Viaggio nell’isola Smeraldo

Racconto di viaggio in Irlanda

Nel luglio 2003 io e tre miei amici(Andrea,Cristiano e Marco)abbiamo fatto un viaggio nella mitica isola irlandese!Ma veniamo subito al racconto!!!

6 luglio:finalmente è giunto il sospirato giorno della partenza!mio papà ci accompagna da La Spezia fino all’aereoporto di Genova dove ci attende il volo Ryanair per Londra(che consiglio per il rapporto qualità prezzo per chi volesse andare sia in Gran Bretagna che in Irlanda).
Il volo per Londra è perfetto e dopo qualche ora di attesa abbiamo l’aereo per Dublino!dopo all’incirca un ora di volo scorgiamo la costa irlandese e dopo pochi minuti siamo già atterrati all aereoporto dublinese!
In autobus raggiungiamo abbastanza facilmente il nostro B&B prenotato per le prime due notti dall’italia!dopo esserci cambiati rapidamente ci dirigiamo a piedi verso il centro che non è vicinissimo ma neanche cosi’ lontano.
Dublino si presenta subito ai nostri occhi come una città viva e giovanile!dopo aver attraversato O’connel Bridge sul fiume Liffey e percorso O’connel street ci troviamo difronte a Trinity College l’università della capitale!

Dublino

Qui inizia Grafton Street la via dello shopping di Dublino (niente di che!semplice e ordinata)Dopo aver risolto il problema del mangiare con il tipico e orribile McDonald(in iIrlanda i ristoranti non offrono molta scelta e poi sono veramente cari sopratutto a Dublino)inizia finalmente verso le 20 la serata entusiasmo!ci dirigiamo verso il quartiere di Temple Bar dove iniziamo a bere a ritmo di musica celtica gigantesche pinte di birra,naturalmente il primo brindisi è con la classica Guinness!la serata và avanti con la conoscenza di gruppi di ragazze italiane(in città è pieno di nostri connazionali che sono li o per vacanza come noi o per imparare l’inglese) e con un gruppo di simpaticissime ragazze inglesi li per un addio al nubilato.Verso mezzanotte e mezza la gente incomincia ad andar via ma naturalmente noi no che riusciamo a trovare una discoteca dove ci scateniamo e dove il mio fascino di italiano attrae una ragazza locale!Verso le tre facciamo ritorno al B&B anche perchè domani ci attende la visita della città!

Cattedrale di St. Patrick’s

7 luglio:dopo esserci svegliati con qualche difficoltà e aver affrontato la pesantissima colazione irlandese che ci faceva anche da pranzo ci incamminiamo verso il centro alla ricerca della fabbrica della Guinness che dopo un pò di strada riusciamo a trovare(vale la pena di andarci e di visitare il museo dove in cima c’è un bar da cui si vede tutta la città e dove compresa nel prezzo del biglietto viene data una pinta di guinness).
Usciti dalla fabbrica ci dirigiamo verso la cattedrale di St. Patrick’s e da qui al parco di St. Stephens green dove un clima caldo e soleggiato ci permette di riposarci un pò nei suoi verdi prati!peccato che siamo in Irlanda e che il tempo cambi da un minuto all’altro,infatti incomincia a piovere!Dopo essere andati a cambiarci torniamo in centro in autobus per la serata sperando che si ripeti come quella precedente ma è lunedi e quindi c’è molta meno gente!Per mangiare troviamo una rosticceria italiana di nome Roma dove ci serve la bellissima Francesca da Rimini! la serata passa molto piacevolmente in compagnia di alcune ragazze italiane e non!L’indomani però ci aspetta l’inizio del viaggio on the road e quindi dopo un salto in discoteca prendiamo un taxi che ci riporta nel B&B.

8 luglio:sveglia abbastanza presto,colazione e dopo esserci fatti accompagnare da un taxi all’autonoleggio vicino al’aereoporto e risolto le varie pratiche ecco la nostra macchina:una Peugeot 206 rossa!Ho qualche iniziale turbamento con la guida a destra ma appena
uscito dal traffico cittadino e presa l’autostrada direzione Limerick tutto si risolve!Durante il percorso decidiamo di non andare a Limerick ma di scendere a sud fino a Cork e dopo una piccola sosta a Cashel dove visitiamo la rocca di San Patrizio arriviamo a Cork,la seconda città più importante d’Irlanda!Dopo aver parcheggiato lungo le sponde del fiume Lee che divide in due la città portuale giriamo per il centro che non ha niente di particolare ma è abbastanza carino saliamo verso l’edificio più importante della città:la chiesa di St. Finnbarr’s.
Ripresa l’auto partiamo per il Ring of Kerry per la precisione Killarney!dopo un pò di difficolta a trovare la strada giusta,colpa dell’assenza di indicazioni giungiamo in una località fantastica,Inishcarra Reservoir.Qui tra laghetti e il verde dei pascoli pieni di pecore e mucche ci rendiamo veramente conto di essere in Irlanda!
dopo un paio di Km ecco la cittadina di Killarney dove dopo aver trovato il B&B della signora Maura Moloney(una donna di una gentilezza e disponibilità assoluta,vi consiglio di andare li se siete in quella zona!)trascorriamo la serata.

