Rajastan

Racconto di viaggio in India

CON PENELOPE ALLA RICERCA DI ULISSE … IN RAJASTAN!!??!!
Ebbene sì, siamo di nuovo pronti a partire per un viaggio, e che viaggio…. stavolta portiamo Penelope in Rajastan alla ricerca di Ulisse. Speriamo che sia la volta buona!! La nostra Penelope è triste perché il suo amato Ulisse è partito anni fa da Itaca e non è più tornato a casa. L’abbiamo già portata a destra e a manca per il mondo … ma non c’è stato niente da fare. Il caro Ulisse sembra davvero scomparso! Però non demordiamo e facciamo ancora un tentativo: Rajastan… hai visto mai che lo troviamo proprio qui??
26 ottobre 2005 – Sparsi da ogni dove raggiungiamo Roma e poi tutti insieme per il volo Amman – Delhi dove atterriamo, stravolti e ridotti come la pelle dello stracchino (oramai è un classico dei miei viaggi e dei miei articoli), alle 6.00 della mattina. E il bello viene adesso perché abbiamo ancora tutta la giornata davanti!!

27 ottobre 2005 – Per prima cosa comperiamo una saccata di bottiglie di whisky al duty free per il corrispondente. Anche qui il “paghi 2 prendi 3” sta spopolando e il nostro corrispondente, scaltro come una volpe, mi ha opportunamente istruito in modo che gliene possa acquistare un considerevole quantitativo …….. così si è sistemato tutti i regali di Natale!! Ci carichiamo di alcool come muli da soma e .. oplà ci buttiamo nella bolgia di Dehli dove veniamo assaliti da un’orda barbarica di “indianini” che ci vogliano portare le valige, trovare un taxi, un albergo, e offrirci qualsiasi servizio possa essere “scambiato” a caro prezzo con del vile denaro.
BENVENUTI NEL CLUB “LO SPENNO DEL TURISTA” .
Il club è privato e per accedere occorre rispettare il decalogo del PERFETTO BABBALONE:
1) Rusare violentemente le valigie nelle mani dei facchini anche quando la stanza è al pian terreno e dare una succulenta mancia
2) Selezionare oculatamente i souvenir nei negozi degli alberghi controllando che il prezzo sia maggiorato come minimo del 50-60%
3) Se ve ne dimenticate qualcuno non disperate: ci sono sempre i negozi degli aeroporti. Qui applicano un buon 40%, non è l’ottimale ma è comunque accettabile.
4) Evitare tassativamente le bancarelle (troppo economiche)
5) Telefonare più e più volte dalle stanze d’albergo verificando che vi addebitino almeno il 200 – 300 % in più.
6) Stare lontani dalle schede telefoniche (pensate che con alcune si telefona con 10 cent di Euro al minuto … attenti sono contagiose come la peste!!)
7) Fotografare tutti i cammelli contromano che incontrate in autostrada e pagare profumatamente il padrone.
8) Fiondarsi senza indugio sul primo taxi che trovate e (mi raccomando) non accordarsi prima sulla tariffa… alla fine vi daranno una madornale salassata.
9) Riempirsi di chincaglieria inutile che vi vendono attraverso i finestrini del pulmino. Magari non è cara ma è talmente inutile che aiuta comunque a fare punteggio per il concorso il Babbalone d’oro.
10) Vincere il GRAN BABBALONE D’ORO DELL’ANNO almeno una volta.

Nuova Delhi

Ma noi possiamo fare a meno di ogni “servigio” perché ad attenderci abbiamo il nostro pulmino che ci traghetta lesti lesti in albergo. Una sciacquata e iniziamo la giornata in ufficio dal corrispondente per sbrigare le pratiche e pagare gli alberghi (mentre una parte di gruppo si dirige al Qutd Minar). La stanchezza si fa sentire e il Paolino si addormenta sul divano della sala d’attesa. Saldati i conti via tutti insieme alla Tomba di Humayum e poi al Forte Rosso. Cena in un ristorante vegetariano (orripilante) e poi ci facciamo una colossale ronfata!!
28 ottobre 2005 – Conosciamo il nostro Caronte, l’autista del pulmino, che oltre a pesare 150 kg (tutti di pancia) è anche uno sveglione!! Invece il suo “mozzo” è sveglio (davvero) e veloce. Meno male!! Oggi il programma prevede la prima sosta a Vrindavan dove ci arriviamo praticamente a mezzogiorno perché lo sveglione si perde svariate volte… incominciamo bene!! Ficchiamo il naso nel tempio di Krishna, un po’ aumm aumm perché sarebbe chiuso, ma ce ne andiamo subito perché non ci piace. Seconda tappa a Sikandra alla tomba di Akbar, bellissima!! E per finire arriviamo ad Agra giusto in tempo per visitare il Forte Rosso al crepuscolo. Dall’altro lato del fiume si scorge in lontananza il Taj Mahal, immerso nella nebbia. Cerchiamo l’albergo e poi ceniamo io e Andrea al Pizza Hut mentre gli altri in un ristorantino indiano.

