Itinerari Roma

colosseo1

Passeggiare lungo le vie di Roma è un po’ come addentrarsi lentamente nella storia, camminare e calpestare milioni di anni di civiltà e battaglie, meravigliarsi dinnanzi alla città eterna e godere delle sue meraviglie artistiche.
Dalla Roma Repubblicana a quella imperiale, da Raffaello a Michelangelo, dal Bernini al Borromini, un tripudio di Chiese e Monumenti, sculture e marmi plasmati dal genio, regalano al visitatore la bellezza di una città che è stata culla e fulcro di storia e arte.
Tanti i posti da visitare, alcuni meno noti e non inclusi in quello che è di solito il “circuito veloce” dei turisti.
Piazza dei Cavalieri di Malta, sull’Aventino, permette un’esperienza del tutto originale e suggestiva: è possibile guardare San Pietro “dal buco della serratura”.
Il giardino, il portone e la piazza sono stati progettati proprio per permettere questo effetto ottico simpatico ed originale che lascerà tutti stupiti.
Altro posto, più noto, ma da guardare da un punto di vista diverso è senza dubbio Piazza Navona, dove si consuma idealmente la sfida al centro del Barocco che vide protagonisti Bernini contro Borromini.
Una leggenda tramanda infatti che la statua del Rio della Plata, della Fontana dei Fiumi del Bernini, tenga alzato il braccio per ripararsi dall’eventuale crollo del campanile della prospiciente chiesa di Sant’Agnese in Agone progettata dal Borromini, canzonandone così l’ardita struttura.
Si tratta di un evidente anacronismo storico, che però restituisce l’atmosfera dell’epoca, durante cui i due indiscussi maestri del Barocco italiano si sfidarono a colpi di magnificenze scultoree e architettoniche utilizzando proprio Roma come campo di battaglia.
Se state cercando un Hotel nel centro di Roma vi consigliamo di soggiornare all’Hotel Stendhal di Roma.
Roma è tutto questo e molto altro, la sua capacità di reinventarsi e presentarsi ogni volta diversa al visitatore che ci torna, è il segreto che la rende oggi come ieri Caput Mundi!

Posted by on 18 luglio 2012. Filed under Italia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>