9 luglio:dopo aver fatto una colazione super abbondante seguiamo i consigli della signora Moloney e di un suo amico che parlava abbastanza bene l’italiano avendo da giovane studiato a Roma e andiamo a visitare il Ross Castle e la Muckross House nel parco nazionale.
Da qui ci dirigiamo verso la penisola del Dingle dove il clima è molto più freddo e dopo un un pò arriviamo nel paese che porta il nome della penisola ,appunto Dingle.Il paese è un piccolo porticciolo sull’oceano atlantico (che da noi verrà anche ricordato per una presenza massiccia di ragazze)circondato da verdi colline!da qui riprendiamo il nostro viaggio e dopo aver percorso una strada stretta e tortuosa passiamo il passo di Conner avvolto da una nebbia da far invidia anche a quella della pianura Padana e arriviamo a Tralee dove ritroviamo sole e temperature più alte!Dopo un giro in questa cittadina capoluogo del Dingle partiamo alla volta di Tarbert dove prendiamo un traghetto con il quale attraversiamo in breve tempo la foce del fiume Shannon fino a Killimer. Ormai siamo alle Cliffs of Moher ma la visita viene rimandata a domani vista l’ora e il tempo che è nuovamente cambiato.Ci fermiamo a Doolin un piccolo paese poco dopo,dove dopo aver trovato un B&B che definirei molto caratteristico con vista sulle isole Aran passiamo la serata nei due unici pub sulle note della musica celtica!

Galaway

10 luglio:da Doolin facciamo qualche Km indietro e andiamo sulle Cliff of Moher,scogliere alte 250 metri a picco sul mare!il posto è incantevole e il cielo che cambia in breve tempo le rende ancora più belle!Ho capito perche la Mannoia ha intitolato la sua canzone Cielo d’Irlanda!dopo qualche chiacchera con due sposini salernitani partiamo con destinazione Galway dove arriviamo dopo una breve sosta al Dunguaire Castle a Kinvarra!Dopo aver trovato la sistemazione e fatto un pisolino usciamo a piedi e raggiungiamo il centro cittadino molto carino e pieno di gente!Le vie di High Street e di Quay Street sono piene di negozi,pub e ristoranti e riusciamo perfino a mangiare una pizza che non sarà come quella italiana ma è mangiabile anche perche scopriamo che il cuoco è italiano!Dopo una mia personale figura di m……..(caduta in centro con risata collettiva del paese!)troviamo un pub stupendo,il più grande che abbia mai visto e accompagnati dalle note della tipica orchestra beviamo qualche pinta!dal pub andiamo alla ricerca di un locale e dopo un interessante discussione con due ragazze francesi(sopratutto andrea)troviamo una discoteca dove concludiamo la serata!

Regione del Connemara

11 luglio:da Galway partiamo direzione regione del Connemara dove incontriamo dei paesaggi favolosi e abbastanza intatti(occhio ai cartelli che qui sono in gaelico,è facilissimo perdersi),da qui ci dirigiamo verso Clifden e dopo aver visitato l’abbazzia di kylemore Abbey (veramente bello il luogo ma per 4 euro potrebbero far vedere più di tre stanze)passiamo Westport,Sligo e Donegal e arriviamo a Letterkenny paese al confine con l’Irlanda del Nord dove con un pò di pazienza troviamo un B&B!la serata la trascorriamo tra il McDonald e un pub dei tifosi del Celtic (squadra scozzese dei cattolici di Glasgow tifatissima in Irlanda)

