La Norvegia dei fiordi

Racconto di Viaggio in Norvegia

di clarob[at]libero.it

com’era scritto in un altro diario,
per chi crede che la Norvegia non sia solo Capo Nord…

Diario del viaggio compiuto nella regione dei fiordi norvegesi dal 9 luglio al 2 agosto 2004.

Equipaggio: Claudio, tour operator, autista, logista, interprete in lingua inglese; Roberta, responsabile vettovagliamento, gestione affari culinari; Elisa (Ely), 8 anni, prima accompagnatrice (quasi autosufficiente); Federico (Fede), 3 anni (non autosufficiente).
Mezzo: camper Rimor “Europeo In” su Ford Transit.
Distanza totale: 7.278 km. (di cui 4.531 per trasferimento iniziale e finale e 2.747 di soggiorno).
Documentazione informativa:
ü Norvegia, EDT Lonely Planet (EDT);
ü Norvegia, Meridiani n. 90, luglio – agosto 2000;
ü La Norvegia dei fiordi, guida turistica 2004, ufficio turistico norvegese;
ü Itinerari e Luoghi, “Norvegia: microcosmi verticali”, numero 113, maggio 2002;
ü Itinerari e Luoghi, “Norvegia: gli angeli di Hardanger”, numero 59 trekking, giugno 1997;
ü Cartine stradali Freytag & Berndt, Norvegia 1 e 2;

Note Generali di viaggio

Per questo “diario di bordo”, così come per qualsiasi altro, è doverosa la premessa per cui tutto quanto di seguito riportato si basa esclusivamente sulla nostra diretta esperienza; non abbiamo la pretesa di sostituire una guida turistica (la nostra –EDT- ha fatto molto bene il suo dovere) e, quindi, non facciamo riferimenti alle numerose particolarità che (purtroppo) abbiamo dovuto tralasciare e delle quali abbiamo – magari – sentito parlare.
La pianificazione e la realizzazione di questo viaggio sono state influenzate da alcuni fondamentali elementi.

Innanzitutto, il nostro amore per il “grande Nord” che, finalmente, ci ha permesso di ritornare per la terza volta in Norvegia (1988 Oslo e Bergen, 1991 Capo Nord). Quindi, gli obiettivi della visita hanno privilegiato quelle zone trascurate le scorse tornate e, in particolare, si sono concentrati nell’area dei fiordi, nel centro-sud del Paese.
Questa volta, al seguito, abbiamo Ely&Fede, ai quali non potevamo chiedere strapazzate tipiche dei ventenni-cuori-bollenti. Quindi, nei limiti del possibile, i ritmi sono stati volutamente piuttosto tranquilli: il trasferimento iniziale (Verona – Oslo) si è svolto nell’arco di 3 giorni pieni, per ciascuno dei quali una mezza giornata o poco più è stata destinata alla marcia in autostrada e l’altra mezza è stata dedicata alla visita di alcune belle (e fino ad ora a noi sconosciute) cittadine tedesche; analoga soluzione abbiamo scelto per il ritorno (Kristiansand – Verona). Le giornate in Norvegia hanno dovuto tener conto, mediamente, della visita di 1-2 attrazioni principali e di 130-150 km. di trasferimenti interni (alcuni dei quali percorsi anche in tarda serata, quando la luce diventa splendida ed i bambini dormono…).

Le aspettative non sono andate deluse: la scomodità di un trasferimento così lungo è stata ampiamente ripagata da emozioni che ci porteremo a lungo nel cuore: i paesaggi e le scenografie sono unici, così come le sensazioni di quiete e tranquillità (salvo qualche imprescindibile eccezione) che si godono pressoché in ogni angolo.
Nel corso della nostra vacanza abbiamo cercato di assaporare i diversi “gusti” che può offrire questa terra.

Sognefjorden

A partire, impossibile farne a meno, dai fiordi: ci siamo soffermati in particolare presso il Geirangerfjord ed il Naeroyfjorden, entrambi descritti dalla guida (EDT) come fra i più spettacolari. E ne vale davvero la pena: peccato solo che, in entrambi i casi, ci siamo imbattuti in giornate nuvolose che hanno dato minore risalto alla loro bellezza. Ma abbiamo scoperto anche angoli altrettanto caratteristici e meno reclamizzati, come il Gaupnefjorden ed il Lustrafjorden, entrambi bracci secondari del Sognefjorden.
L’acqua è un elemento dominante e ad ogni piè sospinto si possono ammirare cascate delle forme e dimensioni più varie. Man mano che si procede con il cammino “ci si fa l’abitudine”, ed è per questo che solo alcune sono evidenziate come le più scenografiche: fra queste vale senz’altro una deviazione quella di Voringfoss (145 metri di salto ininterrotto, vicino ad Eidfjord), ma altrettanto suggestive ed imponenti sono Latefossen e Langfossen (sulla strada tra Odda e Etne).

Di particolare impatto sono anche i ghiacciai, alcuni dei quali facilmente e comodamente raggiungibili. Ci siamo presi il tempo necessario ad ammirare appieno la lingua del Kjenndalsbreen (una delle propaggini della più vasta area glaciale della Norvegia continentale, Jostedalsbreen), ed anche questa è una mèta che merita decisamente una deviazione.

E’ impressionante come nello spazio di pochi chilometri si passi dal livello del mare agli 800-1000 metri di altitudine, dove si schiude un paesaggio paragonabile, alle nostre latitudini, a quello presente ad oltre 2000 metri. Nel corso di un trasferimento notturno, abbiamo attraversato l’altopiano di Vikafjell (tra Vik e Voss): l’illuminazione naturale delle 23.30 ha reso mozzafiato un panorama già di per sé affascinante e selvaggio; qua e là qualche camper isolato ci ha fatto rimpiangere la scelta di scendere immediatamente a Voss per trascorrere la notte, piuttosto che fermarci sul posto.
Su indicazione della nostra fidata guida e di un articolo presente su “Itinerari & luoghi” abbiamo sperimentato un tratto di uno dei più famosi percorsi escursionistici norvegesi, l’Aurlandsdalen. Con Ely&Fede al seguito i tempi di percorrenza sono rallentati, ma l’impressione che abbiamo avuto è che la fama sia completamente meritata e che chi ama le escursioni di montagna non possa fare a meno di dedicare almeno una giornata alla tappa più rinomata, compresa tra Osterbo e Vassbygdi (6 ore di cammino).

I fari suscitano sempre particolari, forti, suggestioni: così è stato per Lindesnes fyr, il punto più meridionale della Norvegia (“capo Sud”), almeno altrettanto apprezzabile quanto il più famoso “parente”, Capo Nord.
Fra le attrattive norvegesi più conosciute abbiamo incluso il Preikestolen (“pulpito”), balcone mozzafiato sul Lysefjorden, celebrato su tutti i depliant turistici, e la ferrovia Flamsbana (da Flam a Myrdal), giustamente pubblicizzata, ma altrettanto costosa.

Gli interessi di carattere storico-culturale potrebbero quasi passare in secondo piano, ma abbiamo inserito nel programma anche la visita ad alcune famose “stavkirke” (chiese in legno), fra i principali fiori all’occhiello della Norvegia. Questi edifici trasudano storia e, anche se in linea di massima i prezzi dei biglietti sono decisamente sproporzionati, una visita ad un paio di esse non va trascurata; quella che più ci ha colpiti è stata quella di Urnes, dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

In genere cerchiamo di evitare i “concentramenti umani”, quindi i grandi centri abitati, ma le città norvegesi sono caratterizzate da una dimensione decisamente differente dagli standard per noi usuali. Di Oslo e Bergen, tenuto conto che avevamo già avuto modo di visitarle anni or sono, abbiamo preso in considerazione, rispettivamente, il Frogner Parken (molto suggestive le statue che accompagnano l’ascesa alla cima della collina), il museo delle navi vichinghe sulla penisola Bygdoy, il museo d’arte dei bambini (rilevante a livello internazionale, seppur decentrato ed appartato) e, a Bergen, il Torvet (mercato del pesce), il Bryggen con l’affascinante museo anseatico e, gioia per i bambini, l’acquario (foche e pinguini). Meno rinomate ma, a modo loro, caratteristiche Alesund (ricostruita dopo un incendio in stile art-noveau), Stavanger (“gamle Stavanger” – quartiere antico ed alcuni “simpatici” musei) e Kristiansand (“Posebyen” – quartiere vecchio e lungomare).