29 agosto 2005 – Ma Penelope chi è? La mucca di peluche della nostra Valentina.!!! Sta sempre con noi, ci fa tanta compagnia, non disturba e.. non fa nemmeno la cacca!! (meno male …. l’India è già piena per conto suo di cacca di mucca senza quella della nostra Penny). Nel frattempo cerca Ulisse, il suo bel torellone scatenato di peluche. Dopo esserci fatti perquisire anche le mutande, passiamo la mattinata al Taj Mahal. La tomba è così bella e maestosa con i suoi intarsi preziosissimi, che rimarrà per tutti noi il più bel monumento del viaggio. Scattiamo decine, anzi centinaia, ma cosa dico? migliaia di foto e poi proseguiamo per Fatepur Sikri, la città-fortezza di Akbar. Prendiamo una guida (anche se in realtà la nostra Grazia avrebbe tranquillamente potuto spiegarci tutto per filo e per segno) e scorazziamo osservando estasiati la convivenza perfetta di architettura musulmana, induista e cristiana. Complimenti … il caro Akbar era veramente un ometto “avanti”. E vai e vai il nostro Caronte dopo essersi perso un po’ finalmente trova l’albergo di Jaipur che è stupenderrimo (altro che Avventure) ma effettivamente un po’ fuori mano. Per punizione ci facciamo portare in centro al ristorante da Niros’ … slurp!!

30 ottobre 2005 – Colazione con super-buffet. C’è davvero tutto, manca giusto il fieno per Penelope ma si accontenta di un croissant. Per prima cosa facciamo una bella foto al Palazzo dei Venti perché al mattino c’è la luce giusta. Una piccola sgambata (dato che Penelope fa i capricci e non vuole salire sull’elefante….) e siamo alla fortezza di Amber. Niente guida, da oggi in poi ci pensa Grazia. Parcheggiamo il pulmino ed entriamo nel City Palace e poi terminiamo la parte culturale con il Palazzo dei Venti. Non ci resta che sparpagliarci per negozi anche se oggi è domenica e per giunta è inziato il Diwari (cioè il capodanno) per cui c’è un casino allucinante. E quando dico “casino allucinante” per una città indiana significa che dovete moltiplicare per dieci quello che normalmente pensate che sia un casino allucinante. Ma noi siamo di quelli duri e riusciamo comunque a spendere i nostri soldini; piuttosto che niente facendo incetta di occhiali da sole Ray-Ban. Ceniamo di nuovo da Niros’ e buonanotte!!
31 ottobre 2005 – Iniziamo spendendo soldi nella fabbrica di carta, meravigliosissima, dove Penelope si diverte facendo foto alle signore che lavorano. A seguire quella dei tessuti e poi imbocchiamo a manetta l’autostrada con direzione Puskar. Oggi Caronte va via come un treno … ma dopo nemmeno 50 km … altro che treno …la frizione del pulman si rompe! E bravo Sveglione, sono due giorni che il nostro esperto camionista Robbè (leggere Roberto con accento pesantemente romano) ti dice che sta frizione non va bene!!! Non ci rimane che chiamare i “meccanici” ed aspettare queste 4 belle orette intanto che viene riparato. Gli animi si scaldano, ma li raffreddiamo con un po’ di bibite. Ne approfittiamo per osservare il “passaggio” in autostrada: automobili, moto, biciclette, mucche, addirittura un cammello contromano che vuole farsi fotografare e … ovviamente vuole i soldi (non dimenticate i punti del babbalone d’oro…)!! In ogni caso senza il nostro Robbè, col cavolo che sistemavamo la frizione. Sbarchiamo a Puskar nell’albergo ex-residenza del Maharaja e scopriamo che hanno una stanza in meno. Poco male, ci compattiamo, e in compenso ci regalano la cena nell’hotel più bello della città con una splendida vista lago. Ci strafoghiamo di cibo vegetariano e di birra analcolica, a Puskar non si trova altro, e poi stiamo tutta notte svegli … per i botti di capodanno!!

