Tour in otto

Racconto di Viaggio in Portogallo

Come ogni anno scegliamo una meta e il Routard da comperare e giriamo esclusivamente con quello (la nostra bibbia). Abbiamo fatto così anche per il Messico del sud. Quest’anno il Portogallo
La tappa principale era la bellissima capitale:Lisbona. Siamo rimasti lì per circa una settimana (è molto grande ma facile da girare grazie alla metropolitana nuovissima). Abbiamo prenotato via internet un albergo consigliato dalla nostra “bibbia” a prezzo abbastanza contenuto (eravamo in 8 in pieno agosto..non è facile trovare!) e vicino alla fermata della metro. Siamo arrivati con l’aereo di una linea portoghese verso mezzanotte (ora Portoghese) e ci siamo fatti scarrozzare in hotel da 3 taxi (attenzione ai tassisti:guidano come i pazzi!)La colazione portoghese è sempre abbondantissima, soprattutto per le brioches ottime!

LISBONA

Il cibo è soprattutto a base di carne e pesce (ottimo e poco costoso), attenzione al pane: non essendo abituati a mangiarlo, molti ristoranti lo fanno pagare caro come il fuoco!!Solitamente mettono il riso bianco e le patate cozidas (bollite).
La parte vecchia di Lisbona è la più bella:il quartiere dell’Alfama è molto vissuto con queste case dalle finestre coloratissime e piene di fiori (addobbate anche dagli azuleios “maioliche”).Qui vi consiglio di visitare il giardino botanico, nonchè la cattedrale e il castello di sao Jorge.
Mi raccomando non potete andarvene da Lisbona senza aver bevuto un caffè alla Brasileira e aver fatto un giro della città in tram.
Fuori Lisbona c’è Belem conosciutissima per le sue Pastel (dolci), quindi andate alla Pasteleria di Belem e imbottitevi di queste delizie.E’ facile da raggiungere con i treni questa cittadina perchè costano poco e ce ne sono parecchi, anche se la stazione è un po’ fuori dal centro di Lisbona. Qui non vi perdete l’imperioso monumento dedicato agli esploratori spagnoli e portoghesi (Pradao dos Descobrimientos)(si può salire e gustare un panorama mozzafiato) e la torre militare di Belem nel parco vicino (bellissimo per fare una sosta pic nic)nonchè il gigantesco monastero di San Jeronimo molto suggestivo, (c’è sempre una colonna lunga per entrare).

Sintra

Oltre a Belem consiglio di visitare una piccola città di nome Sintra, famosa per i suoi bellissimi castelli:sono tutti in alto al paesino..se siete allenati andateci a piedi..è una bella scarpinata!la fila per entrare è molto lunga per il castello de la Pena ma non è indispensabile da visitare ..sembra l’Eurodisney!Invece andate al Castelo dos mouros: è in cima ad un cucuzzolo e si chiama così sia per il fatto ke era militare sia perchè gli unici resti sono le mura da percorrere a piedi…attenzione per chi soffre di vertigini!.
Un altro posto meraviglioso (mi è rimasto nel cuore) è Cabo da Roca: il punto più ovest di tutta l’Europa con una scogliera di 140 mt a strapiombo sull’oceano infinito.Qui abbiamo fatto la pazzia di calarci con delle corde messe alle rocce dai pescatori ..lo spettacolo ripaga la fatica della discesa(attenzione:non si può fare il bagno!Non c’è spiaggia ma tutte rocce e l’oceano è molto mosso).
La sera consiglio di andare al Barrio Alto: è pieno di locali e ristoranti aperti fino al mattino e la birra costa meno dell’acqua!
Dopo Lisbona la seconda tappa è stata Porto.

Porto

E’ piccola da visitare, infatti siamo rimasti 4 giorni.Abbiamo alloggiato all’ostello de la juventude, fuori dal centro (ma i taxi arrivano dappertutto).L’ostello è pulito con i bagni in comune e sempre pieno di gente, e costa pochissimo!Naturalmente a Porto non deve mancare il giro delle cantine:la più famosa è quella di Salem ma consiglio Ferreira!La sera in piazza c’è sempre un sacco di gente. Mi raccomando fatevi una mangiata del famosissimo Baccalà (dicono che io portoghesi lo cucinano in 365 modi diversi)
L’unico posto per fare il bagno è verso l’Ostello (quindi fuori città) alla foce del fiume ma l’acqua è gelida e ci sono solo rocce e la spiaggia è fatta di sassolini.
Attenzione alla cena: sia qui sia a Lisbona si mangia sempre tardissimo…ma i ristoranti sono sempre pieni, conviene prenotare!(noi eravamo in 8 persone e alle volte cenavamo non prima delle 23).
Gli spostamenti tra le diverse città sono stati effettuati con il bus (prezzi contenuti).Siamo saliti ancora fino alla Gallizia (spagna) e ci siamo fermati per 2 giorni a Santiago de Compostela:è piccolissima e sempre piena di gente..è peggio quando inizia l’anno accademico.Abbiamo alloggiato al suggestivo Hostal Major costruito in un vecchio monastero con le camere molto piccole dalle altissime finestre e una colazione da re!La cattedrale è una tappa obbligatoria.C’è una varietà di negozi e ristoranti tutte posizionate su 3 uniche vie strette che portano al parco.
Al ritorno in Portogallo ci siamo fermati anche a Coimbra, dove non c’è molto da visitare ma ha una particolarità: è l’unica città dove il Fado (musica tipica portoghese)è cantato da uomini(andate a sentirlo perchè ne vale la pena)-
.All’ultimo giorno siamo ritornati a Lisbona per la partenza verso casa.
Consigli per il viaggio:
-tutte le città sulla costa sono ventosissime, quindi consiglio sempre occhiali da sole e anche qualche maglioncino e anche k-way perchè il tempo cambia spesso.
-le entrate a tutti i musei e chiese sono a pagamento e alle volte un po’ cari, però ci sono sempre grandi riduzioni per studenti o possessori di carta giovani.
-se riuscite, fate la tessera ostelli rilasciata dalla provincia, con cui si hanno riduzioni sul pernottamento in molti ostelli portoghesi.
-Molti portoghesi non sanno una parola di inglese, quindi comunicare è stato un po’ difficile, anche perchè il portoghese è una lingua non facile da comprendere.
-come ho già detto prima, i bus, soprattutto a Porto, non rispettano molto le tabelle orarie, quindi si può anche viaggiare in taxi perchè è proprio economico.
-Quasi tutta la costa del Portogallo è rocciosa e ventosissima, ottimo per fare surf o immersioni.
-la nostra spesa complessiva oltre all’aereo (pieno agosto ci è costato 400 euro) è stata di circa 800 euro per 15 giorni.
Non mi resta che augurare buon viaggio
Alessia