Del nostro girovagare programmato non possiamo non citare alcune piacevoli “sorprese”, poco pubblicizzate (o da noi poco preventivamente considerate) come il villaggio in stile-far-west di Lom (con la sua stavkirke), il villaggio-fantasma di Vigsnes (un tempo sede di imponenti miniere di rame ed oggi silente conservatore della sua stessa storia) e l’incantevole località di Skudeneshavn (sull’isola di Karmoy a sud di Haugesund).
E volutamente in coda abbiamo lasciato l’isola di Runde: definirla uno degli ultimi paradisi del continente è – forse – eccessivo, ma il suo fascino tocca il cuore e l’anima…

Meteo (clima e temperature)
Una giornata di sole estivo a queste latitudini rende qualsiasi riquadro splendido; ma se ci si imbatte in una giornata nuvolosa o piovosa, bé… fa parte del gioco e per fortuna il meteo è talmente instabile da far sperare in un repentino ritorno del bel tempo. Complessivamente, le ore di sole hanno controbilanciato quelle di tempo nuvoloso. Tutto sommato siamo stati fortunati perché la pioggia ci ha “rovinato” solamente un pomeriggio (in alcuni casi l’acqua si è riversata durante i nostri tratti di trasferimento, per cui non ci ha disturbato più di tanto).
Abbiamo sperimentato anche 4-5 mutamenti di “umore meteorologico” nel corso della stessa giornata, per cui è fortemente consigliabile partire per qualsiasi escursione (anche breve) ben attrezzati di ombrelli e spolverini.
Le temperature (mediamente 17-20°C la notte in camper e 20-25°C durante il giorno) ci hanno fatto spesso indossare una felpa più o meno leggera. Rispetto ai primi giorni più freddi (ma si era in coincidenza di una perturbazione che ha investito tutta Europa), le temperature si sono gradualmente rialzate: gli ultimi giorni, anche perché sulla costa, siamo riusciti a girare in maglietta di cotone e pantaloncini corti !

Camper
Praticamente senza problemi qualunque soluzione logistica adottata con questo mezzo di trasporto. Per quanto riguarda le soste notturne ci siamo orientati la maggior parte delle volte a fermarci in parcheggi pubblici, quando possibile in riva al mare o in prossimità di porticcioli: non abbiamo mai incontrato difficoltà, salvo la sera all’isola di Runde dove, dal parcheggio che ci risultava idoneo alla fermata notturna, siamo stati “invitati” (nemmeno troppo cortesemente) ad andarcene: probabilmente si trattava del gestore del vicino campeggio. In un paio di casi, e contrariamente ai nostri principi generali, abbiamo sostato solitari, ma in queste zone si percepisce una inusuale sensazione di tranquillità e serenità. Qualche sera ci siamo affidati a campeggi (semplici, ma puliti e ben accessoriati), più che altro per la possibilità di una comoda doccia e di una lavatrice (ed asciugatrice).
Nelle maggiori città (Oslo, Bergen, Alesund) sono presenti apposite aree di parcheggio attrezzate, dotate quanto meno di possibilità di scarico-carico e, talvolta, di bagni, docce, lavatrice; a Kristiansand, pur segnalata, ci hanno riferito che l’area riservata è stata dismessa dal comune, ma è comunque possibile sostare senza problemi (non si paga nulla, non sono disponibili servizi e docce, ma è funzionante il CS); a Stavanger, infine, non abbiamo trovato alcuna traccia né indicazione di aree attrezzate.
Sono abbastanza frequenti, segnalate da appositi cartelli sulle strade principali (ma, in alcuni casi anche fuori servizio !), le possibilità di scarico e carico acqua (CS). Non c’è grande uniformità di struttura, ma in genere si trovano colonnine del tipo “sanitary station” presso i rifornimenti di carburante: completamente gratuite, parzialmente gratuite (alcuni servizi) o totalmente a pagamento (con costo variabile fra 10 e 30 NOK). Una sola volta, in crisi, abbiamo dovuto “arrangiarci” in una delle numerose piazzole pic-nic WC pubblici dislocate, anche in questo caso, lungo le strade principali.

Strade (e “accessori”)
Per raggiungere la Norvegia abbiamo percorso le autostrade austriache (“vignetta” – € 7,80 per 10 g. – e Ponte Europa – € 8,00 – a pagamento), le autostrade tedesche (gratuite; ottima la rete di copertura; discreti gli autogrill e le piazzole pic-nic), le autostrade danesi (gratuite; buone aree di sosta), il tratto di strada-autostrada svedese E6 (gratuita, ottime aree di sosta, abbiamo anche pernottato in compagnia, nonostante “consigli” contrari della polizia locale).
In Norvegia non esistono, in pratica, autostrade (quelle indicate come autostrade assomigliano molto alle nostre strade statali); le strade principali sono di buona percorrenza (il traffico è raramente molto sostenuto), ma a rischio “bomstasjon / toll plaza”, cioè soggette a pagamento di un inevitabile pedaggio; le strade secondarie sono per lo più panoramiche, ma spesso tortuose e con elevati dislivelli altimetrici (3-400 metri in pochi chilometri, sempre comunque superati anche dal nostro mezzo).
Occorre far attenzione a pianificare la percorrenza delle strade a causa della necessità di ricorrere con discreta frequenza al servizio dei traghetti (per quel che ci riguarda, ne abbiamo affrontati una decina, con durata variabile fra i 15 ed i 60 minuti e costo compreso tra NOK 80 e 250 cadauno).

Monete, cambio e prezzi
La Norvegia è cara, si sa ! Il cambio che abbiamo effettuato in Italia ci è costato 1 euro per 8,2 corone norvegesi (NOK). I prezzi sono mediamente molto più alti rispetto ai nostri. Ristoranti, pizzerie e generi frutticoli sono quasi inavvicinabili (abbiamo trovato pesche nettarine ad un euro cadauna, ciliegie in vendita con il bilancino…, abbordabili fragole e lamponi); più accessibili i prodotti caseari, quali latte, yogurt, formaggi. Il prezzo del pane può addirittura quintuplicare da un posto ad un altro.
Il carburante (diesel) è più caro che in Italia e si possono trovare forti differenze relative tra le diverse aree; tuttavia, a dispetto delle informazioni in nostro possesso, ci è risultato ancor più “salato” il carburante svedese (pagato con carta di credito per non dover ricorrere ad ulteriori cambi di moneta in corone svedesi).

Note di dettaglio
9 luglio 2004
Al termine dei preparativi (durati alcuni giorni) finalmente si parte. Alle 16.45 imbocchiamo l’ A22 in direzione BRENNERO e raggiungiamo i dintorni di INNSBRUCK per cenare (dopo un violento acquazzone e temperature invernali). Nella notte sostiamo in un autogrill, poco prima di NORIMBERGA.
[km. 558 / 558]

10 luglio 2004
Ci portiamo a BAMBERGA [km. 122 / 680], finché Ely&Fede sono ancora addormentati e troviamo parcheggio appena fuori dal centro storico, nei pressi di un “utilissimo” parco giochi. Dopo colazione iniziamo la visita dell’affascinante zona antica (10’ a piedi): il municipio vecchio sul fiume Reignitz ed i suoi due ponti, la casetta Rottmeister (a balcone sul fiume), la Domplatz con l’imponente cattedrale e le sue quattro torri. Passeggiamo piacevolmente anche sulle rive del fiume, un quartiere presuntuosamente soprannominato “Klein Venedig” (quante ce ne sono in giro per il mondo), ma comunque carino e… dotato di gondola e gondoliere ! Tra l’altro, Bamberga è rinomata per i suoi numerosi orti cittadini, tutelati dall’Unesco. La visita prosegue (sempre a piedi, le distanze sono limitate) nel Gruener Markt, il caratteristico mercato all’aperto di frutta e verdura, brulicante di persone e di artisti improvvisati.
Torniamo al camper e, dopo pranzo e sosta al parco giochi, verso le 15.00 imbocchiamo le autostrade A70 ed A7 per giungere a CELLE (poco prima di LUBECCA) sul far della sera, rallentati da numerosi “saliscendi” nella parte centrale della Germania e da ripetuti piovaschi.
Troviamo rapidamente la comoda e centrale Area Attrezzata “Schutzen” (park e camper service), grazie anche ad un gentile personaggio locale.
E’ tardi e dopo cena si va a nanna.
[km. 464 da Bamberga / 1144]

