Kia Ora Aotearoa: Nuova Zelanda

Racconto di Viaggio in Nuova Zelanda

NE VALE LA PENA. Inutile mentire… il viaggio e’ lungo e stremante, soprattutto quello di ritorno, le 12 ore di fuso ci sono e si fanno sentire però… ne vale la pena!!! E’ una terra fantastica, una cultura diversa dalla nostra, una densità diversa dalla nostra: basti pensare che in tutta la NZ, grande come l’Italia, vivono meno persone che a Milano… incredibile pensarlo per noi.

La nostra avventura inizia il 16 ottobre a Milano Malpensa. Volo con la Emirates. Scali: Dubai (con un aeroporto fantastico), Singapore, Brisbane e infine Auckland. Ritorno: partenza da Christchurch, scali: Melbourne, Dubai e infine Roma Fiumicino.

Auckland

18 ottobre 2004
Siamo arrivati ad Auckland nel primo pomeriggio e siamo andati a prendere la macchina a noleggio: una fantastica Nissan Pulsar grigio chiara… mai vista prima. Siamo andati in cerca di una sistemazione per la sera sperimentando la guida a sinistra. La concentrazione e’ tutta sul tenere il senso di marcia, imboccare le rotonde nel verso giusto e non accendere i tergicristalli al posto della freccia (sono invertiti rispetto all’Italia). Trovato l’albergo ci siamo fatti una doccia e siamo usciti per cercare qualcosa da cena e poi di corsa a letto perché la stanchezza è tanta!!!

19 ottobre 2004
Ci siamo svegliati di buon ora e siamo andati alla scoperta di Auckland. Abbiamo parcheggiato vicino al Auckland Domain, i giardini. Abbiamo fatto colazione con un ottimo muffin e poi siamo andati alla ricerca della Sky Tower (impossibile non trovarla) dove siamo saliti e abbiamo ammirato lo splendido panorama (valido anche per una come me che soffre di vertigini). Poi un giretto per le vie della città, la visita al Art Museum (che non ci è piaciuto e ci siamo pentiti di aver visitato) e infine al Auckland Museum, molto grande e molto bello. Troppo grande però per una come me che risentiva del fuso. Verso sera siamo ripartiti subito, siamo “scappati” dall’Italia per trovare pace e tranquillità e una città così grande non può darceli. Siamo partiti in direzione Coromandel e abbiamo sbagliato un po’ i tempi, pensavamo fosse più corta la strada e meno tortuosa. Ci siamo arrivati un po’ stremati e soprattutto al limite dei tempi: siamo arrivati alle 21 e dalle 21 in poi nei ristoranti non servono più la cena: abbiamo ottenuto solo un piatto di patatine fritte… almeno molto buone!!!!

20 ottobre 2004
Ci siamo svegliati per la pioggia ma la colazione in camera ha risollevato il morale. Il motel è il migliore di tutta la vacanza, Anchor Lodge Coromandel Peninsula a Coromandel e ci rimarrà nel cuore e nei pensieri. Siamo partiti con direzione Tauranga dove siamo arrivati nel tardo pomeriggio perchè abbiamo fatto il giro della penisola e poi proseguito fin giù facendo qualche tappa nelle spiagge, Otama Beach, Mercuri Bay dove abbiamo passeggiato e respirato il profumo di salsedine.

21 Ottobre 2004
Tauranga era solo una tappa per lo spostamento verso Rotorua. Quindi siamo partiti di buon ora per arrivare il prima possibile. Lungo la strada abbiamo avuto il nostro primo incontro con i Kiwi… quelli pelosi e verdi però non quelli pennuti. Arrivati a Rotorua e sistemate le valige in albergo ci siamo concessi una lussuria: un bagno nelle piscine termali, le Polynesian Spa, un bagno nell’acqua a 38° in riva al lago Rotorua col venticello fresco fuori… veramente bellissimo. Verso metà pomeriggio abbiamo fatto la visita guidata (comprensiva di cena) presso il villaggio Maori, il Tamaki Tour, molto interessante e piacevole anche per l’autista dell’autobus!!!

22 Ottobre 2004
Giornata interamente dedicata a Rotorua (ne vale la pena dedicare quasi due giorni). Abbiamo visitato i Government Garden, il Rotorua Museum of Art & History, la Jade Factoyr (non poteva certo mancare). Poi abbiamo preso la macchina e siamo andati a visitare il Rainbow Spring, uno splendido zoo in cui sono raccolte la flora e la fauna tipiche della NZ, c’e’ anche una voliera per i kiwi (stavolta quelli pennuti) ma essendo animali notturni e molto timidi era rannicchiato in un angolo e dormiva e quindi non l’abbiamo visto bene. Preparatevi che a Rotorua e nelle immediate vicinanze e’ fortissimo l’odore di zolfo, per chi le ha fatte sembra di essere agli stabilimenti per le cure termali.