1 novembre 2005 – Ci alziamo presto per recuperare l’escursione ad Ajmer che avremmo dovuto fare ieri pomeriggio. Avete un copricapo? No? E allora non potete entrare nel Dargah (il santuario). A Penelope non piace e quindi dopo aver attraversato il paese entriamo nel tempio jainista Nasiyan. Il custode ci accoglie con un “Non vedrete mai un’altra cosa simile nella vostra vita” …. Esagerato e cosa c’è dentro sto tempio? Un’intera sala d’oro con la ricostruzione dei templi jainisti più belli e famosi dell’India, ovviamente in oro. Un po’ kitch la faccenda però effettivamente unica! Usciamo e intanto che ci rimettiamo le scarpe (voi sapete bene che nei templi si entra senza scarpe, qualche volta anche senza calze…. schifo!) ci vendono un po’ di tele di seta con sopra gli elefanti (fanno punti per il babbalone d’oro). Siamo stravolti dal caldo, Penny non ce la fa più, e quindi ci riposiamo 3 ore in albergo prima di andare al mercato di Puskar a fare shopping. Pashmine, copricuscini, copridivani, incensi, insomma qui i punti si sprecano. Siamo fortunati e assistiamo a una bella cerimonia sui ghat dove apprezziamo le donne abbigliate con il saree da festa. Gran reportage fotografico anche perché gli induisti si fanno fotografare volentieri. Cena con fuochi d’artificio sulla terrazza con vista-lago.
2 novembre 2005 – Pronti via … e no! Il nostro sveglione sta cambiando la gomma del pulmino. Adesso? Ma se ieri ha avuto tutto il giorno libero? Va bè, un po’ in ritardo arriviamo a Chittorgar per vedere la fortezza. The sveglion non prende le misure e .. voilà come d’incanto tiriamo giù tutte le lucine di capodanno della via principale della città. La folla ci accerchia e noi scappiamo veloci acchiappando 3 tuc – tuc (le api-taxi). La fortezza è stupenda e dopo la solita cinquantina di foto andiamo in albergo ad Udaipur, dove restiamo anche per cena. Ma Ulisse dov’è? Cara Penelope, mi sa che devi avere ancora un po’ di pazienza…
3 novembre 2005 – Oggi il Paolino ha un bel febbrone e così rimane in camera tutto il giorno con Penelope sulla testa (sissignori proprio sulla testa) che gli fa compagnia. Udaipur (la città blu) ci piace, ci piace e ci piace! Compriamo i biglietti del City Palace più giro in barca per l’isola di Jagmandir. Durante la nostra gita in barca diamo anche un’occhiata all’isola di Jagniwas (per intenderci dove c’è l’hotel del film di 007 … non chiedetemi quale…). Pomeriggio per lo shopping che qui è davvero galattico e poi oggi ci concediamo addirittura l’aperitivo sulla terrazza di un albergo stile “Alì Babà”. Quando facciamo le cose … le facciamo bene… e siccome il posto merita ci torniamo anche a cena!
4 novembre 2005 – Ci facciamo “cuccare” che non abbiamo pagato la colazione del giorno prima, ma rimediamo subito! La prima tappa prevede il bellissimo tempio Sas Bahu, a Nagda. Un po’ di foto di gruppo e poi diamo un’occhiata in giro .. caso mai ci fosse Ulisse… niente! Il tempio di Eklinji apre alle 10.30 e intanto che aspettiamo ci facciamo un giretto sul lago ad osservare donne e uomini (rigorosamente in due posti separati) lavare i panni e fare abluzioni. Dopo esserci tolti scarpe e calze entriamo al tempio e osserviamo la cerimonia. Via di corsa verso lo Sri Nathji (che invece chiude alle 12) e …. arriviamo che è già chiuso! Pazienza, ci rifacciamo nel tardo pomeriggio con il complesso di Ranakpur che è davvero un gioiellino con sculture spettacolari. Rimaniamo estasiati e anche qui la nostra Penelope fa i capricci perché non si vuole più muovere. Suvvia il tempio è bello ma ne abbiamo ancora tante di cose da vedere! Trasciniamo Penny in pulmino e finalmente arriviamo a Ghanerao, in un albergo-residenza del vecchio maharaja. Il paesino è piccolissimo ma facciamo ugualmente pascolare un po’ Penelope prima di cena. Ceniamo in albergo con buffet e poi trascorriamo una piacevolissima serata sulla terrazza dell’albergo a sbevazzare birra!
5 novembre 2005 – Stamattina il buon Caronte ci traghetta alla fortezza di Ghanerao dopo un’ora di viaggio. Ci disperdiamo camminando e apprezzando il paesaggio e il meraviglioso contesto in cui è inserita questa fortezza. Caronte si ferma all’improvviso e scende dal pulmino. La nostra Grazia esordisce in un perfetto milanese: “El s’è stufì. El gha la Pecòla, la pel del cù che la se scòla” e poi traduce per i non milanesi: “Si è stufato. Gli è venuta la pecolla, cioè la pelle del c..o che si scolla” E invece no, altro che pecolla, gli è venuta fame!! Ne approfittiamo anche noi per fare uno spuntino con le scorte di sopravvivenza che ci siamo portati da casa (personalmente parmigiano e crackers) e poi ce la ronfiamo a più non posso sul pulmino per tutto il pomeriggio! Dovete sapere che l’India è meravigliosa sotto tantissimi punti di vista, ma non si può certo dire che sia famosa per l’arte culinaria. Certo, non è proprio solo riso e pollo e pollo e riso, ma è tutto talmente piccante che dopo un po’ le scatolette di tonno e i pezzetti di parmigiano vi sembreranno un’oasi nel deserto!! E poi come si ronfa sul pulmino! Siamo davvero un gruppo super-ronfone, non facciamo in tempo a mettere piede in bus, che già abbiamo gli occhi chiusi e…. la boccuccia aperta! Arriviamo a Jodhpur giusto all’ora di cena e ci facciamo portare dallo sveglione al ristorante Kalinga dove ci abboffiamo di pollo tandoori e una quantità industriale di altri piatti di cui riusciamo persino a perdere il conto (e dulcis in fundo litighiamo con il cassiere quando dobbiamo pagarli).
6 novembre 2005 – Altra fortezza, altro regalo. Stamattina tocca a Meheranghar. Caspita, una fortezza è una fortezza .. ma questa è proprio bella! E ci sono pure le audioguide … anvedi la tecnologia non manca nemmeno qui!! Terminato il giro prendiamo un caffè al bar (che caffè e che bar…) e ne approfittiamo anche per prenotare la cena sulla terrazza della fortezza con vista panoramica sulla città. Prendiamo i tuc-tuc, per fare prima, e andiamo alla tomba di Jaswan Thada, che se la tira come se fosse il Taj Mahal …. ma per piacere!! Pessima idea perché c’è traffico e così ci mettiamo il doppio; però poi ci accompagnano anche alla Clock-Tower, la piazza del mercato. Ci immergiamo immediatamente nella città blu a fare shopping e qui l’accumulo di punti è fantastico: pashmine, tende, balsamo di tigre, ecc, ecc! Torniamo in albergo per una doccia e poi cena spettacolare sulla terrazza. Il prezzo è davvero per BABBALONI, quest’anno il premio mi sa che lo vinciamo, però Penelope è così felice intanto che si mangia le sue patate Tandoori Aloo che non se lo dimenticherà mai. E adesso a nanna!!