11 luglio 2004
E’ domenica mattina e la nostra visita alla città (CELLE) inizia in un’atmosfera sonnacchiosa. Gli edifici (“… che sembrano costruiti con mattoncini Lego…”) si offrono con le loro splendide architetture e le loro decorazioni ottimamente conservate. Gironzoliamo senza mèta precisa per Zoellerstr. (la via centrale), Neuerstr. e la piccola Kalandgasse, giungendo alla chiesa parrocchiale, nel cui interno si ha quasi l’impressione di trovarsi all’interno di una barca. Ci spostiamo alla vicina residenza reale, della quale non visitiamo gli interni, ma ci lasciamo lentamente trasportare dai tranquilli sentieri che si snodano nel bel parco che la circondano (immancabile una sosta al locale parco giochi). Di seguito percorriamo i viali dell’affascinante Franzoesischer Garten, un altro bello e vasto parco cittadino. E’ ora di pranzo: ci riportiamo in centro per un panino al McDonald ed ammirare nuovamente la Zoellerstr. che, nel frattempo, si è animata.
Facciamo ritorno al camper e, dopo scarichi e carico acqua al Camper Service del parcheggio, iniziamo la terza (e finale) tappa per raggiungere la Norvegia.
Purtroppo a PUTTGARTEN [km. 287 da Celle / 1431] perdiamo più di 2 ore per l’imbarco a causa dell’elevato traffico (ma uno svincolo più moderno potrebbero anche costruirlo !) e del tempo meteo che, nel frattempo, è decisamente peggiorato: ceniamo in camper sotto un forte diluvio. Dopo la traversata (attesa 2h, durata 50’, costo € 48) decidiamo di puntare decisamente verso HELSINGOR [km. 206 da Puttgarten / 1637] per effettuare la traversata verso la Svezia, HELSINGBORG (attesa 15’, durata 20’, costo € 38). Percorriamo solo pochi chilometri della “mitica” (auto-)strada E6, perché è molto tardi, ed alle 1.15 ci fermiamo nella prima area sosta disponibile (“Herikslund”), in compagnia di altri equipaggi.
[km. 40 da Helsingborg / 1667]

12 luglio 2004
Ci svegliamo sotto una fitta pioggerella e ci dispiace non poter “sfruttare” la bella area sosta nella quale ci troviamo. L’obiettivo è quello di raggiungere Oslo al più presto, quindi ci mettiamo in marcia, facciamo una breve sosta in un supermercato lungo la strada (non volendo cambiare anche corone svedesi, ci arrangiamo con carta di credito) e, dopo un imprevisto rallentamento nei pressi di GOTEBORG (la strada principale attraversa il centro cittadino), ci fermiamo verso le 13.30 in un’altra graziosa area di sosta lungo la strada. Facciamo sfogare Ely&Fede e, con andatura meno sostenuta rispetto alla mattinata (qui la strada è meno scorrevole) arriviamo al fiordo di confine tra Svezia-Norvegia (HALDEN): breve sosta per le foto di rito e per sgranchire le gambe.
Il tempo meteo è in continua evoluzione (pioggia, nuvole, sole) e verso le 18.30 un cartello ci dà il benvenuto ad OSLO (con immediato e quasi contemporaneo versamento di pedaggio autostradale e di balzello per ingresso nell’area urbana della capitale). Troviamo senza troppa fatica l’area camper “Sjolyst bobil parking” (“bobil” significa “camper, appunto) all’uscita “Sjolyst”sulla strada E18 in direzione Dramming: si tratta di una porzione del porto turistico destinata a parcheggio, non particolarmente esaltante, ma fornita di acqua e corrente elettrica. Constatata la presenza di altri equipaggi, decidiamo di fermarci per la notte.
[km. 507 / 2174]

13 luglio 2004
Il cielo è grigio-cupo e durante la notte è piovuto ad intermittenza; con un po’ di azzardo inforchiamo le biciclette per muoverci verso il centro (saremo assistiti dalla dea bendata, perché non prenderemo che due gocce d’acqua nel primo pomeriggio).
Utilizziamo una comoda pista ciclabile che conduce direttamente al Municipio: non entriamo a visitare gli interni (che ci ricordiamo non essere particolarmente attraenti) e adocchiamo gli invitanti gamberetti freschi offerti dalle barche-peschereccio attraccate sul molo: resistiamo alla tentazione, confidando di trovare numerose altre occasioni durante la vacanza.
Scattiamo alcune foto e poi parcheggiamo le bici nei pressi di Karl Johans gate, la via pedonale più rinomata di Oslo, attualmente in corso di… restauro: nonostante i lavori è molto frequentata. Ammiriamo il Parlamento (visite guidate all’interno solo ad orari prestabiliti), il Duomo (del cui interno ammiriamo la pala dell’altar maggiore e le vetrate) e il caratteristico Basarhallene (un portico occupato da bar e negozi vari).
Sentiamo il richiamo della stazione, in fondo alla via: rivanghiamo i ricordi di 16 anni fa quando si viaggiava in treno, con zaini e sacchi a pelo ! Sul piazzale antistante si consuma una solenne “tamburata”, che ci indurrà ad aprire gli occhi da qui in avanti: paghiamo NOK 63 per poco più di ½ kg. di ciliegie… quasi fossero d’oro… però sono buone, ed allora… crepino le NOK !
Ritorniamo alle biciclette, dopo aver sostato, di tanto in tanto, presso i vari capannelli generati da alcuni artisti di strada. Siamo in prossimità della Residenza Reale (all’estremità opposta di K. Johans gate) e da qui proseguiamo fino a raggiungere (leggermente decentrato) Frogner Parken, il grande parco reso famoso dalla presenza delle circa 200 statue ideate dallo scultore Vigeland.
Saliamo la scalinata fino a raggiungere il celebre obelisco che domina la zona: anche in questo caso ci lasciamo trasportare dalla particolare atmosfera creata dall’ambiente, poi scendiamo al fornito (e frequentato) parco giochi.
Infine raggiungiamo il periferico museo d’arte dei bambini. L’impressione iniziale è un po’ spiazzante ma, successivamente, rimaniamo colpiti dalla suggestione prodotta dalle connotazioni un po’ kitsch ed un po’ pop-art di questa esposizione, che raccoglie opere d’arte (alcune veramente significative) di bambini da tutto il mondo. Anche Ely si esprime in un veloce quadretto, che verrà poi esposto nel museo.
Come ultima tappa ci dirigiamo verso la penisola Bygdoy, per visitare il museo delle navi vichinghe: ci sono anche qui parecchi motivi di interesse, a motivo del restauro delle navi ritrovate alcuni anni or sono sotterrate nei dintorni e di numerose suppellettili annesse.
E’ uscito un bel sole e ne approfittiamo per crogiolarci una mezz’oretta sulle panchine del parco.
Poi, verso le 18.30, facciamo ritorno al camper e (anche per non pagare una nuova intera giornata di sosta) decidiamo di spostarci lungo il tragitto previsto per domani. Superato un ennesimo acquazzone, ci fermiamo in una tranquilla area di sosta nei pressi della sponda meridionale del LAGO MJOSA. Dopo cena, complice un suggestivo tramonto, facciamo una passeggiata raccogliendo ottime fragoline di bosco.
[km. 83 / 2257]

14 luglio 2004
Raggiungiamo HAMAR, per la quale non abbiamo segnalate particolari attrazioni, se non il singolare palazzetto Vikingkipet (olimpiadi invernali 1994), situato in periferia, dalla caratteristica forma di nave vichinga rovesciata: nonostante il prezzo di ingresso piuttosto salato (adulti 30 NOK), decidiamo di ammirare anche l’interno che, ad onor del vero, impressiona per le soluzioni architettoniche e per la vastità.
A seguire, rapida perlustrazione del centro dove, dalla sponda del lago e sotto un cielo minaccioso, assistiamo alla partenza del battello “a ruota” che fa servizio turistico: 3 potenti fischi a vapore e ci congediamo.
La tappa successiva è LILLEHAMMER dove, per pranzo, ci posizioniamo nel parcheggio della zona olimpica, sopra la città. Dopo aver un po’ tergiversato e complice il meteo (nuovamente) “umido”, rinunciamo a visitare i trampolini olimpici ed il museo annesso e riprendiamo a macinare qualche chilometro.
Lungo il percorso facciamo una brevissima deviazione verso la stavkirke di RINGEBU: solo Roberta visita l’interno perché il suo breve commento è che “… tutto sommato è meglio dall’esterno”… del resto, le chiesette migliori arriveranno nei prossimi giorni.
Arriviamo a LOM gratificati da uno splendido scenario di luce naturale (dopo un continuo altalenare di situazioni atmosferiche): il delizioso agglomerato di edifici alla confluenza di due strade direttrici sembra un villaggio stile far-west e la cornice da cui risalta la locale stavkirke ci offre (finalmente !) una delle prime “vere” immagini norvegesi che ci aspettiamo.
Ammiriamo la cascata Prestfossen e… uno strano parco-giochi a forma di ponte-teatro: sono le 23.00 ed il sole… ci bacia ancora.
[km. 306 / 2563]