Huka Falls

23 Ottobre 2004
Abbiamo lasciato Rotorua in direzione Taupo e appena fuori Rotorua abbiamo fatto la tappa al Wai-o-tapu Thermal Wonderland, una vasta area di attività geotermale con la visione del geyser, il parco e’ stata una delle cose più belle che abbiamo visto. Lungo la strada abbiamo poi fatto una tappa alle Huka Falls, poi abbiamo proseguito e abbiamo pensato di pernottare a Turangi: peccato che e’ il paese per eccellenza per la pesca alla trota e noi siamo capitati di sabato con un WE lungo davanti, conseguenza: neanche un posto libero né nei motel né negli ostelli!!! Allora abbiamo ripreso la macchina, abbiamo costeggiato l’inizio del Tongariro National Park con le sue montagne innevate (al tramonto). Alla fine abbiamo dormito in un ottimo B&B a Riurimu.

24 Ottobre 2004
Ci siamo svegliati sotto una pioggia battente e il bel giro nel Tongariro National Park è sfumato. Allora ci siamo messi in macchina verso Wanganui costeggiano il fiume Wanganui, una strada stretta, tutta a curve e sterrata … però bella anche se soffrendo di vertigini lo strapiombo verso il letto del fiume mi preoccupava abbastanza. Arrivati finalmente a Wanganui abbiamo cercato il motel e ci siamo concessi una visita al paesino, abbiamo visitato il Museo Regionale e il parco li vicino.

Wellington

25 Ottobre 2004
Oggi ci siamo trasferiti a Wellington, nel tragitto abbiamo seguito la strada principale facendo qualche tappa: museo Air Force di Ohakea, Foxton Beach, Car Museum di Southward e infine a Paraparaumu, dove ci siamo fermati ad ammirare l’oceano e a fare una passeggiata su una spiaggia immensa. Siamo arrivati verso metà pomeriggio nella capitale, abbiamo cercato l’albergo e poi qualcosa da cena (consiglio: se si vuole attuare il “fai-da-te” i supermercati “Countdown” e “New Word” sono veramente grandi e ben forniti).

26 ottobre 2004
Oggi giornata dedicata a Wellington: abbiamo visto il Beehive, il Parliament House e il Parliament Library, nel parlamento abbiamo pure fatto la visita guidata. Poi abbiamo visto Old St. Paul’s’ Cathedral e poi abbiamo preso la Cable Car, la funivia che permette di vedere la città dall’alto. Siamo poi scesi attraverso i giardini botanici e il roseto di Lady Worwood purtroppo poco fiorito. Poi abbiamo visitato il Te Papa Museum, devo dire molto particolare e sinceramente a noi non e’ piaciuto molto. La nostra giornata e’ poi finita facendo un giretto per le vie del centro. Wellington e’ detta la città del vento ma e’ proprio vero, per tutti e due i giorni e’ tirato un vento fortissimo!!!

27 ottobre 2004
Oggi e’ stato il giorno del cambio, abbiamo lasciato l’isola Nord per traghettare verso la Sud, incantevole il percorso del traghetto per arrivare a Picton all’interno del Marlborough Sounds. Arrivati a Picton, recuperate valige e macchina (questa volta una Nissan Sunny, ex Saloon) siamo partiti alla volta di Nelson. Trovato il nostro motel abbiamo posato i bagagli e siamo tornati verso il centro per fare un giro e per cercare il ristorante per la sera. Ci avevano consigliato di mangiare le grandi cozze verdi e noi abbiamo seguito il consiglio… e per fortuna !!! abbiamo mangiato benissimo e speso relativamente poco contando che abbiamo fatto una cena a base di pesce con un buonissimo vino bianco di Nelson. (il ristorante e’ “The Boat Shed Cafe”, una palafitta sul mare sulla strada che da Nelson porta a Richmond, appena fuori Nelson).

Abel Tasman National Park

28 Ottobre 2004
Oggi ci siamo dedicati al Abel Tasman National Park, abbiamo lasciato la macchina in parcheggio e ci siamo incamminati a piedi fino alla Appletree Bay, definita coma la più bella spiaggia di tutta la costa… e in effetti… uno splendido color oro con un mare turchese incantevole. Ci siamo fermati per una breve sosta e poi siamo tornati verso casa. Tornando ci siamo fermati a Motueka a visitare i negozietti e alla Rabbit Island. Siamo poi tornati in motel per riposarci un po’, il ritmo e’ elevato quando vuoi vedere tante cose e domani ci aspettano 500 km di viaggio…

29 Ottobre 2004
La caratteristica di oggi e’ stata la pioggia e il vento. Un tempo orrendo, a tratti da non vedere nulla. Oggi ci siamo spostati verso Franz Josef per visitare il ghiacciaio; lungo la strada ci siamo fermati a fare parecchie foto all’oceano infuriato e poi a Punakaiki a vedere le Pancake Roks, rocce stratificate direttamente sull’oceano. Un vero spettacolo della natura, un incanto… consigliamo vivamente la tappa !!! Arrivati a Franz Josef (non aveva ancora smesso di piovere) abbiamo cercato il motel e ci siamo informati per la visita al ghiacciaio per il giorno dopo.