7 novembre 2005 – Svegliaaaa è ora di partire. Prima tappa ai cenotafi di Mandore, belli ma molto mal tenuti. Però è comunque un luogo sacro, quindi Penelope non puoi fare la cacca qui! Possibile, non l’hai mai fatta la cacca e adesso cosa succede? Sei triste perché Ulisse non si trova? Via veloci verso il tempio di Osyan e poi di corsa a Jaisalmer perché stasera ci aspetta la “cammellata nel deserto”. In men che non si dica siamo a dorso delle simpatiche bestiole e la nostra Valentina ci canta: “Pasqualino Maharajà, a cavallo all’elefante, con in testa un gran turbante, per la jungla se ne va”. E a seguire: “Come sì bella a cavallo a stu cammello….”
Il tramonto nel deserto è bellissimo e anche il nostro campo tendato super-super-super-lusso. Le tende sono doppie e hanno addirittura i letti e il bagno in camera. Ci accolgono con il cocktail di benvenuto e a seguire un aperitivo spaziale con danze e canti folcloristici locali. Roba da turisti ricchi, però molto bella. Siamo già belli pieni e satolli ma Penelope insiste che vuole anche la cena e quindi eccoci a tavola. Ceniamo, restiamo un po’ a chiacchierare sotto le stelle e poi una gran ronfata!!