15 luglio 2004
Imbocchiamo la strada 15 (agile e percorribile a buona andatura) e, di seguito, la 63 (più stretta e piuttosto tortuosa). Il paesaggio si fa via via più aspro ed affascinante, la temperatura esterna piuttosto rigida (10°C, forse meno), ma lo spettacolo è grande. Si sale fino a 1030 m. s.l.m., raggiungendo il valico DJUPVASSHYTTA ed incontrando con sempre maggior frequenza lastroni di neve ghiacciata. La natura è paragonabile a quella che, alle nostre latitudini, si può vedere ad oltre 2000 metri. Non affrontiamo l’ascesa al DALSNIBBA (strada a pagamento, camper NOK 70) soprattutto a causa delle cattive condizioni atmosferiche e, dopo alcune foto, proseguiamo il tragitto. La strada scende in picchiata (pendenze medie del 9-10%) fino al “balcone” FLYDALSJUVET (poco spazio per la sosta !), dove si schiude la magica scenografia del GEIRANGERFJORD: ecco la classica cartolina che si ammira in numerosi opuscoli turistici !
Purtroppo, scendendo al villaggio di GEIRANGER, l’atmosfera di magia svanisce un po’ in quanto si rivela esatto l’avvertimento della guida (EDT) che parla di frotte di turisti che assembrano il porticciolo in giornata e se ne ripartono prima di sera. In effetti, la mattina seguente l’atmosfera sarà molto più consona agli… standard norvegesi.
Dopo aver recuperato un po’ di informazioni circa le possibilità di uscita in barca, decidiamo di prendere posto nel vicino campeggio sulla riva del fiordo (soddisfacente, ma niente più) e di rimandare il tutto al giorno seguente. Claudio esce per una passeggiata fotografica (senza molta fortuna, viste le condizioni meteo) e lasciamo trascorrere la serata in tranquillità.
[km. 100 / 2663]

16 luglio 2004
Al mattino GEIRANGER si presenta in modo decisamente “migliore”. Il meteo è ancora minaccioso, ma non ci scoraggiamo e ci portiamo al vicino ufficio turistico da dove parte la barca per la mini-crociera sul fiordo. Passiamo in rassegna un gran numero di cascate e cascatelle (le più famose sono “sette sorelle”, “pretendente”, “velo della sposa”) ed ogni scorcio è particolare: il Geirangerfjord è lungo “solo” 16 km. ma è ritenuto uno dei più spettacolari e sarà probabilmente inserito nell’elenco del Patrimonio dell’Umanità Unesco a partire dal 2005. Il meteo si lascia andare a qualche sprazzo di sole, cosicché possiamo anche ritenerci fortunati. Dopo circa 2 ore facciamo rientro al camper e riprendiamo la marcia imboccando la strada 63 (la prosecuzione di quella percorsa ieri): dopo alcuni tornanti che si arrampicano a strapiombo sul fiordo, si percorrono nuovi affascinanti paesaggi. Ci fermiamo in un’area pic-nic molto panoramica ma battuta da un vento gelido e, quindi, ci gustiamo cibo e paesaggio dal finestrino.
Scendiamo a EIDSDAL per salire sul primo traghetto della giornata (attesa 10’, durata 10’, costo NOK 66) che ci porta sulla sponda opposta del NORDDALSFJORDEN.
Il tratto seguente fino ad ALESUND è meno particolare. Verso le 15.30 fermiamo i motori nell’area camper della cittadina (a pagamento; NOK 14 / 1h., NOK 140 / 24h.), ben segnalata, in bella posizione, dotata di bagni docce (!) lavatrice ed asciugatrice (!!!); c’è anche il Camper Service.
In una decina di minuti raggiungiamo a piedi il centro e passeggiamo fra i begli edifici ricostruiti in stile art-noveau dopo l’incendio del 1904 (presso l’uff. turistico è disponibile un depliant gratuito con l’indicazione di un percorso –commentato- della durata di circa 1h. e mezza). Presso il porto assistiamo anche ai festeggiamenti per l’attracco in giornata della “Queen Mary II”, che scopriremo poi essere la nuova, più grande, nave da crociera del mondo.
Dopo 3 ore o poco più (tralasciando la visita di musei e l’ascesa alla collina panoramica), riprendiamo il camper per imboccare la strada E39 ( breve tratto) e poi la strada 61 fino a SULASUNDET, dove ci imbarchiamo sul secondo traghetto della giornata (attesa 10’, durata 25’, costo NOK 117) con il quale si attraversa il SULAFJORDEN.
Arriviamo fino all’ISOLA DI RUNDE, avendo l’impressione quasi di… uscire pian piano dal mondo, tale è l’atmosfera che si percepisce attraversando i diversi ponti che uniscono tra loro i lembi di terra di questa zona. Percorrendo l’unica strada carreggiabile dell’isola (ora collegata alla terraferma, appunto, da un ponte) arriviamo al parcheggio che avevamo segnalato come idoneo alla sosta camper: ceniamo in una splendida cornice di cicaleccio di uccelli e di rumore di onde, interrotti solamente verso le 23.30 da uno scocciato e maleducato individuo locale che ci fa capire di dover… sloggiare (riteniamo trattarsi del gestore del vicino campeggio, cui dà evidentemente fastidio la presenza di camper nel parcheggio; abbiamo verificato anche in seguito l’indicazione della presenza dell’area camper e ne abbiamo tratto la conclusione che da poco essa sia stata soppiantata dal campeggio…). Alla fine decidiamo di ripercorrere un tratto di strada a ritroso, e sistemarci per la notte in un tranquillo porticciolo ad una decina di chilometri di distanza.
[km. 206 / 2869]

17 luglio 2004
Ritorniamo sui nostri passi, puntando al parcheggio dell’ISOLA DI RUNDE, dopo aver fatto sosta all’unico mini-market (fornito) della zona. La gentilissima gestrice ci fornisce tutte le indicazioni utili alla visita dell’isola e, dopo aver atteso la cottura del pane (surgelato e preparato al forno elettrico), partiamo lungo uno dei sentieri indicati per la visita della riserva ornitologica. Il nostro passo non è molto spedito (Fede è bravissimo, ma ha le gambe corte !) e così saltiamo la discesa al faro (che ammiriamo però dall’alto) e ci dirigiamo verso le zone di aggregazione dei “sula” e dei “pulcinella di mare”, le vere “star” dell’isola. Lo spettacolo è superbo: man mano che procediamo, il cielo si rasserena e l’osservazione degli scogli presi d’assalto dagli stormi di uccelli ci incanta. Con un po’ di fortuna riusciamo anche ad immortalare un “pulcinella” che si era, evidentemente,… allontanato dal gruppo.
Pranziamo al sacco, in compagnia di altri “ornitologi” dotati di binocoli e cannocchiali.
Dopo 3,5 ore circa ritorniamo al camper e ci riposiamo sulla riva dell’oceano.
Decidiamo poi di proseguire con la tabella di marcia per evitare spiacevoli inconvenienti con i traghetti. Attraversiamo il ROUDEFJORDEN nei pressi di ARVIK (attesa 15’, durata 10’, costo NOK 85) ed imbocchiamo la strada 61 che è veramente spettacolare (peccato che la pioggia abbia iniziato a cadere con buona intensità).
Raggiungiamo MALOY che, a dispetto delle note in nostro possesso, ci appare squallida ed insignificante e proseguiamo fino a RAUDEBERG, dove troviamo uno spiazzo tranquillo per trascorrere la notte.
[km. 148 / 3017]

