Santo Domingo: Il paradiso esiste davvero

Racconto di viaggio a Santo Domingo

Il 5 agosto scorso io (la volpe) ed un mio amico (il gatto) siamo partiti dalla Mxp per Santo Domingo, alla ricerca del divertimento e del mare da cartolina.

Dopo 12 ore di volo (scalo a Madrid) atterriamo a Las Americas e notiamo subito l’allegria della gente e (scusate se è poco) la bellezza delle ragazze.
I primi 5 giorni del soggiorno sono previsti a Bayahibe una splendida località al limite del Parque National del l’Este. Splendido il villaggio e l’ambiente veramente incontaminato. L’acqua verde smeraldo e le palme ci fanno finalmente sentire in paradiso (terrestre s’intende!!!!)

Abbiamo soggiornato presso il CORAL CANOA BEACH una struttura a 5 stelle splendida e considerando la qualità neanche troppo cara. I 5 giorni passano nella tranquillità e nel relax che sicuramente ci fanno stare bene, in attesa di avvicinarci alla capitale e di assaporare veramente il ritmo caribico. Si, perchè questi villaggi sono comodissimi, ma sono troppo isolati dai villaggi e dalle città, per cui è impossibile entrare in contatto con la popolazione locale. Durante questo periodo abbiamo fatto anche l’escursione all’Isola SAONA, la cui bellezza credo non sia possibile descrivere. Anche noi come tanti ci siamo serviti dei tour operator, che ci hanno organizzato tutto molto bene (e molto caro. Chi vuol “far da se” si rechi al paese di Bayahibe, e chieda ad i vari pescatori di accompagnarli sull’isola.

Dentro al villaggio turistico tutto è fatto per il turista, tanta bambagia, e coccole. Così quando il giorno 10 ci trasferimmo verso Juan Dolio, fu un po’ traumatico constatare la realtà dominicana, che nelle grandi città (LaRomana) è molto particolare. Juan Dolio è una spiaggia molto lunga e frequentata soprattutto dal turismo locale. Ad essere sinceri a me non ha fatto un bell’effetto. Sara stata la giornata brutta, o non so che, ma l’acqua del mare era sudicia, e la spiaggia non ne parliamo. E poi a dirla tutta pessima anche la sistemazione presso il Barcelò Talanquera Resort. Tanto brutta che abbiamo passato una notte intera a correre dietro alle cuccarache della nostra camera…..

Così abbiamo deciso di trasferirci a Playa Boca Chica la spiaggia della capitale dominicana. Nella strada del paese più che a S. Domingo sembrava di essere a FIRENZE, tanti sono i ns connazionali che vi si sono trasferiti!!!!! La spiaggia è bella, circondata dalla barriera corallina, e le serate sono all’insegna del ritmo e del divertimento. Finalmente a BC abbiamo trovato quello che cercavamo: Mare e Musica…..

I dieci giorni passati nella località sono per intensità di divertimento sicuramente tra i più belli che abbiamo mai passato. Il fatto è che l’allegria della gente è contagiosa, non è possibile resistere. All’inizio si può essere un po’ sospettosi, stare un po’ sulle nostre, ma poi non c’è verso il ritmo prende e via a ballare con bellissime ragazze dominicane.
Durante il soggiorno a BC, abbiamo anche fatto un’escursione a SANTO DOMINGO che è certamente da visitare ma secondo me è da considerarsi giusta per mezza giornata, per il resto meglio il mare caribeno.

Se volete saperne di più, io ho anche un sito web in cui ho raccolto notizie utili e racconti del mio viaggio :

http://spazioweb.inwind.it/marcoonthenet/paginainiziale.htm

VISITATELO!!!!!!

[print-me target=”#post-%ID%”]