12 luglio:dopo la colazione partiamo per il vicino confine con il l’Irlanda del Nord che non ci rendiamo nemmeno conto di superare fino a quando non troviamo un distributore con i prezzi in sterline!appena dopo il confine troviamo la città di Derry che per gli inglesi è diventata Londonderry e ci accorgiamo subito che non ci troviamo in un luogo molto tranquillo!lasciamo la macchina in un parcheggio a pagamento e ci addentriamo nel centro cittadino che si trova sulla collina circondato da delle mura.Giunti fino alla piazza principale notiamo che i negozi sono tutti chiusi e essendo un sabato mattina questo un pò ci sorprende e ci allerta!chiediamo a un ragazzo dove si trova il monumento al Bloody Sunday che lui ci indica gentilmente!ci troviamo nel quartiere cattolico di Bogside,teatro di guerriglia armata per diversi anni!i muri sono pieni di murales inneggianti all’indipendenza e all’unione al resto dell’Irlanda cattolica oltre alle lapidi dedicate a chi è stato ucciso durante le manifestazioni dall’esercito britannico o dagli unionisti.Dopo la visita del quartiere cattolico torniamo alla macchina e dopo aver attraversato il fiume che divide in due la città ecco la zona dei protestanti dove da ogni casa sono esposte bandiere britanniche,dell’Irlanda del Nord,degli orangisti e i murales esaltano gli unionisti!una situazione davvero incredibile visto che siamo nell’Europa occidentale nel 2003 ma l’odio qui è ancora più che vivo!
Lasciata Derry ci dirigiamo verso la costa fino alle Giant’s Causeway,un posto veramente bello e particolare da non perdere sicuramente!qui al contrario di Derry troviamo molti turisti anche se pochi sono irlandesi!Riprendiamo il nostro viaggio con direzione Belfast senza sapere che il peggio doveva ancora arrivare!infatti dopo aver avuto la brillante idea di prendere una bandiera dell’Ulster lungo la strada in mezzo a dei campi ci siamo ritrovati a dover scappare inseguiti da un gruppo di protestanti che avevano notato il nostro gesto!ricordo quei venti Km come uno dei momenti in cui ho avuto più paura nella mia vita,giunta al culmine quando questi ci hanno sorpassati e dai vetri scuri ci hanno mostrato una mazza da baseball!!!!!naturalmente noi non ci siamo fermati e loro dopo un pò hanno mollato forse dopo aver capito che anche se avevamo la macchina targata Dublino non eravamo irlandesi!purtroppo non finisce qua infatti appena giunti a Belfast ci accorgiamo subito che la città è deserta e tranne qualche taxi e qulche pedone non c’è nessuno,i negozi sono tutti chiusi!un pò strano per una città di trecentomila abitanti,no?allora cerchiamo un parcheggio sotterraneo ma mentre siamo al semaforo ci passano davanti sette camionette blindate a folle velocità e subito dopo ci troviamo davanti due mezzi militari britannici!a questo punto capiamo perche la signora del B&B di Letterkenny ci aveva detto che eravamo pazzi e allora decidiamo di rientrare nell’Eire dove dopo essere stati un pò a Dundalk e conosciuto un ristoratore italiano li da 25 anni veramente gentile il quale ci ha accompagnato a vedere la casa natale dei Coors(per la gioia di Cristiano)siamo arrivati a Drogheda dove nonostante l’aiuto di alcune persone non siamo riusciti a trovare un posto per dormire e ci siamo dovuti addentrare fino a Slane,un posto bellissimo nella campagna irlandese.Trovato il B&B abbiamo trascorso la serata a Drogheda e tornati a casa abbiamo capito il perche in Irlanda del Nord questo giorno è meglio evitare di andarci infatti il 12/7 di ogni anno i protestanti ricordano con delle marce anche molto violente la vittoria di Guglielmo d’Orange su Giacomo II nel 1690(la battaglia del Boyne),quindi vi consiglio di non andare il 12 luglio in Irlanda del Nord!

13 luglio:dopo aver fatto la tipica colazione siamo partiti per la visita della valle del Boyne.Prima ci siamo diretti a Kells per vedere un antica croce celtica poi abbiamo visitato la necropoli di Newgrange,Monasterboice e infine il campo dove fù combattuta la battaglia del Boyne.Da qui partiamo verso Dublino dove dopo aver trovato un alloggio abbiamo trascorso la serata a Temple Bar.

14 luglio:ultimo giorno in Irlanda e la giornata è stata sfruttata per lo shopping e dopo aver consegnato l’auto ci siamo diretti all’aereoporto dove ci aspettava il volo per Londra!Giunti a Stansted in serata,abbiamo mangiato e trascorso la nottata in aereoporto in attesa del volo per Genova l’indomani mattina.

15 luglio:alle prime luci del giorno partenza da Londra per Genova,e poi in treno fino a La Spezia!
Siamo a casa!un viaggio bellissimo e indimenticabile!L’Irlanda è bella le strade tutto sommato anche,forse è un pò cara ma la gentilezza delle persone è unica!ciao al prossimo viaggio