8 novembre 2005 – La colazione nel deserto è ottima e ci da la giusta carica per iniziare la giornata a Jaisalmer. Il Rajmahal ci attende e noi ci disperdiamo per i vicoli fino alle 11.00 quando apre il tempio Jainista. Togliersi le scarpe e dentro a ficcare il naso, su!! Stupendo ma c’è troppa gente. Quindi ci dedichiamo alle haveli, le splendide abitazioni antiche dei commercianti. Sono tre le più meritevoli e noi, con la nostra Grazia che ci spiega, non ci perdiamo nemmeno un particolare. La cittadina merita e il giro per i vicoli è davvero rilassante e ci permette di scattare delle bellissime foto. Del resto ragazzi l’India è così dove ti volti .. c’è una foto da scattare .. e che foto! Peraltro questo è un gruppo di fotografi provetti, tutti con super-macchine fotografiche. Per non parlare poi del nostro Andrea … che è davvero un fotografo professionista. Anzi, tra una ronfata e l’altra, sul pulmino scrocchiamo anche un mini-corso accelerato per dilettanti allo sbaraglio! Cerchiamo di fare un po’ di punti qua e là e poi ci prendiamo un tè-aperitivo sulla terrazza di fronte al palazzo reale da dove ci gustiamo anche un fantastico tramonto! Penelope, se devi fare la cacca il bagno è giù. Poi non venirci a dire che ti scappa tra un po’ perché ti arrangi! Rientriamo in albergo, che oggi è di quelli statali un po’ bruttino e fatiscente, giusto per una doccia e poi a cavallo dei tuc-tuc andiamo a cena al ristorante Trio.

9 novembre 2005 – Partiamo prestissimo per raggiungere la fortezza di Pokaran. Come dicevo una fortezza è sempre una fortezza … però questa è proprio brutta!! Tiriamo dritti fino a Bikaner e per prima cosa andiamo in albergo a scaricare i bagagli. La vera verità è che il nostro caro Sveglione ha fame e quindi vuole parcheggiarsi e pranzare! Noi a piedi andiamo al palazzo-fortezza di Junagarh e anche questo, nonostante ci siano all’interno i dipinti meglio conservati che abbiamo visto finora, non ci piace molto. In realtà dopo due settimane trottando e galoppando cominciamo a sentirci stanchi e di conseguenza apprezziamo meno le meraviglie di questi palazzi. Ma la giornata non è ancora finita. Sostiamo al bar per una bibita e all’uscita Caronte è pronto a traghettarci fino a Deshnok dove si trova il famosissimo Karni maa, ovvero il tempio dei topi. Finalmente, perché la nostra Francesca ci sta trifolando i maroni con sto tempio da un bel paio di giorni e noi non ne possiamo più. Fuori le scarpe e eccoci in mezzo a una miriade di topolini che vengono nutriti dai fedeli con ciotole di latte e di granaglie! Se i topi non vi fanno impressione… è il posto che fa per voi! La nostra Francesca è entusiasta e fotografa a tutto spiano!!
Ritorniamo a Bikaner e c’è giusto il tempo per andare a cena all’ultimo piano dell’albergo. Non gli avremmo dato due lire e invece ci strafoghiamo come dei maiali all’ingrasso con pollo tandoori e patate a manetta! Bravi!
10 novembre 2005 – Si parte alle 8.00 e facciamo uno scherzo a Valentina dicendole che abbiamo dimenticato Penelope sul divano della hall dell’albergo. E qui lo spirito di gruppo esplode alla grande: tutti si offrono di tornare a prenderla, del resto non possiamo proprio continuare senza Penny!! Invece no, Panny è solo nascosta nello zaino di Roberto, perciò andiamo a visitare il tempio jainista Bhandasar. Anzi correggo, il tempio lo vediamo da fuori perché in realtà non ci fanno entrare. Però lo spettacolo della gente che si dirige al tempio non ce lo perdiamo e ne approfittiamo per scattare foto a manetta. Rinunciamo ai due templi adiacenti (oramai siamo davvero stanchi) e sproniamo il caro Sveglione a guidare veloce verso Fatepur. La caratteristica della cittadina è data dalle haveli. Noi riusciamo a “farci invitare” a entrare in un paio tra le più belle, che sono tuttora abitate da famiglie benestanti, e curiosiamo un po’ in giro. In una addirittura una signora anziana ci fa i tatuaggi con l’hennè sulle mani (così male che ci laviamo subito). Saltiamo Mandawa e dopo qualche sosta pappa e pipì arriviamo al nostro albergo di Mukandgarh, che è un pochino fatiscente ma davvero spettacolare. Una birretta e un giretto prima di cena,, dove riusciamo a fare un po’ di punti comprandoci tutte le creme, mascara, eye-liner, del paese. Certo che riusciamo a comprare veramente di tutto!! Cena a buffet e poi nanna.