18 luglio 2004
Dopo una notte di vento ed acqua decidiamo di rinunciare alla visita del faro di KRAKENES anche a causa della strada stretta e poco invitante.
Imbocchiamo, quindi, la strada 15 che ci porta a STRYN e da qui, dopo una perlustrazione nel centro del paese ed un salto all’ufficio turistico, ci trasferiamo a LOEN, dove prendiamo posto in un piccolo, ma curato e panoramico, campeggio (Tjugen Camping).
Il tempo-meteo si è rasserenato (con il sole il termometro raggiunge il 39,5°C, limiti di cui non avevamo ricordi) e per la gioia di Ely&Fede decidiamo di trascorrere a riposo il pomeriggio: ne approfittiamo per una doccia e per un giro di lavatrice ed asciugatrice.
Solo dopo cena sgranchiamo le gambe fino al paese (poco meno di 2 km.) raccogliendo fragole e fragoline e visitando la bella chiesetta in legno.
[km. 128 / 3145]

19 luglio 2004
Ci svegliamo alla luce di una bella giornata e, prima volta dall’inizio del viaggio, facciamo colazione all’aperto. Uscendo dal campeggio svoltiamo a sinistra ed imbocchiamo la bella strada panoramica che costeggia il LAGO LOVATNET. Facciamo un paio di rapide soste per immortalare il paesaggio, e giungiamo al termine della strada dove si trova un piccolo parcheggio (gli ultimi chilometri sono a pagamento ed il pedaggio è riscosso con un sistema bizzarro: in una cassetta si trovano delle buste, numerate, con matrici, ugualmente numerate; si depositano i soldi nella busta che viene inserita nella cassetta, previa trattenuta della matrice a riscontro dell’avvenuto pagamento…).
Dal parcheggio in 15-20 minuti si attraversa un paesaggio primordiale e straordinario (complice, senz’altro, la bella giornata) e si arriva all’impressionante visione della lingua del ghiacciaio KJENNDALSBREEN (una delle più famose propaggini del ghiacciaio JOSTEDALSBREEN): siamo accompagnati da pochi altri turisti e non c’è quella ressa che ci saremmo attesi di trovare. Ci godiamo cotanta natura ed il tempo vola tanto che… ci accorgiamo che è ora di pranzo: ripercorriamo un tratto della strada dell’andata e ci fermiamo in una delle numerose piazzole, dove sono messe a disposizione panche e tavolini.
Nel primo pomeriggio ritorniamo a valle e, imboccata la strada principale numero 60 (piuttosto stretta, giacché discretamente frequentata) che costeggia il NORDFJORD, attraversiamo i paesi di OLDEN (sembra carino e da qui diparte la strada che porta alla famosa “lingua” Brigsdalsbreen) e SKEJ da dove, imboccata la strada 5, percorriamo il Fjaerlandstunnel (6,7 km., gratuito) alla cui uscita si ammira (dall’apposito parcheggio) la lingua di ghiacciaio BOYABREEN, forse meno spettacolare della precedente, ma ugualmente imponente.
Dopo una breve sosta ci portiamo a FJAERLAND / MUNDAL, eletta “città norvegese del libro”: a fronte di 300 abitanti totali, vi sono concentrate 14 librerie (rivenditori di libri usati), che hanno sfruttato botteghe o chioschi ricavati da vecchi edifici in legno probabilmente in disuso. Facciamo appena in tempo a visitarne 2-3 perché scoccano le 18.00, orario inderogabile di chiusura; ci accontentiamo di sbirciare alcune bancarelle incustodite che espongono libri… “a prezzo fisso” (10-20 NOK, da versare in apposita cassettina !). Il paesetto si desertifica e sotto una fastidiosa pioggerella imbocchiamo il Frudalstunnel (6,7 km., NOK 150 !) e poco dopo ci fermiamo in un’area sosta già occupata da un paio di equipaggi olandesi. Dopo cena (a base di saporiti gamberetti freschi acquistati a buon prezzo al supermercato) riusciamo a goderci un bell’arcobaleno.
[km. 203 / 3348]

20 luglio 2004
Oggi è una ricorrenza particolare ed Ely&Fede si presentano con un mazzolino di fiori per festeggiare l’anniversario di matrimonio… Scendiamo a SOGNDAL per una breve perlustrazione ed alcuni acquisti alimentari e ci trasferiamo poi a SOLVORN dove, parcheggiato il camper nel piccolo porticciolo, utilizziamo il traghetto per portarci sulla sponda opposta del SOGNDALSFJORDEN, ad ORNES, e salire a piedi (1,2 km.) alla famosa stavkirke di URNES, inserita nell’elenco dei beni protetti dall’Unesco.
La chiesa, pur piccola come tradizione, è particolarmente interessante nell’architettura e nelle finiture interne e merita senz’altro una visita, essendo anche molto ben conservata.
Dopo un po’ di tempo, facciamo ritorno verso il porticciolo, svuotando un cestello di ottimi lamponi comperati sulla strada. Riattraversato il fiordo e consumato un rapido pranzo-merenda proseguiamo lungo gli incantevoli (anche se poco rinomati) GAUPNEFJORDEN e LUSTRAFJORDEN. Arriviamo a SKJOLDEN, dove trascorriamo un paio d’ore giungendo fino al laghetto Eidsvatnet.
Esaurito il programma della giornata, ripercorriamo la strada fino a SOGNDAL e poi proseguiamo lungo la strada 55 (lungo il SOGNEFJORDEN) fino ad HELLA, dove traghettiamo al volo (durata 15’, NOK 85) fino a VANGSNES. Ceniamo all’aria aperta (in maniche corte, alle 20.30 !) in una piazzola lungo la strada e poi percorriamo un altro tratto di strada superando VIK (notiamo una possibilità di sosta notturna nei pressi del porticciolo) ed inerpicandoci (letteralmente) lungo la splendida strada panoramica 13, che attraversa il Vikafjell: il camper arranca, ma lo spettacolo è stupendo (e complice è senz’altro l’indimenticabile, irripetibile, semi-oscurità di mezzanotte), un concentrato di scenari unici. Raggiunta la sommità, inizia una lunga e ripida discesa che conduce a VOSS, dove troviamo tranquilla sistemazione in un parcheggio in riva al lago.
[km. 261 / 3609]

21 luglio 2004
Al risveglio scambiamo alcune battute con un camper veronese, nostro conterraneo, e poi ci muoviamo a piedi per visitare VOSS. C’è un bel parco, attraversato da alcuni sentieri lungo i quali gironzoliamo senza mèta particolare. Ci portiamo verso il centro, ammirando dall’esterno la bella chiesa in pietra (visita interna NOK 15).
Riprendiamo la strada con il camper in direzione BERGEN, dove giungiamo verso le 13.30. Inspiegabilmente (ma ben soddisfatti) non ci viene richiesto il previsto pedaggio per l’ingresso nel circuito cittadino e molto presto troviamo il “bobil park”, l’apposita area sosta camper, ben segnalata lungo la strada: è posizionato nella zona nord della città (dal centro 20’ a piedi, 10’ in bicicletta). Non perdiamo tempo e, dopo un pranzo al volo, inforchiamo le bici, transitiamo lungo il porto, il rinomato Bryggen ed il mercato e raggiungiamo l’acquario, promesso da alcuni giorni a Ely&Fede. Nell’arco di 3 ore visitiamo le vasche delle foche e dei pinguini (particolarmente “gettonate”), le altre vasche più piccole con numerose specie di pesci, il filmato “panoramico” di Ivo Caprino (chi, attraversando la Norvegia, non si è mai imbattuto in un panorama-film di I. Caprino ???) ed una vasca dove è consentito “pescare” con le mani nude pesci, granchietti e stelle marine. Stanchi, ma soddisfatti, rientriamo al camper, dove riusciamo a cenare all’aperto, “quasi” in riva al mare.
[km. 102 / 3711]

