preso un taxi per tutta la giornata (Rp 1200, circa € 37,00). Per prima cosa ci siamo dirette a Moka a visitare la casa Eureka, in stile coloniale. Non è niente di particolare, andate se passate di lì e vi avanza del tempo altrimenti lasciate perdere. Poi in vena di acquisti come al solito, il tassista ci a portato a Quatre Borne all’Orchard Centre dove ci siamo perse per i negozi. E’ un centro commerciale tipicamente indiano e ci è piaciuto moltissimo. Eravamo gli unici turisti! Dopo abbiamo preso la strada per il mare fino a Le Morne dove siamo rimaste fino alle 15,30. La spiaggia è bellissima, tranquilla e con poca gente! Naturalmente, alle spalle della spiaggia ci sono gli alberi di casuarina! Il mare qui ha un colore splendido!!! Abbiamo fatto snorkeling, anche se la barriera corallina era lontana. Infatti c’erano pochi pesci, concentrati soprattutto intorno ad una vecchia ruota arrugginita! Alle 15,30 siamo ripartite per tornare a casa; non ne potevamo più del sole che ci picchiava sulla testa! Abbiamo cenato in fretta (pesce Capitano bollito con besciamella creola e cipolla) e con un taxi (Rp 200, circa € 6,00) siamo andate all’Hotel Trou Aux Biches per salutare Giovanni e Silvia che la mattina dopo ripartivano per l’Italia. Abbiamo assistito prima ad uno spettacolo folcloristico e dopo siamo rimaste ad ascoltare uno dei gruppi più conosciuti di Mauritius che stasera era ospite dell’Hotel. Tornate a casa abbiamo trovato una sorpresa: un enorme ragno nero sulla tenda di camera! Patrizia e Laura si sono dileguate urlando, Barbara si è fatta coraggio ma ha dovuto faticare un bel po’ per eliminare la bestia. Era di una dimensione esagerata, figurarsi che nella foto che gli abbiamo scattato si vede la luce del flash riflessa sul tuo testone!!!!

MARTEDÌ 11 MAGGIO
Ormai come di consuetudine ci siamo alzate molto presto. Prima di uscire Patrizia ha scattato alcune foto ricordo della casa: la veranda, il terrazzo che porta alla veranda, i fiori tropicali che sono nella terrazza, le scale che salgono alla porta di ingresso! Anche oggi è una bellissima giornata! Abbiamo fatto un giro sul molo e sulla spiaggia di Gran Baie nell’attesa dell’apertura dei negozi! Poi abbiamo preso l’autobus e ci siamo dirette alla vicina spiaggia di Mont Choisy, a circa 10 min. di autobus da Gran Baie. La spiaggia è deserta e bellissima! Molto lunga, con sabbia bianca, mare bellissimo e alle spalle l’ombra delle piante di casuarina. In tutto il giorno abbiamo visto poche persone: due pescatori e qualche sporadico turista. E’ stata una splendida giornata. Abbiamo acquistato il pranzo al furgoncino in pineta: panini con il pollo, patatine fritte e polpette. Dopo pranzo un meritato riposo sotto la casuarina in compagnia dei numerosi uccellini che popolano le spiagge di Mauritius. Questa è una delle spiagge più belle, non c’è nessuno. All’estrema punta di destra c’è il Club Med, ma fortunatamente la spiaggia è lunghissima e c’è modo di stare in pace! Verso le ore 16,00 abbiamo ripreso l’autobus. Cena preparata da Noella: le avevamo chiesto di cucinare di nuovo il riso alla creola che già ci aveva preparato in un’altra occasione. Dopo cena siamo uscite, è l’ultima sera che passiamo a Mauritius, domani dobbiamo partire!!! Siamo andate di nuovo al Banana Café, l’unico locale dove c’è un po’ di giro! Ma dove vanno tutti?

MERCOLEDÌ 12 MAGGIO
Purtroppo siamo arrivate alla fine della nostra vacanza, oggi è l’ultimo giorno. Sigh!…Ci siamo svegliate con una tristezza infinita e prima di uscire abbiamo cominciato a raccogliere le nostre cose. Meno male che anche oggi c’è il sole! Con l’ormai familiare autobus siamo andate ancora una volta alla spiaggia del Trou Aux Biches Hotel per un motivo ben preciso…pranzare con aragosta e gamberoni al bar sulla strada! Che ingorde! Abbiamo fatto delle lunghissime passeggiate, fotografato da tutte le angolazioni questo mare bellissimo, salutato il nostro Nico e poi pranzato con gamberi alla griglia, aragosta e patatine fritte. Alle 15,30 circa siamo tornate a casa per finire di preparare le valige. France e Noella ci hanno invitate a casa loro per i saluti e bere qualcosa prima della partenza (insieme anche ai figli). Alle 20,00 è arrivato Mustakim per accompagnarci all’aeroporto. La partenza con Air Mauritius è alle 22,35 con arrivo previsto a Parigi alle 8,35. Siamo arrivate puntuali ma abbiamo dovuto aspettare fino alle 12,10 per prendere l’aereo per Firenze dove siamo atterrati alle 14,05.