Interrail in Europa dell’Est

Racconto di viaggio in Polonia

di Valeria

Partenza il 27 luglio dalla calda Milano, ore 00.15, treno per Brescia.

Le fs dimostrano subito la loro precisione, ritardo di 40 minuti.
A Brescia aspettiamo il cambio (alle 4.25) per Venezia e da Venezia Mestre (alle 8.25) prendiamo il 3° treno, per Ljubljana.

h 14.10 ci attende il treno per Zagreb Glavni Kolodvar…. finalmente, nel tardo pomeriggio, arriviamo a destinazione! L’interrail comincia bene…

A Zagabria, per gli squattrinati, esiste un solo ostello: preparatevi ad adattarvi. L’indirizzo è OMLADINSKI HOSTEL, petrinjska 77, zagreb.

Uscendo dalla stazione si va verso destra ed è una delle vie che si incontrano sulla sinistra del vialone. L’ostello, nonostante il personale poco disponibile e gentile, è abbordabile per quanto riguarda i prezzi (288 kune per la stanza da 4 persone, una notte). E’ abbastanza vicino alla stazione (200 metri), un po’ meno al centro, che però è facilmente raggiungibile a piedi (10 minuti circa, passeggiata carina).

Di fronte all’ostello segnalo il ristorante pizzeria CEZAR, petrinjska 44, zagreb; il supermercato aperto 24 ore su 24 (molto utile!) in petrinjska 79.
La città è molto bella, specialmente la sera quando, nella zona vicino alla cattedrale, i moltissimi caffè (a buon prezzo!!!) creano un’atmosfera davvero suggestiva.

La città si visita in un giorno, ed è molto piacevole (soprattutto quando la temperatura supera i 30 gradi) fermarsi un po’ nei numerosi giardini pubblici.

Partenza da Zagreb per Budapest alle 7.20 del 29 luglio.
Budapest è davvero affascinante, ma non sto ad elencare i luoghi da non perdere (li si trova su qualsiasi cartina o guida della città); solamente, fate una passeggiata una sera lungo il danubio, all’altezza del ponte delle catene.

Budapest

Alla stazione si viene fermati da numerosi alloggiatori (anche un po’ troppo insistenti a volte) che pubblicizzano ostelli e stanze private; noi ci siamo fidati (scelta giusta) d un tale che pubblicizzava ostelli per l’hostelling international. Abbiamo scelto noi l’ostello (3000 fiorini a persona per notte in una stanza da 4, con gli sconti dovuti alla tessera dell’hostelling): hostel banki, vicino alla stazione di nyugati palyaudvar(metro blu).

L’indirizzo preciso è hostel banki, podmaniczky ut (non ricordo il numero civico, ma la via non è lunga).
Nella stessa via dell’hostel banki segnalo il ristorante Sir Lancelot, dove si mangia tanto (carne in particolare) e con le mani; è un posto abbastanza turistico, non è proprio economico ma si mangia con 15 euro circa e ci si diverte.

All’incrocio tra podmaniczky ut e terez (via della stazione nyugati) c’è anche il fast food Noa (piatti alla griglia, molto economico, buono).

A Budapest è utile fare la Budapest card, che dà ingresso gratuito a molti musei e passaggi gratuiti sui mezzi pubblici (la metro funziona benissimo, i mezzi di superficie un po’ meno perchè in alcune ore c’è molto traffico, sopratutto sui ponti sul Danubio).
Non è compresa nella Budapest card la sinagoga, ma vale una visita.

Segnalo anche e sopratutto a Budapest il ristorante Lugas, in Bajczy zsilinszky all’altezza della basilica di st istvan (santo stefano), ristorante con cucina ungherese e internazionale, buonissimo, prezzi ottimi, personale molto disponibile, ci sono anche i tavolini all’aperto.

Sempre sulla stessa via, andando verso la stazione di nyugati pu, il Captain Cook, pub molto economico con tavolini all’aperto dove è molto piacevole fermarsi a bere qualcosa la sera (si incontra molta gente del posto che ha voglia di fare quattro chiacchiere).

Un’altro posto dove bere qualcosa è un pub inglese (john bull pub), che si trova a pochi metri da roosevelt ter, la via dovrebbe essere dorottya ut (la si nota per la presenza di un casinò).

Il 1° di Agosto partenza da Budapest kp alle 12.05 per Bratislava; abbiamo avuto qualche problema nel trovare un ostello e alla fine siamo capitati in un casermone, una residenza universitaria per studenti di ingegneria che assomigliava all’hotel di Shining, ma ridotto molto male… quindi non ho sistemazioni da consigliarvi a Bratislava.

Bratislava

Da vedere ci sono la cattedrale e il castello, ma io purtroppo non ho visitato la città (l’ostello era fuori dal centro, la zona non era delle più affidabili, il tempo era poco).