22 luglio 2004
La mattinata ed il primo pomeriggio sono dedicati alla visita della parte storica della città (BERGEN). Parcheggiate le bici nei pressi del mercato (facciamo una rapidissima perlustrazione per “prendere confidenza”, ma ci torneremo con calma più tardi), ci portiamo a visitare il suggestivo Hanseatic Museum, che conserva ancora il battito dei mercanti dei secoli scorsi: vale decisamente la spesa del biglietto e del tempo necessario a visitarlo (40-45 min.). All’uscita, bazzichiamo tra i negozi che si affacciano sul Bryggen, il famosissimo quartiere storico di casette colorate, e curiosiamo fra gli stretti e caratteristici vicoletti interni.
Tentiamo una visita al duomo, ma lo troviamo desolatamente chiuso. Essendo quasi ora di pranzo, ritorniamo sul Torget (mercato): molto “turistico” (visti anche i prezzi !), ma da non perdere un tuffo nella folla fra i numerosi banchi di frutta, maglie & maglioni, souvenir vari e, soprattutto, pesce. Approfittando anche del fatto che numerosi venditori sono italiani (!), spuntiamo qualche assaggio (salmone, balena, renna, alce) e ci portiamo a casa un paio di tranci di salmone. Per pranzo, fish & chips sul posto e panini con salmone e gamberetti.
Ci spostiamo (un po’ per caso) verso Tollgarmenningen, un’ampia zona pedonale frequentata da turisti e da numerosi artisti di strada. Il tempo è tiranno e, facendo ritorno verso il camper, facciamo l’ultima sosta a Schotstuene, la sezione staccata del museo anseatico (la cui visita è compresa nello stesso biglietto di ingresso): seppur di dimensioni più ridotte, la fermata è ugualmente meritevole.
Torniamo al “Bobil-park” con un po’ di ritardo: completiamo scarichi e carico acqua e partiamo in direzione di Norheimsund. Poco prima, facciamo sosta per visitare la bella cascata STEINDALSFOSSEN (segnalata): grazie ad un piccolo sentiero è possibile risalire un tratto di cascata e ammirare la caduta dell’acqua da “dietro le quinte”. Il paese non ha attrattive e quindi proseguiamo lungo l’Hardangerfjord (strada piuttosto stretta e tortuosa) fino a Granvin, dove concediamo ad Ely&Fede una mezz’oretta al parco giochi.
Ripresa la strada, facciamo tappa a VOSS per la cena e ci portiamo a GUDVANGEN (strada E16) per trascorrere la notte nei pressi del porticciolo.
[km. 205 / 3916]

23 luglio 2004
Il cielo è bigio su GUDVANGEN (trattasi di un agglomerato di poche case che si trova, però, e per sua fortuna, su una delle estremità del NAEROJFJORD) e dopo aver cercato di recuperare un po’ di informazioni all’uff. turistico, ci si presentano poche alternative per poter fare un’uscita in barca, e per di più parecchio costose. Dopo un po’ di titubanza, decidiamo di calare le bici per imboccare una stradetta che costeggia il fiordo. Non facciamo molta strada, ma cogliamo ugualmente alcuni begli scorci fotografici e… numerosi ottimi lamponi.
Ritorniamo al camper verso mezzogiorno per imboccare un tunnel di 11,5 km. (gratuito) all’uscita del quale facciamo deviazione verso UNDREDAL. Al villaggio, anch’esso di poche case in riva al fiordo, ma carino e suggestivo) troviamo un giardino pubblico dove pranzare. Nell’arco di poco più di una mezz’oretta visitiamo l’attracco dei traghetti e saliamo alla caratteristica stavkirke, la più piccola ancora in servizio in Norvegia (evitiamo la visita all’interno, adulti NOK 30 bambini NOK 15, potendo sbirciare dall’esterno).
Ripreso il camper e percorso un altro tunnel di 5 km. (gratuito), raggiungiamo FLAM. L’area del porticciolo comprende l’attracco per i numerosi traghetti (NAEROJFJORD), la stazione della famosa ferrovia FLAMSBANA ed un’alta concentrazione di negozi di souvenir: com’era nelle aspettative, c’è parecchia gente.
Acquistiamo i biglietti per il tragitto andata e ritorno fino a MYRDAL (salassata !) ed attendiamo la partenza del treno (abbastanza frequente, ogni ora ora-e-mezza). Al di là del costo, l’esperienza è consigliabile, perché lungo i 20 km. di strada ferrata e gli 800 metri di dislivello si ammirano panorami spettacolari; fra tutti, la cascata Kjosfossen, dove il treno si ferma 5 minuti per le fotografie e… per uno spettacolino fuori-programma, ed i tre livelli di galleria che sono testimonianza della particolare abilità ingegneristica profusa per la costruzione di questa linea. A MYRDAL, capolinea, piove a dirotto e, quindi, non scendiamo nemmeno dal treno. Facciamo rientro a FLAM e da qui ci trasferiamo ad AURLAND, dove in compagnia di altri 8 equipaggi di 6 nazionalità diverse trascorriamo la notte nei pressi del porticciolo, al park dei bus turistici.
[km. 58 / 3974]

24 luglio 2004
Perlustriamo il piccolo centro di AURLAND più che altro per fare un salto al supermercato (notiamo anche la fabbrica di scarpe per le quali il paesetto sembra essere rinomato).
Si pongono due alternative: la più lunga è quella di attraversare il LAERDALSTUNNEL (24 km., gratuito, il più lungo al mondo) e visitare poi la stavkirke di BORGUND; l’altra, più breve, è quella di rimanere sulla strada 50. Per alimentare la serie “Io l’ho visto !”, arriviamo all’imbocco del tunnel e poi svoltiamo lungo la strada 50 per i pochi chilometri necessari a raggiungere la località di VASSBYGDI. Qui merita un accenno la rinomata attraversata montana “AURLANDSDALEN”, un tragitto a piedi della durata di 6 giorni che parte dall’HARDANGERVIDDA e giunge fino ad AURLAND. Da più parti viene, in ogni caso, indicato come il tratto più spettacolare (6 ore) quello che va da OSTERBO a VASSBYGDI. Per diversi motivi non siamo in grado di percorrerlo interamente e quindi ci accontentiamo di un piccolo assaggio, incamminandoci da quest’ultima località con direzione il rifugio SINJARHEIM (2-2,5 ore in salita): non lo raggiungeremo (il buon Fede cammina spavaldo, ma la sua andatura è logicamente più lenta del normale), ma l’”antipasto” del percorso è stato decisamente superbo e tutto ci ha fatto intendere che le note (positive) spese sull’articolo di IT erano appropriate. Il meteo ci h anche dato una mano perché, dopo un cielo piuttosto imbronciato di primo mattino, è uscito uno splendido sole che ha elevato bene anche la temperatura.
Di ritorno al camper facciamo un’altra buona scorpacciata di fragoline e lamponi e notiamo che alla baita posta all’inizio del percorso sono disponibili bagni e docce per i “viandanti”.
Verso le 16.00 rimettiamo in moto il camper lungo la strada 50 (splendidi panorami “selvaggi” lungo il primo tratto, altrettanto belli quelli “boschivi” lungo il secondo) fino ad HOL, per svoltare poi sulla strada 7 in direzione GEILO – BERGEN.
La tappa è piuttosto lunga e, in questo tratto, i panorami diventano particolari solo a partire da HAUGASTOL (punto di partenza del famoso percorso ciclo-turistico “RALLARVEGEN”; distesa di bici pronte per il noleggio), quando si ha un minimo assaggio della realtà dell’HARDANGERVIDDA, un vasto altopiano a scenografia “lunare”.
Circa 20 km. prima di EIDFJORD svoltiamo su una stradina secondaria per andare ad ammirare dall’alto le spettacolari cascate VORINGFOSSEN (segnalate), le cui acque precipitano con fragore per oltre 150 metri. Scendiamo poi a EIDFJORD (lungo la strada notiamo che si potrebbe anche scendere a valle delle cascate attraverso un sentiero) dove ci sistemiamo in un parcheggio in compagnia di altri 3 equipaggi.
[km. 207 / 4181]

25 luglio 2004
Il paesino di EIDFJORD è ordinato e pulito ma, forse perché domenica, praticamente desolato. Nonostante il cielo “imbronciato”, decidiamo di visitare la Fattoria KJEASEN: del sentiero pedonale che dovrebbe salire alla fattoria (3 ore di cammino per andata-ritorno, 1000 metri di dislivello) non vediamo tracce; non ci rimane che percorrere la stradina (a senso unico alternato, la prima mezz’ora di ogni ora in salita, la seconda mezz’ora in discesa !) che in 5 km. ( di cui 2,5 di galleria completamente buia) conduce in quota. Il panorama (veduta a strapiombo sull’EIDFJORDEN) è molto bello, la “fattoria” un po’ meno idilliaca di quanto non ce la fossimo immaginata sulla base della descrizione della guida. In ogni caso non perdiamo l’occasione di gustarci un bel “vaffel” (cialda con marmellata di fragole).
Alle 12.30 (dobbiamo attendere la seconda mezz’ora, per la discesa) ripartiamo per portarci a KINSARVIK dove pranziamo in camper sotto la pioggia (che non ci abbandonerà per tutto il resto della giornata). Visitiamo velocemente la bella chiesa in pietra ed un negozio di maglioni & souvenir, poi decidiamo di percorrere un po’ di chilometri, considerato il meteo che non ci permette grandi alternative. Sulla strada, oltrepassata ODDA, ammiriamo prima le prepotenti cascate LATEFOSSEN e poi le imponenti cascate LANGFOSSEN. Raggiungiamo poi ETNE dove non troviamo campeggi né zone che i soddisfino per la sosta (questo tratto di percorso non è francamente molto spettacolare) e proseguiamo fino ad HAUGESUND, dove sotto un vero diluvio ci sistemiamo nel campeggio in periferia della città: il posto è carino, in riva al mare, ma… non possiamo godercelo.
[km. 235 / 4416]