30 Ottobre 2004
Oggi giornata dedicata al Franz Josef Glacer: siamo andati a fare la scalata del ghiacciaio (ovviamente con una visita guidata) ed e’ stato veramente bello e …impegnativo (per la cronaca: forniscono scarponi, ramponi, calzettoni, guanti, giacca impermeabile e a richiesta pantaloni impermeabili). Quando siamo tornati in motel eravamo bagnati come pulcini ma contenti della giornata, doccia calda e cena.

31 Ottobre 2004
Altro lungo spostamento verso Queenstown. Abbiamo fatto sosta alle Blue Pools (c’e’ da passare su un ponte in legno molto traballante… io ho avuto MOLTA paura). Abbiamo costeggiato i laghi Wanaka e Hawea, due spettacoli della natura. Un consiglio: non proseguite sulla statale ma prendete la provinciale che collega Wanaka a Queenstown, e’ più corta di circa 70 km, molto bella come manto stradale e PANORAMICA!!! Ci sono delle vedute meravigliose delle vallate. Arrivati a Queenstown abbiamo fatto un giro per il centro composto solo da negozi (che non chiudono alle 17:30 come in tutti gli altri paesi), abbiamo comprato tantissimi regali e siamo tornati in motel. Queenstown e’ bella ma penso che bastino poche ore per visitarla, a meno che uno non intenda fare sport estremi e allora questa ne e’ la capitale !!!

1 Novembre 2004
In NZ questo e’ un giorno come un altro, non hanno una festività equivalente. Altro grande spostamento verso Dunedin e lungo il tragitto nessuna tappa rilevante se non per qualche foto al panorama. Arrivati a Dunedin, trovato il motel, siamo andati al I-site a prenotare la visita ai pinguini dagli occhi gialli per il giorno dopo. Poi un giro al Otago Museum e un giretto per il centro.

2 Novembre 2004
Abbiamo fatto il giro dell’Otago Peninsula, abbiamo visitato i giardini del Larnach Castle (si possono evitare, nulla di particolarmente bello), abbiamo fatto la visita ai pinguini (molto belli) e poi abbiamo girato per la penisola, ammirando i panorami, passeggiando sulle spiagge e infine abbiamo visitato l’Aquarium.

3 Novembre 2004
Ultimo spostamento: verso Christchurch. Abbiamo fatto tappa alle Moeraki Boulders e abbiamo ammirato la bella cittadina di Oamaru (avendo tempo merita una sosta secondo me). Arrivati in città e trovato il motel abbiamo appoggiato le valige e siamo andati alla ricerca dell’aeroporto, poi abbiamo cercato la cabinovia (che ancora ci chiediamo dov’e’) e non l’abbiamo trovata. Allora siamo tornati in motel per la cena e organizzare la giornata di domani.

4 Novembre 2004
A piedi: oggi abbiamo lasciato la macchina in motel e abbiamo girato la città a piedi: Cathedral Square, Art Gallery, Art Center, giardini botanici, Canterbury Museum e infine l’Aquarium dove abbiamo finalmente visto…i KIWI… quelli pennuti !!!! sono veramente belli!!! Ed eravamo molto soddisfatti!!!! Ci siamo poi concessi una buona cena, l’ultimo giorno di vacanza, il mio compleanno… siamo andati a mangiare in un pub/ristorante molto bello e con un’ottima cucina(il “Dux De Lux”).

5 Novembre 2004
Purtroppo siamo arrivati all’ultimo giorno, abbiamo preparato le valige per il viaggio in aereo e poi abbiamo preso la macchina e visitato la Banks Peninsula, spiagge bellissime con tanta gente a passeggio e a fare surf. C’era il sole e non abbiamo resistito: ci siamo bagnati i piedi nell’oceano… mamma mia come e’ fredda l’acqua… ci e’ mancato il fiato!!!! Però dovevamo fare anche questo. Ultimo giro per il centro di Christchurch, abbiamo lasciato la macchina e ci siamo diretti all’aeroporto: alle 7:00pm avevamo l’aereo che ci riportava in Italia.

E’ stato tutto molto bello, abbiamo visto tutto quello che volevamo e siamo molto soddisfatti. Le strade sono belle, ci sono poche macchine e quindi sono tenute bene; le gallerie nelle montagne non esistono e i tornati stretti come si trovano in Italia praticamente non ci sono, le strade girano attorno alla montagna: ci sono curve ampie ma molti su e giù anche in strade dritte… cmq… NE VALE LA PENA !!!!
Tenete presente che quasi in nessun paese dopo le 9pm servono la cena: “la cucina e’ già lavata” ti senti rispondere, alle 5,30pm i negozi chiudono ma per fortuna non i supermercati.

Simona e Daniele

[print-me target=”#post-12274″]