Per mangiare consiglio cmq Blokova Pokuta, pr.Vysoka 27, BA(copio gli indirizzi dagli scontrini). Per bere e passare una serata divertente il Film cafè in Obchodna 53 (Bratislava è davvero molto economica quindi non cambiate molti soldi!!!)

Il 2 Agosto alle 10.28 si parte da Bratislava per Praga, con cambio del treno a Prerov: la repubblica ceca è davvero economica, ma mangiare bere e fare qualsiasi cosa a Praga non costa molto meno che a Milano (cocktail a 5 euro…Praga turistica!!!).

Praga

Segnalo l’ostello in cui eravamo alloggiati a Praga, sta in una via che sia chiama Sokolska: da fuori non è un gran che, dentro è curato e pulito, costa sui 10 euro a notte (stanza da 4) ed è davvero vicino al centro.

Da vedere a Praga un museo piccolo e poco frequentato dai turisti, anche se si trova molto vicino alla piazza dell’orologio, lungo una delle vie più “trafficate” dai gruppi con guida…Ceske Muzeum Vytvarnych Umeni, museo delle belle arti, che si trova in via Husova ai numeri 19/21: è un museo di arte contemporanea… molto contemporanea, dato che alcune opere erano datate giugno 2003!!!

Vi sconsiglio di acquistare la Praga Card: gli orari dei musei convenzionati sono molto ridotti e spesso converrebbe acquistare i biglietti singoli e i mezzi pubblici non servono se alloggiate vicino al centro perchè ci si muove a piedi; inoltre la Praga Card è davvero costosa.

Il 5 Agosto siamo partiti alle 21.12 verso Varsavia, arrivando la mattina seguente in questa stupenda città.

Varsavia

Abbiamo trovato un ostello fantastico, all’interno del parco Lazienski (quindi non in centro ma in una zona bellissima), con annesso centro sportivo, rapporto qualità prezzo ottimo (11 euro a notte in stanza da 4 per dormire con la qualità di un hotel): hostel agrykola, ul. mysliwiecka 9, Warszawa, ben servito dai mezzi pubblici.

All’interno del parco, è molto carino far colazione da Trou Madame (ul.agrykoli 1) con una cioccolata calda (in polonia va bene anche in Agosto, la temperatura è tra i 20 e i 25 gradi se c’è bel tempo); durante la passeggiata nel parco si incontrano pavoni e scoiattoli.

Per orientarsi nelle città della Polonia consiglio la rivista What Where When (io l’ho trovata in ostello, gratis): all’interno si trovano gli indirizzi di tutti i musei e cartine dettagliate, oltre a informazioni su mostre e concerti.

A Varsavia non dimenticate il museo nazionale (Muzeum Narodowe, al.jerozolimskie 3), il museo della scienza e della tecnica (palac kultury i nauki, muzeum techniki, di fianco alla stazione dei treni di warszawa centralna), la casa-museo di Marie Curie (ul.Freta 16, in centro), il castello reale (pl.zamkowy) e il resto del centro; segnalo inoltre la STARA GALERIA (mostre fotografiche), che si trova in plac Zamkowy 8 (dietro il castello reale, andando verso la terrazza panoramica che dà sul fiume.

Da Warszawa partenza il 9 Agosto per Krakow: città stupenda!!! Noi abbiamo trovato alloggio attraverso il tourist information locale, ma non ricordo l’indirizzo dell’ostello.

Cracovia

A Cracovia le cose da non perdere si trovano tutte nel quartiere di Stare Miasto (il centro): il castello Wawel, la cattedrale, la chiesa di Santa Maria, la Cloth Hall (Sukiennice in polacco), la sinagoga.
Da vedere il museo nazionale (muzeum narodowe, al.3 maja 1), anche se poco frequentato dai turisti rispetto ad altre mete come il castello wawel.

Segnalo a Krakow due ristoranti ottimi: uno in maly rynek 2, l’altro in ul.stradomska 13 (il secondo si chiama la strada); entrambi sono ottimi ed economici.

Da Cracovia bisogna uscire almeno 2 volte per 2 mete nei dintorni.
La prima il campo di concentramento di Aushwitz Birkenau (stazione ferroviaria di Oswiecim, per chi volesse andare con mezzi propri senza una guida turistica), un posto da visitare ma con molto rispetto: purtroppo ho visto i turisti (e le loro macchine fotografiche) essere molto maleducati anche in un posto simile.

La seconda visita, sicuramente molto più leggera, è alle miniere di sale di Wieliczka: l’ingresso costa circa 10 euro, ma ne vale la pena perchè sono davvero spettacolari.

Da Krakow partenza per Budapest il 13 Agosto e, dopo una sosta di due giorni e mezzo nella splendida città ungherese, il 16 agosto prendiamo l’ultimo treno che ci riporta a Milano.

Ringrazio tutti i turisti per caso che mi hanno dato informazioni e indirizzi prima di partire e spero di poter essere utile a chi verrà dopo di me!!!
Scrivetemi per qualsiasi info o richiesta.

Buone vacanze per caso
Valeria