26 luglio 2004
Il cielo è terso ed i colori indimenticabili. Da una collinetta vicino al campeggio ammiriamo il mare e la luce. A pochissima distanza ci fermiamo a visitare l’Haraldshaugen, tomba di un re vichingo ed ora monumento nazionale a memoria dell’unificazione della Norvegia (nei pressi anche un’antica croce in pietra, sullo stile e dell’epoca di quelle britannico-scozzesi).
A bordo del camper attraversiamo il centro di HAUGESUND, carino ma senza particolari attrazioni, ci portiamo poi ad AVALDSNES dove svoltiamo a destra per raggiungere VIGSNES. Qui, del tutto inattesa, trascorreremo una delle giornate più belle delle nostre vacanze (complice il meteo favorevole). VIGSNES è ciò che resta di un’antica “miniera-stato” di rame (1870-1900 circa), ora dismessa, ed ora si presenta come un insieme tra un museo all’aperto ed un paese-fantasma: nell’edificio principale del museo il gentilissimo bigliettaio si offre anche come guida turistica e, in un inglese molto elementare, ci racconta la storia del villaggio (fra tutto, ci impressiona il fatto che questo agglomerato al suo massimo splendore avesse raggiunto un prestigio tale da godere di privilegi propri di un piccolo stato, “… like S. Marino…” ci ha detto testualmente la guida). Ciò che ora resta visitabile è solo pochissima cosa rispetto a quello che vi si trovava, perché nel tempo molto è stato asportato e trasferito altrove. Visitiamo però la sala dei minerali, quella degli attrezzi di lavoro e la piccola (ma suggestiva) ricostruzione di una galleria di miniera. Poi, ringraziando per la disponibilità, usciamo a perlustrare gli altri edifici; ci portiamo anche nei pressi di un promontorio dove c’è un piccolo faro e dove rimaniamo ammaliati alla vista di un panorama marino che non è azzardato paragonare a quello delle isole Lofoten. Ely&Fede trovano di che passarsi via prima con la conta delle meduse in mare e poi con un notevole parco-giochi costruito in “stile miniera”. Il tempo dovrebbe fermarsi, ma riusciamo a pranzare e poi, nel primo pomeriggio ripartiamo. In breve raggiungiamo SKUDENESHAVN, dove piazziamo il camper già in prossimità dell’imbarco del traghetto. Qui le traversate sono solo 4 al giorno e giungiamo con un anticipo, calcolato, di un paio d’ore che spendiamo gironzolando tra i particolarissimi vicoletti del centro storico (notevoli, anche qui, gli scorci che si susseguono passo dopo passo). Entriamo in uno strano “café” che sembra una casa privata, iper arredata, dove un signore serve “vafeln”, torte, bevande con modalità piuttosto informale, ma simpatica: impossibile sottrarsi ad un vafel preparato al momento ed arricchito di varie marmellate.
Alle 18.30 traghettiamo (1h.20’, NOK 209) fino a MEIKJARVIK e, da qui, in breve raggiungiamo STAVANGER. Si è fatto un po’ tardi e non riusciamo a trovare un’area camper od un parcheggio soddisfacenti, così ci portiamo al campeggio cittadino, un paio di chilometri in periferia: cena alle 21.15 e parco giochi per Ely&Fede.
[km. 95 / 4511]

27 luglio 2004
Al risveglio il cielo è purtroppo molto nuvoloso, ma non ci scoraggiamo e, inforcate le bici, scendiamo in città (STAVANGER) attraverso un comodo intreccio di percorsi ciclabili (2,5 km. dal campeggio). Parcheggiamo nei pressi del porto turistico, in posizione centrale per raggiungere i punti più interessanti, ed ispezioniamo il mercatino orto-frutta (notevole l’offerta di fragole, lamponi e ribes) ed i banchi del pesce. Poi ci portiamo nel quartiere “Gamle (antica) Stavanger”, suggestivo e ben conservato. Qui entriamo quasi subito a visitare l’Hermetikkmuseum, il museo delle etichette (ma non solo) delle scatole di sardine ! In un ex conservificio sono ripercorse le tappe più significative dell’attività dell’inscatolamento dello spratto (un pesce simile alla nostra sardina), che rappresenta un pilastro dell’economia della zona. Usciamo non prima di aver assaggiato del pesce affumicato al momento e visitato le (ex) case dei lavoratori, adiacenti lo stabile del museo. Il biglietto acquistato da diritto alla visita di altri musei cittadini e, visto che ha iniziato a piovere, entriamo al Sjofartsmuseet, il museo marittimo ed artigianale: alla fine dei conti la pioggia ci ha dato una mano perché il museo è carino e piacevole da visitare, soprattutto nella sezione dedicata alle attività commerciali di Stavanger. Quando usciamo la pioggia è cessata e ci incamminiamo nelle vie pedonali, discretamente affollate e con buona offerta di negozi.
Dopo un pranzo al Mc Donald’s, visitiamo il Duomo (interessante) e rientriamo al campeggio in tempo utile per non dover pagare una giornata supplementare (14.30).
Facciamo rotta verso SANDSNES, che ci appare come uno squallido sobborgo industriale di STAVANGER e poi verso LAUVVIK dove ci imbarchiamo immediatamente per OANES (durata 10’, NOK 85) da dove raggiungiamo in breve PREIKESTOLHYTTA, base di partenza per una delle principali attrazioni norvegesi, il PREIKESTOLEN. Rimaniamo un po’ dubbiosi sul da farsi (visti l’orario, il tempo, i bimbi che dormono, ecc. ecc.). Alla fine parte solo Claudio e… tutto sommato potrebbe non essere stata la scelta peggiore…: il sentiero è particolarmente ripido ed accidentato, le 2+2 ore di percorrenza (andata – ritorno) ci stanno quasi tutte, per oltre metà scarpinata è piovuto con discreta insistenza. Certo che lo spettacolo finale non delude le aspettative: il PREIKESTOLEN (“pulpito”) si affaccia incredibilmente ad oltre 600 metri a strapiombo sul LYSEFJORD; le foto si sprecano, nonostante il tempaccio; sono le 18.00 passate e la massa dei visitatori ha lasciato il posto a pochi temerari e questo carica di fascino l’atmosfera: vale la pena attardarsi una mezz’oretta per gustarsi i risultati della fatica. Poi, rientro al parcheggio dove ceniamo: non è possibile sostare la notte (divieto esplicito) e, quindi, ci portiamo in prossimità di OANES dove pernottiamo in compagnia.
[km. 60 / 4571]