11 novembre 2005 – Partiamo prestissimo e dedichiamo tutta la giornata al viaggio verso Dehli. Vogliamo arrivare presto per cercare di trovare ancora i negozi aperti e fare ancora un po’ di shopping (nonché di punti). Il viaggio è lunghissimo e noi ne approfittiamo per dormire, mangiare e tanto per gradire stare anche un po’ in coda alla periferia di Dehli. Ci scaraventiamo letteralmente dentro ai negozi di stato, dove i prezzi sono equi, e qui davvero l’accumulo di punti è stratosferico. Il babbalone d’oro è nostro!!! Evviva!! Anche Penelope ne approfitta per spendere le sue ultime rupie e poi un po’ tristi ce ne torniamo in albergo. Il traffico per Dehli è sempre caotico e sapete come passiamo il tempo in pulmino? Cantando l’inno a Penelope, che oramai ha definitivamente rinunciato alla ricerca del suo Ulisse:
“Ho visto una mucca da latte (da latte)– aveva due corna perfette (perfette)
Se vedeste com’è bella con la sua campanella – dolon dolon – dolon dolon.
Quando l’ho vista in un prato (un prato) – dopo che un fiore ha mangiato (mangiato) – Vi confesso il mio peccato mi son proprio innamorato – dolon dolon – dolon dolon.
Quando farò testamento (testamento) – e farò un gran monumento (monumento) – Tutta panna e cioccolata la campana di marmellata – dolon dolon – dolon dolon – dolon dolon – dolon dolon” .
Ceniamo qualcuno da Mc Donald’s e qualcuno al ristorante cinese (capite anche voi che di cibo indiano non ne possiamo più) e appena finito di cenare andiamo a letto di corsa dato che la sveglia domattina è prestissimo!

12 novembre 2005 – Sveglia alle due, avete capito benissimo alle due, e alle due e mezza si parte verso l’aereoporto. Ma Valentina e Francesca non si vedono, proviamo a chiamarle e… ecco che non si sono svegliate. Però si catapultano giù velocissime. In pulmino non facciamo altro che cantare l’inno a Penelope e ridere a crepapelle per la disavventura di Valentina e Francesca. La nostra Francy aveva l’orologio indietro di mezz’ora (è tutto il viaggio che sto orologio non si riesce mai a capire che ora faccia) e al suonare della sveglia ha detto a Valentina: “dormi pure che è presto”. Al suono invece della nostra telefonata Valentina (di Roma) ha detto a Francesca: “Cori” intanto che l’indiano della reception continuava: “room key – room key”. In poche parole voleva la chiave della stanza. Arriviamo in aeroporto con un discreto anticipo, salutiamo i nostri autisti, facciamo il check-in, cambiamo le ultime rupie e spendiamo un po’ di soldi al duty-free prima di imbarcarci sui lunghi voli che ci porteranno a casa! Che dirvi? Questo viaggio è stato fantastico. Colori, profumi, paesaggi, volti, palazzi, atmosfera, tutto così affascinante che non lo dimenticherò mai. E nemmeno voi, carissimi compagni di viaggio, riuscirò a dimenticarvi tanto facilmente: Roberto (il guru) – Grazia e Enzo (la guida e il suo uomo) – Regine (la tedeschina) – Carla (una nuova amica) – Francesca (la regina dei topini) – Paolino (il mio compagno di stanza) – Paola e Pier (la coppia perfetta) – Andrea (il fotografo) – Valentina (la “padroncina” di Penelope). Al prossimo viaggio!!

[print-me target=”#post-12603″]