28 luglio 2004
Al risveglio il tempo è molto bello, sebbene la temperatura sia piuttosto fresca (17-18°C). Traghettiamo OANES-LAUVVIK in senso inverso rispetto ad ieri e ci dirigiamo ad EGERSUND da dove puntiamo direttamente all’EIGEROJ FYR (faro; le indicazioni stradali non sono molto buone, ma si imbocca la strada 502, al ponte si svolta a destra e si prosegue per una decina di km.). Ci fermiamo nel minuscolo parcheggio e pranziamo sull’immancabile tavolino di legno, sotto una splendida luce ed un venticello pungente. A piedi, poi, imbocchiamo il viottolo che porta direttamente al faro (2,4 km., transito vietato agli automezzi), godendo di splendidi scorci. Qua e là qualche altro turista ci fa ricordare di non essere… usciti dal mondo, ma la quiete e la tranquillità sono impagabili. Torniamo al camper per fare una breve sosta ad EGERSUND (tranquillo paese di mare) e riprendere la strada verso sud. Lungo la via visitiamo il caratteristico borgo di SOGNDALSSTRAND, un agglomerato di vecchie (e belle) case e magazzini in legno.
Proseguiamo nuovamente il nostro tragitto: la strada RV44 da qui a FLEKKEFJORD è veramente male in arnese, piena di curve e saliscendi ed a lentissima percorrenza (se possibile, quindi, da evitare). A parziale ricompensa, di tanto in tanto si ammira solo qualche scorcio paesaggistico, fra i quali segnaliamo JOSSINGFJORD (scenario di rocce a strapiombo). In prossimità di LYNGDAL ci fermiamo per la cena in una bella area sosta a bordo strada.
Nel rispetto del programma (e per non perdere uno degli spettacoli più emozionanti del viaggio), riprendiamo la strada per arrivare verso le 22.30 a LINDESNES FYR (faro), il punto più meridionale della Norvegia. Incredibile a dirsi, c’è un vasto parcheggio gratuito, senza limiti di sosta notturni: solo il tempo di spegnere il motore e ci fondiamo verso la rocca del faro dove arriviamo appena in tempo per “scioglierci” alle ultime luci del tramonto che già hanno iniziato a lasciare il posto ad una brillante luna piena (…): raffica di foto !
Nella penombra facciamo ritorno al parcheggio, dove trascorriamo la notte in compagnia di altri equipaggi e… di un gran numero di ranocchi.
[km. 259 / 4830]

29 luglio 2004
Ci svegliamo all’ombra del faro sotto un cielo assai grigio. Facciamo un giro tra gli scogli nei dintorni senza entrare nel centro visitatori. Poi mettiamo in moto il camper per giungere alla vicina MANDAL. L’atmosfera è vivace, ma in realtà non c’è un granché da vedere (e, inoltre, i parcheggi del centro costano una vera fortuna), così ci spostiamo presso SJOSANDEN, la spiaggia sabbiosa appena fuori dal centro: certo, una spiaggia sabbiosa da queste parti non è frequente, ma da qui a definirla la “Copacabana norvegese”, ce ne passa…
La temperatura è piuttosto fredda, ma rimaniamo per un po’ a far giocare Ely&Fede sulla sabbia. Poi ripartiamo verso KRISTIANSAND, dove arriviamo nel primissimo pomeriggio. Purtroppo (e, abbiamo inteso, dev’essere novità recente) l’area attrezzata citata su più fonti è stata dismessa dal comune: viene comunque tollerata la sosta dei camper e rimane in funzione il solo camper service (scarichi e carico acqua). Ci fermiamo, confortati anche dalla presenza di altri camper e partiamo a piedi per la visita della città. Puntiamo innanzitutto verso Posebyen, la “città vecchia”, costruita con architettura tutta particolare. Rientriamo poi verso l’attuale centro moderno, ammirando il duomo (sono le 16.30 ed è già chiuso !) e percorrendo le vie pedonali, piuttosto animate: l’impressione è di una città norvegese un po’ atipica, sarà (forse) per la presenza del porto internazionale. Non facciamo in tempo, data l’ora, a visitare il mercato del pesce che risulterebbe essere di particolare interesse, e ci dirigiamo verso il lungomare passando accanto alla strana fontana di Nupen. Abbondante sosta al parco giochi e poi cena in camper.
Il programma del viaggio termina qui: in realtà abbiamo “tagliato” lo zoo di Kristiansand che viene segnalato come una bella attrazione, ma non abbiamo più tempo. Inizia con un (bel) po’ di tristezza la strada del ritorno e, per guadagnare qualcosa, dopo cena percorriamo alcuni chilometri fino a PORSGRUNN, dove abbiamo in evidenza una (bella e comoda ?) area attrezzata: in realtà, si tratta di un parcheggio piuttosto rumoroso, ma tant’è…, vista l’ora (quasi l’una) trascorriamo ugualmente la notte.
[km. 273 / 5103]

30 luglio 2004
Giornata di puro trasferimento. In prima mattinata raggiungiamo HORTEN dove traghettiamo verso MOSS (attesa 20’, durata 30’, NOK 235 – prima bigliettaia “cerbera” che verifica che il nostro camper con le bici supera i 6 metri di lunghezza !) per evitare qualche chilometro e, soprattutto, il centro di Oslo. Nei pressi di HALDEN (fiordo di confine Norvegia – Svezia) incassiamo il rimborso “Tax Free” (in corone svedesi !) e proseguiamo fino ad UDDEVALLA dove facciamo sosta per il pranzo in un bell’autogrill lungo la strada.
Dopo un paio d’ore ripartiamo per raggiungere, verso le 18.00 l’area sosta ERIKSLUND (poco prima di HELSINGBORG) dove avevamo trascorso la prima nottata in terra scandinava all’andata: questa volta il tempo è splendido, la temperatura ideale e riposiamo beatamente per qualche ora.
Infine, dopo cena, traghettiamo da HELSINGBORG ad HELSINGOR (attesa 30’, durata 30’, costo cumulato per questo traghetto e RODBY-PUTTAGARTEN € 75) e percorriamo un altro tratto di strada fino all’autogrill danese di Faro, ad una cinquantina di chilometri da RODBY.
[km. 696 / 5799]

31 luglio 2004
Ripartiamo dall’area sosta per raggiungere dopo poco RODBY e da qui traghettare verso PUTTGARTEN (attesa 10’, durata 40’). Con questa località non abbiamo, evidentemente, un buon feeling: coda interminabile (ma quando i tedeschi si decideranno a costruire un accesso più consono al flusso di veicoli ?) e violento acquazzone (ma il senso inverso di marcia sta ancora peggio…). Arriviamo a LUBECCA con un certo ritardo rispetto a quanto preventivato e parcheggiamo vicino al centro. Dopo pranzo ci avviamo per una passeggiata nella zona storica, passando in rassegna il simbolo della città, la Holstentor, il Markt (piazza centrale), la Breiterstrasse (la più famosa via pedonale) e la St. Marienkirke (una delle splendide chiese e co-simbolo della città). Da buoni golosastri entriamo in processione nella pasticceria Niederegger (rinomata per i dolci di marzapane); facciamo una nuova sosta nel Markt per assistere ad un concerto di P. Kenny (musica irlandese piacevolmente suonata) e, prima di rientrare in camper, deviamo verso alcuni vicoletti dell’Alte Stadt (città vecchia).
Imbocchiamo l’autostrada e maciniamo un altro po’ di chilometri, arrivando prima nei pressi di HANNOVER (per la cena) e poi vicino a FULDA (per trascorrere la notte).
[km. 606 / 6405]

1 agosto 2004
Trascorriamo una nottata non proprio tranquillissima (fastidioso rumore dell’autostrada). Decidiamo di puntare ad una sola tratta che ci porti nei pressi dell’Austria e lì riposare un po’ in qualche campeggio. Ci fermiamo un paio d’ore nei pressi di NORIMBERGA per pranzare. Nel pomeriggio, causa uno dei pochi rallentamenti in autostrada, facciamo una deviazione su strada normale dove scopriamo la bella zona del parco naturale Altmuhltal con il simpatico paese di BEILINGRIES. Arriviamo verso le 17.00 a KUFSTEIN e ci sistemiamo nel campeggio appena fuori dal centro. Dopo cena, giro a piedi nella zona pedonale, attraverso la bella camminata lungo il fiume Inn.
[km. 519 / 6924]

2 agosto 2004
Solo il tempo per renderci conto che… il viaggio volge al termine. Spesa veloce al Billa locale (per iniziare a “riacquistare” i sapori di casa”) e poi rotta verso INNSBRUCK (è lunedì mattina, si sono messi in movimento anche numerosissimi camion fermi durante il fine settimana e c’è molto traffico), BRENNERO, BOLZANO e… VERONA. Alla fine il contachilometri dà il verdetto finale: 7.278 chilometri totali !
[km. 354 / 7278]

E con questo abbiamo concluso questo corposo resoconto di un bel viaggio in un posto meraviglioso. Speriamo che le informazioni possano essere utili a qualche “collega camperista”, così come noi abbiamo tratto utili ed interessanti spunti da altri diari di bordo.

E buona avventura,
“… perché viaggiare non è solamente partire, partire e tornare, ma imparare le lingue degli altri, imparare ad amare” (F. de Gregori).

Chi volesse avere ulteriori notizie o chi volesse fornirci indicazioni e pareri può contattarci all’indirizzo e-mail:
clarob@libero.it
Ciao e buone vacanze a tutti !